La sfida di Milano a Airbnb, Italianway nel primo anno raccoglie 1,3 milioni

La startup italiana attiva nell’accoglienza turistica a Milano punta a superare i 7,6 milioni nel 2016

Italianway, la startup italiana attiva nell’accoglienza turistica a Milano sul modello dell’ospitalità diffusa, chiude il primo anno di attività con 22.000 persone ospitate nei cento appartamenti gestiti.

Con 15 dipendenti assunti a tempo indeterminato, tutti ragazzi giovani anche rientrati dall’estero che conoscono almeno 3 lingue, Italianway nel 2015 ha avuto un giro d’affari di circa 1,3 milioni di euro. E nel 2016 punta a superare i 7,6 milioni di euro.

Italianway offre soluzioni abitative arredate con l’eleganza del design Made in Italy, in affitto anche giornaliero, ma con i servizi tipici dell’hotellerie – pulizie, assistenza 7 giorni su 7, prenotazione biglietti per musei e spettacoli, chef a domicilio e servizi personalizzati. I turisti sono affiancati da un personal concierge costantemente a disposizione, che, oltre a garantire la qualità del soggiorno, dà consigli sulle caratteristiche più tipiche e intriganti della città e dei quartieri. Italianway propone infatti ai clienti attività e itinerari, vere e proprie “esperienze di vita milanese”, che valorizzino le opportunità che la città può offrire.

DavideScarantino_Italianway

«Siamo arrivati a 100 appartamenti in gestione, in linea con gli obiettivi che ci eravamo prefissati», ha dichiarato Davide Scarantino, socio fondatore di Italianway e AD di HQ Industrial Assets., aggiungendo che «puntiamo a raggiungere i 200 entro la fine del 2016 per diventare nel 2017 la principale struttura recettiva di ospitalità diffusa a Milano. Infatti operiamo in un mercato che, spinto anche dalla ventata di novità portata da Airbnb, sta creando nuova occupazione e si sta sempre più professionalizzando sul modello delle altre capitali europee. Un cambiamento importantissimo per il settore della recettività turistica, simile a quello portato dalle compagnie low cost nel settore aereo. Anche per questo stiamo anche aprendo reception diffuse strategicamente nella città».

Fondata a ottobre 2014, Italianway nasce dall’incontro di esperienze e competenze diverse. Immobiliari e alberghiere quelle dell’Impresa Edilpark, storica azienda meneghina fondata negli anni ‘50 dalla famiglia Bulgheroni, che opera nell’edilizia a Milano e in tutta Lombardia. Esperienze nel mondo di Internet e dell’innovazione tecnologica sono, invece, quelle del Gruppo HQ, incubatore di progetti basati sulla tecnologia Internet e sulle Telecomunicazioni e specializzato, inoltre, in startup ad alto contenuto innovativo.

«Milano dimostra ancora una volta di saper essere una città moderna, capace di recepire l’innovazione e di valorizzarla facendola propria, con grande soddisfazione dei turisti», ha commentato Gianluca Bulgheroni, socio fondatore di Italianway e Amministratore dell’Impresa Edilpark. «Oltre due terzi dei nostri ospiti ci hanno rivelato che suggeriranno a conoscenti e amici di visitare Milano per vacanze e shopping. Il nostro modello di business è infatti win win sia per i turisti sia per i proprietari che non solo non perdono la disponibilità dell’immobile, ma anzi lo valorizzano mettendolo a reddito senza il rischio del credito. Un modello di business vincente che in futuro si potrebbe applicare agli immobili inutilizzati del Demanio».

In un panorama immobiliare milanese che vede grossi volumi di residenziale invenduto a causa della persistente crisi economica, il progetto di Italianway permette di valorizzare al meglio gli immobili sia a livello nazionale sia internazionale restituendogli una nuova vita, non solo commerciale ma anche con una valorizzazione culturale.

Chi c’è e di cosa si parla al Data Driven Innovation a Roma

24 e 25 febbraio il Dipartimento di Ingegneria dell’Università Roma Tre ospita la seconda edizione dell’appuntamento dedicato alla data driven innovation. Fra gli speaker Raffaele Lillo (Italian Digital Transformation Team) che interviene sul tema Digital Transformation of the Italian Government

«Più sei popolare su Facebook più ti facciamo risparmiare su quello che compri»

Il potere degli influencer applicato all’eCommerce: fare un post su Facebook dicendo cosa compri può valere dai 5 ai 10 euro. E’ l’algoritmo della startup italiana Worldz. Dopo il round da 150K abbiamo intervistato il founder e Ceo, Joshua Priore

Parte Renew the book per accelerare le migliori startup editoriali

Algoritmi o community online? Chi sceglierà i libri che leggeremo domani? Abbiamo chiesto a Tomaso Greco di bookabook di raccontarci che cos’è Renew the book, il contest di accelerazione riservato a cinque startup che innovano l’editoria libraria

Perché per un mese, ogni martedì, siamo usciti dalla nostra redazione (e non finisce qui)

Siamo bravi con le parole, ma ci piace di più fare: così è nato un format di networking “leggero” e anche un po’ “carbonaro”. Le quattro colazioni The Next Tech a Milano con le startup sono state utili? Chiedete pure feedback a chi c’era