12 domande per capire cosa vuol dire fare impresa per Jack Dorsey (sì, la mente di Twitter)

Qualche giorno fa Jack Dorsey ha concesso una live chat alla community di Product Hunt nella quale ha parlato di passato, futuro, ispirazione e ha dato numerosi consigli. Ne è uscita un’intervista da manuale

Non credo che Jack Dorsey abbia bisogno di presentazioni. È il fondatore di Twitter e di Square ed è considerato da molti uno degli innovatori più brillanti della nostra epoca. Qualche giorno fa Jack ha concesso una live chat alla community di Product Hunt nella quale ha parlato di passato, futuro, ispirazione e ha dato numerosi consigli. Aldilà dell’intervista con Jack Dorsey, ti consiglio di tenere d’occhio la sezione “live” di Product Hunt perché è un’ottima risorsa, piena di materiale utile e spunti interessanti.

Jack-Dorsey-Twitter-CEOLa live chat si è aperta in modo inaspettato, con chiacchiere leggere su musica Rap, abitudini mattutine e battute sulle migliori emoji, mostrando il lato umano di Dorsey. Poi però dopo poco, molte delle domande si sono subito concentrate su Twitter, Square e, più in generale, consigli di vita da imprenditore. Ecco quelle più interessanti sugli aspetti di business e imprenditorialità.

Chris: Quali sono le metriche di cui tieni traccia per tenere sotto controllo la crescita di Twitter sia come network che come business?

Jack: Quello che conta per me è costruire qualcosa di utile tutti i giorni. È la prima cosa che le persone controllano quando si svegliano perché vogliono vedere il mondo, ed è il primo posto dove vanno le persone quando hanno qualcosa da dire o cercano una conversazione. Tutto ciò che succede nel mondo è su Twitter, e io voglio assicurarmi che tutti possano partecipare.

Aishwarya: Che consigli ti senti di dare a un ventiquattrenne la cui vita sembra un grosso punto interrogativo?

Jack: Concentrati su quello che ti spinge e ciò che ti appassiona. E cerca persone in gamba che ti supportino.

Satyajeet: Qual è la qualità più importante che guardi quando devi assumere?

Jack: Quando assumo cerco la passione. È l’unica cosa che non può essere insegnata. Perché Square? Perché Twitter? Se nella risposta vedo passione per lo scopo, allora cerco leadership e skill. I miei primi pensieri sono passione, scopo e principi. 

Simon: Che consiglio daresti a chi lavora ed è contemporaneamente all’università? Si possono ottenere entrambe le cose?

Jack: Si. Ma devi capire tu come ottenere il meglio da esse. Io, ad esempio, ho imparato molto di più fuori dall’università, ma questo vale per me. Non esiste un’unica risposta a questa domanda.

Matt: Qual è quella cosa che vedi nel futuro ma di cui altri dubitano ancora?

Jack: La tecnologia è una leva. Uno strumento. E i buoni strumenti dovrebbero renderci più efficienti, creativi e potenti. Credo che se costruiamo con quest’intenzione, continueremo a ridurre le barriere tra di noi e porteremo tutti allo stesso livello. Sono molto positivo e ottimista sul futuro, e credo che al momento siamo circondati da una narrativa molto pessimista. 

Jack: Sei un uomo molto impegnato, come bilanci il tuo tempo tra Twitter e Square?

Jack: Mi sono costruito una routine. Le stesse cose tutti i giorni. Mi permette di vivere in uno stato “stabile” grazie al quale posso reagire in maniera efficace a tutto ciò che è imprevisto.

Paul: Come ti rilassi fuori dall’orario d’ufficio?

Jack: Meditazione, esercizio e cene con gli amici. Niente fuori dall’ordinario. 

Alix: Quali sono i libri che ti hanno influenzato di più o, in generale, i tuoi preferiti?

Jack: Tao te Ching, Score takes care of itself, Between the world and me, The four agreements, Il vecchio e il mare… Amo leggere!

Michael: Qual è un suggerimento che potrebbe sembrare ovvio ma che probabilmente non lo è?

Jack: L’importanza di costruire un team dinamico. Non concentrarsi solamente su singole superstar ma capire cosa ognuno può apportare al team.

Charles: Qual è stata la più grande distrazione come imprenditore?

Jack: Essere stato reattivo al “rumore” esterno.

Stefan: Cosa ti ha ispirato tanto?

Jack: Recentemente Malala.

Kingsong: Quale importante lezione di Twitter stai applicando adesso su Square?

Jack: L’importanza delle metriche e la capacità di saperle osservare. Team e cultura aziendale. La capacità di dare priorità (che include l’abilità di scommettere su cosa può funzionare e cosa no).

FabriQ Acceleration Program 2017. Qui la call

C’è tempo fino al 26 marzo per applicare. Verranno selezionate 20 startup che parteciperanno al percorso di pre-accelerazione, fra queste ne verranno poi scelte fino a un massimo di 7 che riceveranno Seed Money e accederanno al percorso di accelerazione

Il “ricatto” cinese che ha fatto crollare bitcoin di 100 dollari in 1 minuto, spiegato

Bitcoin era tornato sopra i mille dollari e in un minuto è sceso di 100. Per colpa dei cinesi e, soprattutto, di un paradosso: i governi non possono controllare bitcoin ma possono, con le loro scelte, influenzarne l’andamento. Abbiamo cercato di capire il perché con il founder di Euklid, Antonio Simeone

Il metodo Jump che rende la matematica facile per tutti

Un insegnante canadese ha sviluppato un metodo di insegnamento che scompone un problema in tanti piccoli segmenti. E ha dimostrato che anche gli studenti più restii possono appassionarsi alla materia

Il papà dell’auto senza pilota sta creando un gruppo per inventare la cucina del futuro

Un misterioso annuncio di lavoro lancia segnali sulla nuova scommessa di Sebastian Thrun, una delle star della Silicon Valley: “Rivoluzioneremo il modo di preparare pasti quotidiani e salutari”

Come cambia il futuro del cibo e il senso del nostro (ultimo) caffè con le startup

Quattro settimane, quattro grandi temi e sfide per il futuro. A due passi dal Duomo di Milano. L’ultima The Next Tech Breakfast di StartupItalia! è dedicata al Foodtech, al futuro del cibo al cibo del futuro: una scommessa che per l’Italia vale 1 milione di nuovi posti di lavoro entro i prossimi 10 anni

Vodafone accelera le startup dedicate all’universo femminile: ecco le prime 5

Il Vodafone Institute for Society and Communications ha selezionato 5 startup per il programma di accelerazione F-LANE in partenza a Berlino. Tutte realtà che hanno come obiettivo il miglioramento della vita delle donne grazie alle loro soluzioni tecnologiche