Come funzioneranno i 100M per le startup del Lazio, spiegati da chi li ha voluti

100 milioni in 4 anni, divisi per seed e coinvestimenti con operatori istituzionali. La scelta della Regione Lazio di investire in startup spiegata in 5 brevi videointerviste ai protagonisti dell’evento

Di sicuro è la notizia più importante venuta fuori dalla settimana dedicata all’ecosistema delle startup europeo voluta dall’Unione. Il Lazio si impegna ad investire 100 milioni in startup nei prossimi 4 anni, un’operazione nuova, diversa da quelle conosciute finora nel panorama italiano, che potrà garantire una buona dose di liquidità all’ecosistema. Soldi europei, arrivati alle regioni dal Fesr, Fondo europeo sviluppo regionale. Questi 5 interventi di 5 protagonisti della Startup Europe Week romana (800 partecipanti, la più partecipata in Europa insieme a Londra) racconta di cosa si tratta, come funzioneranno, e perché è un’operazione assolutamente nuova per il panorama italiano. Le interviste sono di Aldo Pecora della redazione StartupItalia!

Nicola Zingaretti, presidente Regione Lazio

«Niente IRAP per le startup e 100 milioni dalla regione per sostenerle. A Roma l’evento di Startup Europe Week più grande d’Europa.»

Guido Fabiani, assessore Sviluppo economico

«Come funzioneranno i finanziamenti: 20M al preseed, fino a 100 mila euro a fondo perduto. 70 a politiche di espansione internazionale delle startup e 10 per open innovation. Politica sulle startup per noi è una priorità»

Andrea Ciampalini, direttore generale Lazio Innova

«Entro l’estate i primi bandi per selezionare i gestori esterni che gestiranno gli investimenti, la Regione diventerà operatore venture. Occhio al portale Gecoweb, sarà un aiuto vero per chi fa innovazione»

Gianmarco Carnovale, presidente Roma Startup

«La vera novità è che la Regione userà quei soldi per potenziare finalmente operatori di venture capital. Buona parte saranno destinati a coinvestimenti, garantirà la trasparenza degli investimenti»

Domenico Nesci, Angel Partner Group

«A Roma nasce il primo gruppo di imprenditori angel investor, abbiamo raccolto 500 mila euro da investire in startup»

Bill Gates che fa lo spot del Macintosh. Nel 1984

Gira negli sgabuzzini della rete un video promozionale di 32 anni fa, dove il papà della Microsoft tesse le lodi del pc che cambierà la storia di Apple e dell’informatica: il Macintosh

Il ragazzo che ha vissuto (per più di un anno) con il cuore nello zaino

Stan Larkin, 25 anni, soffriva di una malattia genetica rara, la cardiomiopatia familiare, trasmessa dai parenti di primo grado. Ha battuto il “record” sopravvivendo con il suo cuore artificiale per 17 mesi, portato dentro uno zaino. Poi il trapianto di successo.

Tornano i Trojan di stato: ma quanto sono sicuri?

Una proposta di legge non ancora presentata fa discutere sulla legittimità dei Trojan di stato per perseguire i criminali. Non si tratta solo di tutelare i diritti costituzionali, ma anche quelli delle aziende