Vulcanìc lancia una call per startup a Catania

Tre gli ambiti individuati da Vulcanìc: innovazione sociale digitale, agricoltura sostenibile e cooperazione innovativa. Per partecipare c’è tempo fino al 29 febbraio 2016

Per tutti coloro che vogliono trasformare un’idea in impresa arriva Vulcanìc, il primo incubatore che in Sicilia attiva programmi interamente rivolti a trasformare le idee in attività sostenibili, in grado di affrontare il mercato e creare un impatto positivo sul territorio.

Le Call “Da idea a progetto”, attivate da Vulcanìc grazie al contributo di investitori, sponsor e
partner commerciali, mirano a selezionare idee d’impresa in grado di risolvere un problema,
migliorare un servizio, innovare il mercato.

Tre gli ambiti, le Call, individuate da Vulcanìc: innovazione sociale digitale, agricoltura sostenibile e cooperazione innovativa.

1024x512-vulcanic

Partner dell’iniziativa sono Sheraton Catania Hotel e Confcooperative: queste due importanti realtà, insieme a Vulcanìc, daranno la possibilità di affrontare le sfide del mercato con una solida formazione da imprenditore e un prezioso network di tutor, business angel e imprenditori.

Per quanto riguarda la Call CoopUp di Confcooperative, essa è rivolta a progetti imprenditoriali in fase pre-startup che intendono valorizzare lo spirito cooperativo per dare vita a nuove economie.

Interamente finanziato dal progetto CoopUp di Confcooperative, partner di Vulcanìc, la call CoopUpCall 2016 avrà una durata di 12 mesi, divisa tra 6 di incubazione e 6 di tutoring.

Vulcanìc

La Call HortoinHotel, interamente finanziata da Sheraton Hotel, avrà una durata di 12 mesi, tra 6 di incubazione e 6 di tutoring: l’opportunità che i candidati dovranno cogliere partecipando a questo programma viene offerta dal ristorante “Il Timo Gourmet Restaurant” di Sheraton Catania Hotel; realizzare l’orto di prodotti biologici, adiacente le cucine del ristorante Il Timo Gourmet Restaurant, potrà garantire prodotti di altissima qualità, a chilometro zero, per soddisfare le richieste dello chef Saverio e della sua esigente clientela.

Infine la Call Innovazione Sociale Digitale promuove la tecnologia che viene considerata come uno strumento al servizio dei bisogni sociali e dello sviluppo del territorio, le cosiddette tecnologie abilitanti: i progetti dovranno essere in grado di fare delle tecnologie abilitanti la leva per generare inclusione sociale, oltre che sostenibilità economica e ambientale; anche in questo caso il progetto avrà una durata di 12 mesi, tra 6 di incubazione e 6 di tutoring.

Per partecipare e per presentare le idee c’è tempo fino al 29 febbraio 2016.

Tondelli (Gli Stati Generali): «Il nostro giornale, senza giornalisti. Internet ha messo l’informazione nelle mani di tutti»

E’ stato il fondatore de Linkiesta, ora dirige un giornale online dove quasi tutti i contributors scrivono gratis e ogni mese premia il più cliccato con mille euro. Jacopo Tondelli parla a Startupitalia, e sul futuro del giornalismo ai tempi di Facebook e Google dice: «per arginare lo strapotere dei contenitori dipenderà tutto dalla nostra capacità di produrre contenuti»

Professione: creatore di contenuti. Quanto guadagna davvero chi scrive per il web

Negli Usa un giornalista o creatore di contenuti per il web può guadagnare fino a 100 mila dollari l’anno, in Italia la media è intorno ai 10 mila. Ma se si è scaltri si può guadagnare molto di più e vivere felici

La filosofia può insegnare ai ragazzi ciò che non si trova su Google

L’Irlanda sta pensando di introdurre la filosofia tra le materie scolastiche già dalle elementari. Per offrire ai ragazzi gli strumenti per un pensiero critico che guardi (anche) al futuro del lavoro

Storia del fast food e di un brand che ha rivoluzionato il nostro modo di mangiare, McDonald’s

Così, 70 anni fa, due fratelli americani hanno portato la catena di montaggio nella cucina di un ristorante, costringendo tutti gli altri ad adeguarsi. E oggi coi Big Mac si misura anche quanto valgono i soldi nel mondo

Deutsche Telekom investe 4,1 milioni di dollari su Roambee (IoT)

Roambee ha ricevuto 4.1 milioni di dollari da parte di Deutsche Telekom Strategic Investments (DTSI). La mossa risponde ad una precisa strategia di open innovation da parte dell’azienda