Cisco investirà 100 milioni in Italia, anche in startup. E lo farà con Invitalia Ventures

La multinazionale californiana ha annunciato oggi una strategia di investimento in tre anni in Italia per aiutare il paese a digitalizzarsi. Investirà in startup italiane con Invitalia Ventures

Cisco che ha deciso di investire in Italia. 100 milioni contribuire a digitalizzare il paese partendo da scuola pubblica amministrazione e startup. E lo farà con Invitalia Ventures, la società di venture capital controllata da Invtalia guidata da giugno 2015 da Salvo Mizzi. A dirla tutta, è quello che molti nel settore si auguravano: capitali da investire in Italia da qualcuno che l’innovazione la fa davvero. Magari all’estero. Magari una multinazionale ITC. Si è sperato in Apple prima con il discorso di Tim Cook alla Bocconi, e in Microsoft dopo quando a Roma è andato in scena Satya Nadella reduce da un tour europeo fatto di fondi e accordi commerciali. Invece la prima a muoversi è stata la multinazionale californiana.

Cisco

La decisione di Cisco di investire in Italia e di fatto con il governo Italiano è emersa dopo l’incontro tra il premier Matteo Renzi, il CEO di Cisco Chuck Robbins e l’amministratore delegato di Cisco Italia Agostino Santoni. E Renzi non si è fatto sfuggire l’occasione per ribadire che «l’Italia è sempre più aperta e attrattiva per gli investimenti internazionali. Con grandi aziende globali che non fanno più mordi e fuggi come in passato, ma hanno deciso di puntare sul nostro Paese, di scommettere sul suo futuro». La multinazionale californiana, leader nel settore dell’information technology che ha annunciato una serie di investimenti strategici in Italia per un valore di 100 milioni di dollari nei prossimi tre anni. L’investimento è su più fronti: lo sviluppo delle competenze digitali e della consapevolezza delle opportunità offerte dal digitale ed il sostegno alla comunità delle startup innovative italiane.

Partiamo dalle startup. L’investimento di Cisco consentirà all’azienda di far parte dello sviluppo delle startup italiane e di contribuire ad accelerare il potenziale tecnologico dell’Italia. Lo farà con Invitalia Ventures, che in un tweet si è detta orgogliosa del nuovo investment partner, tra i più prestigiosi che si sono imbarcati finora nella sfida della società, che lo scorso dicembre aveva annunciato a StartupItalia! i primi 3 investimenti. Giusto per un paragone, 100 milioni (o poco più) è quanto il venture ha mosso nel 2015 nelle startup italiane, secondo i dati elaborati da StartupItalia! a dicembre 2015. 

Per sviluppare consapevolezza e competenze digitali in Italia, Cisco ha firmato un accordo con il Ministero dell’istruzione, università e ricerca che prevede azioni di formazione per docenti e studenti sui percorsi del programma Cisco Network Academy, permettendo a questi ultimi di acquisire le nuove competenze digitali richieste dal mercato ed avere quindi maggiori opportunità di occupazione. Cisco quindi amplierà ulteriormente il suo Programma Networking Academy, nato per fornire le competenze necessarie oggi e in futuro per operare con successo in un mondo sempre più interconnesso, inserendo moduli focalizzati sulle tecnologie per l’industria 4.0 e la cybersecurity.

(a.r)

Tondelli (Gli Stati Generali): «Il nostro giornale, senza giornalisti. Internet ha messo l’informazione nelle mani di tutti»

E’ stato il fondatore de Linkiesta, ora dirige un giornale online dove quasi tutti i contributors scrivono gratis e ogni mese premia il più cliccato con mille euro. Jacopo Tondelli parla a Startupitalia, e sul futuro del giornalismo ai tempi di Facebook e Google dice: «per arginare lo strapotere dei contenitori dipenderà tutto dalla nostra capacità di produrre contenuti»

Professione: creatore di contenuti. Quanto guadagna davvero chi scrive per il web

Negli Usa un giornalista o creatore di contenuti per il web può guadagnare fino a 100 mila dollari l’anno, in Italia la media è intorno ai 10 mila. Ma se si è scaltri si può guadagnare molto di più e vivere felici

La filosofia può insegnare ai ragazzi ciò che non si trova su Google

L’Irlanda sta pensando di introdurre la filosofia tra le materie scolastiche già dalle elementari. Per offrire ai ragazzi gli strumenti per un pensiero critico che guardi (anche) al futuro del lavoro

Storia del fast food e di un brand che ha rivoluzionato il nostro modo di mangiare, McDonald’s

Così, 70 anni fa, due fratelli americani hanno portato la catena di montaggio nella cucina di un ristorante, costringendo tutti gli altri ad adeguarsi. E oggi coi Big Mac si misura anche quanto valgono i soldi nel mondo

Deutsche Telekom investe 4,1 milioni di dollari su Roambee (IoT)

Roambee ha ricevuto 4.1 milioni di dollari da parte di Deutsche Telekom Strategic Investments (DTSI). La mossa risponde ad una precisa strategia di open innovation da parte dell’azienda