Cisco investirà 100 milioni in Italia, anche in startup. E lo farà con Invitalia Ventures

La multinazionale californiana ha annunciato oggi una strategia di investimento in tre anni in Italia per aiutare il paese a digitalizzarsi. Investirà in startup italiane con Invitalia Ventures

Cisco che ha deciso di investire in Italia. 100 milioni contribuire a digitalizzare il paese partendo da scuola pubblica amministrazione e startup. E lo farà con Invitalia Ventures, la società di venture capital controllata da Invtalia guidata da giugno 2015 da Salvo Mizzi. A dirla tutta, è quello che molti nel settore si auguravano: capitali da investire in Italia da qualcuno che l’innovazione la fa davvero. Magari all’estero. Magari una multinazionale ITC. Si è sperato in Apple prima con il discorso di Tim Cook alla Bocconi, e in Microsoft dopo quando a Roma è andato in scena Satya Nadella reduce da un tour europeo fatto di fondi e accordi commerciali. Invece la prima a muoversi è stata la multinazionale californiana.

Cisco

La decisione di Cisco di investire in Italia e di fatto con il governo Italiano è emersa dopo l’incontro tra il premier Matteo Renzi, il CEO di Cisco Chuck Robbins e l’amministratore delegato di Cisco Italia Agostino Santoni. E Renzi non si è fatto sfuggire l’occasione per ribadire che «l’Italia è sempre più aperta e attrattiva per gli investimenti internazionali. Con grandi aziende globali che non fanno più mordi e fuggi come in passato, ma hanno deciso di puntare sul nostro Paese, di scommettere sul suo futuro». La multinazionale californiana, leader nel settore dell’information technology che ha annunciato una serie di investimenti strategici in Italia per un valore di 100 milioni di dollari nei prossimi tre anni. L’investimento è su più fronti: lo sviluppo delle competenze digitali e della consapevolezza delle opportunità offerte dal digitale ed il sostegno alla comunità delle startup innovative italiane.

Partiamo dalle startup. L’investimento di Cisco consentirà all’azienda di far parte dello sviluppo delle startup italiane e di contribuire ad accelerare il potenziale tecnologico dell’Italia. Lo farà con Invitalia Ventures, che in un tweet si è detta orgogliosa del nuovo investment partner, tra i più prestigiosi che si sono imbarcati finora nella sfida della società, che lo scorso dicembre aveva annunciato a StartupItalia! i primi 3 investimenti. Giusto per un paragone, 100 milioni (o poco più) è quanto il venture ha mosso nel 2015 nelle startup italiane, secondo i dati elaborati da StartupItalia! a dicembre 2015. 

Per sviluppare consapevolezza e competenze digitali in Italia, Cisco ha firmato un accordo con il Ministero dell’istruzione, università e ricerca che prevede azioni di formazione per docenti e studenti sui percorsi del programma Cisco Network Academy, permettendo a questi ultimi di acquisire le nuove competenze digitali richieste dal mercato ed avere quindi maggiori opportunità di occupazione. Cisco quindi amplierà ulteriormente il suo Programma Networking Academy, nato per fornire le competenze necessarie oggi e in futuro per operare con successo in un mondo sempre più interconnesso, inserendo moduli focalizzati sulle tecnologie per l’industria 4.0 e la cybersecurity.

(a.r)

Creabilis (Ivrea/Kent) venduta per 150 milioni al colosso americano Sienna Biopharmaceuticals

La startup ha sede nel Kent (contea UK) ma il processo di ricerca e di sviluppo del prodotto è tutto made in Italy. Ha sviluppato un sistema in grado di localizzare l’effetto dei farmaci dermatologici a livello della pelle

Il rino-robot per proteggere i rinoceronti dal bracconaggio. Ramakera

Ramakera è un robot con le sembianze di un rinoceronte, in grado di monitorare e proteggere il gruppo di animali in cui si trova. Una possibile misura contro il bracconaggio che, a causa dei corni, sta spingendo questo animale verso una rapida estinzione.

Tecnologia e hardware, com’è stato il 2016 degli investimenti e dove vanno le big. Il report

La tecnologia primeggia nelle operazioni M&A per il secondo anno consecutivo e raggiunge la vetta nelle fusioni e acquisizioni a livello globale per la seconda volta dal 2000. Le innovazioni in realtà aumentata, realtà virtuale e l’Internet delle Cose (IoT) i settori nel mirino degli investitori nell’hardware

A colloquio con la spia che adesso protegge le aziende. Intervista a Dave Palmer (Darktrace)

L’azienda ha sviluppato un approccio alla cyber-defense che mima il comportamento del sistema immunitario umano di fronte alle minacce virali. Il suo CTO, Dave Palmer, ha lavorato con il MI5