Vulcanìc lancia una call per startup a Catania

Tre gli ambiti individuati da Vulcanìc: innovazione sociale digitale, agricoltura sostenibile e cooperazione innovativa. Per partecipare c’è tempo fino al 29 febbraio 2016

Per tutti coloro che vogliono trasformare un’idea in impresa arriva Vulcanìc, il primo incubatore che in Sicilia attiva programmi interamente rivolti a trasformare le idee in attività sostenibili, in grado di affrontare il mercato e creare un impatto positivo sul territorio.

Le Call “Da idea a progetto”, attivate da Vulcanìc grazie al contributo di investitori, sponsor e
partner commerciali, mirano a selezionare idee d’impresa in grado di risolvere un problema,
migliorare un servizio, innovare il mercato.

Tre gli ambiti, le Call, individuate da Vulcanìc: innovazione sociale digitale, agricoltura sostenibile e cooperazione innovativa.

1024x512-vulcanic

Partner dell’iniziativa sono Sheraton Catania Hotel e Confcooperative: queste due importanti realtà, insieme a Vulcanìc, daranno la possibilità di affrontare le sfide del mercato con una solida formazione da imprenditore e un prezioso network di tutor, business angel e imprenditori.

Per quanto riguarda la Call CoopUp di Confcooperative, essa è rivolta a progetti imprenditoriali in fase pre-startup che intendono valorizzare lo spirito cooperativo per dare vita a nuove economie.

Interamente finanziato dal progetto CoopUp di Confcooperative, partner di Vulcanìc, la call CoopUpCall 2016 avrà una durata di 12 mesi, divisa tra 6 di incubazione e 6 di tutoring.

Vulcanìc

La Call HortoinHotel, interamente finanziata da Sheraton Hotel, avrà una durata di 12 mesi, tra 6 di incubazione e 6 di tutoring: l’opportunità che i candidati dovranno cogliere partecipando a questo programma viene offerta dal ristorante “Il Timo Gourmet Restaurant” di Sheraton Catania Hotel; realizzare l’orto di prodotti biologici, adiacente le cucine del ristorante Il Timo Gourmet Restaurant, potrà garantire prodotti di altissima qualità, a chilometro zero, per soddisfare le richieste dello chef Saverio e della sua esigente clientela.

Infine la Call Innovazione Sociale Digitale promuove la tecnologia che viene considerata come uno strumento al servizio dei bisogni sociali e dello sviluppo del territorio, le cosiddette tecnologie abilitanti: i progetti dovranno essere in grado di fare delle tecnologie abilitanti la leva per generare inclusione sociale, oltre che sostenibilità economica e ambientale; anche in questo caso il progetto avrà una durata di 12 mesi, tra 6 di incubazione e 6 di tutoring.

Per partecipare e per presentare le idee c’è tempo fino al 29 febbraio 2016.

Creabilis (Ivrea/Kent) venduta per 150 milioni al colosso americano Sienna Biopharmaceuticals

La startup ha sede nel Kent (contea UK) ma il processo di ricerca e di sviluppo del prodotto è tutto made in Italy. Ha sviluppato un sistema in grado di localizzare l’effetto dei farmaci dermatologici a livello della pelle

Il rino-robot per proteggere i rinoceronti dal bracconaggio. Ramakera

Ramakera è un robot con le sembianze di un rinoceronte, in grado di monitorare e proteggere il gruppo di animali in cui si trova. Una possibile misura contro il bracconaggio che, a causa dei corni, sta spingendo questo animale verso una rapida estinzione.

Tecnologia e hardware, com’è stato il 2016 degli investimenti e dove vanno le big. Il report

La tecnologia primeggia nelle operazioni M&A per il secondo anno consecutivo e raggiunge la vetta nelle fusioni e acquisizioni a livello globale per la seconda volta dal 2000. Le innovazioni in realtà aumentata, realtà virtuale e l’Internet delle Cose (IoT) i settori nel mirino degli investitori nell’hardware

A colloquio con la spia che adesso protegge le aziende. Intervista a Dave Palmer (Darktrace)

L’azienda ha sviluppato un approccio alla cyber-defense che mima il comportamento del sistema immunitario umano di fronte alle minacce virali. Il suo CTO, Dave Palmer, ha lavorato con il MI5