Per aprire una startup non servirà più il notaio, arriva la firma del ministro Guidi

C’è la firma del ministro dello Sviluppo economico, ora bisognerà aspettare l’approvazione della modulistica.

A breve si potrà creare una startup innovativa online e senza intermediari. Il ministro dello Sviluppo economico Federica Guidi ha firmato il decreto atteso da tempo dall’ecosistema che introduce la possibilità di costituire una startup innovativa, che rispecchia cioè i caratteri previsti dall’omonimo registro, mediante un modello standard tipizzato. Si farà con firma digitale, ferma restando la possibilità di costituire la società per atto pubblico.

Moduli online redatti direttamente dai soci

«Con successivo decreto direttoriale sarà approvato il modello informatico e la modulistica per la trasmissione e iscrizione al Registro delle imprese, direttamente compilabile online» si legge nel comunicato. Quello che importa alle startup è che gli atti potranno essere redatti direttamente dai soci della startup oppure avvalendosi dell’Ufficio del Registro delle imprese che autenticherà le sottoscrizioni e procederà in tempo reale all’iscrizione, permettendo la nascita della società contestualmente all’apposizione dell’ultima firma.

Si chiuderà forse così una querelle che va avanti da tempo tra notai e stakeholder. Con buona pace di quelli che vedevano nella norma un rischio di scardinare l’intera normativa societaria italiana. A questo si aggiunge uno studio della Banca Mondiale secondo il quale le terze parti rallentano troppo chi vuole fare impresa e startup: i numeri e le ragioni dello studio Doing Business 2015

Ti potrebbe interessare anche

Guida legale, Polihub metterà a disposizione degli avvocati per le proprie startup

StartUp Pulse nasce dalla collaborazione tra PoliHub e lo studio legale Crupi & Associati. Il servizio mette gratuitamente al servizio delle startup un team di legali, commercialisti e notai

Tre anni di leggi sulle startup, riassunte. Firpo: «Ora serve attrarre investimenti»

Intervista a Stefano Firpo, direttore generale per la politica industriale al Mise, che racconta tre anni di leggi sulle startup, cosa è stato fatto e cosa manca

3 cose che ho imparato a fare per non chiudere dopo 3 anni la mia startup

Una startup non è una pizzeria, lo sappiamo. Ma ci sono degli aspetti in comune, e altri no. Ecco cosa ho imparato in 3 anni di Viaggiart

Arriva il primo investimento ufficiale di Invitalia Ventures: 1,5milioni a D-Eye con Innogest

E’ il primo dei 3 investimenti per 3,5 milioni totali. Si parte con 1,5 milioni messi insieme a Innogest, Fondazione Cottino e Si14 in nella startup D-Eye.

La frutta brutta ora è sugli scaffali di Walmart (per ridurre gli sprechi alimentari)

Il colosso americano del grocery ha lanciato delle linee di frutta e ortaggi dalle forme non “convenzionali”: per trasmettere il messaggio che una mela bitorzoluta è buona comunque, e non va sprecata

OBI, il robot che aiuta i malati di SLA a mangiare da soli

OBI è un robot che vuole restituire la capacità di nutrirsi da soli ai malati di Sclerosi Laterale Amiotrofica. Pesa poco più di 3 kg e le parti dove viene posato il cibo possono essere messe in lavastoviglie. La batteria ha un’autonomia di 4 ore.