Come funzioneranno i 100M per le startup del Lazio, spiegati da chi li ha voluti

100 milioni in 4 anni, divisi per seed e coinvestimenti con operatori istituzionali. La scelta della Regione Lazio di investire in startup spiegata in 5 brevi videointerviste ai protagonisti dell’evento

Di sicuro è la notizia più importante venuta fuori dalla settimana dedicata all’ecosistema delle startup europeo voluta dall’Unione. Il Lazio si impegna ad investire 100 milioni in startup nei prossimi 4 anni, un’operazione nuova, diversa da quelle conosciute finora nel panorama italiano, che potrà garantire una buona dose di liquidità all’ecosistema. Soldi europei, arrivati alle regioni dal Fesr, Fondo europeo sviluppo regionale. Questi 5 interventi di 5 protagonisti della Startup Europe Week romana (800 partecipanti, la più partecipata in Europa insieme a Londra) racconta di cosa si tratta, come funzioneranno, e perché è un’operazione assolutamente nuova per il panorama italiano. Le interviste sono di Aldo Pecora della redazione StartupItalia!

Nicola Zingaretti, presidente Regione Lazio

«Niente IRAP per le startup e 100 milioni dalla regione per sostenerle. A Roma l’evento di Startup Europe Week più grande d’Europa.»

Guido Fabiani, assessore Sviluppo economico

«Come funzioneranno i finanziamenti: 20M al preseed, fino a 100 mila euro a fondo perduto. 70 a politiche di espansione internazionale delle startup e 10 per open innovation. Politica sulle startup per noi è una priorità»

Andrea Ciampalini, direttore generale Lazio Innova

«Entro l’estate i primi bandi per selezionare i gestori esterni che gestiranno gli investimenti, la Regione diventerà operatore venture. Occhio al portale Gecoweb, sarà un aiuto vero per chi fa innovazione»

Gianmarco Carnovale, presidente Roma Startup

«La vera novità è che la Regione userà quei soldi per potenziare finalmente operatori di venture capital. Buona parte saranno destinati a coinvestimenti, garantirà la trasparenza degli investimenti»

Domenico Nesci, Angel Partner Group

«A Roma nasce il primo gruppo di imprenditori angel investor, abbiamo raccolto 500 mila euro da investire in startup»

Storie di ex calciatori che oggi fanno startup. Bonetti, Ponzo e gli altri

Ivano Bonetti, ex centrocampista bianconero, smessi i panni di calciatore (e poi di manager) ha lanciato Mobisafe, startup che si occupa di tecnologia applicata alla salute. Ma non è il solo.

I tassi di interesse negativi delle banche, spiegati

Che senso ha mettere soldi in banca con la certezza che varranno di meno? Figuriamoci se è la Bce a chiedere alle banche di farlo. Coi loro soldi. Eppure un senso ce l’hanno, questi tassi d’interesse a margine negativo. Vi spieghiamo perché

Gioia e cibo a cielo e (cuore) aperto. Vi racconto il mio Salone del Gusto

È la prima edizione che si svolge a cielo aperto e senza biglietto d’ingresso. In tutta Torino. Con sapori, sorrisi ed eccellenze enogastronomiche da tutto il mondo. Ma soprattutto è la possibilità di scacciare via la paura e capire quanto è bello, insieme, voler bene alla Terra.

Toronto, la città multiculturale che consuma poco e innova tanto

Sistemi per il controllo dei consumi nelle case, produzione di energia dal gas ricavato dai rifiuti, stampa in 3D alla portata di tutti: la capitale economica del Canada entra così a pieno titolo tra le smart city più importanti del mondo