Startup costretta a mandare una lettera ai dipendenti: «Smettetela di fare sesso sulle scale»

E’ quanto successo a Zenefits, la lettera pubblicata dal Wall Street Journal ha smontato uno dei paradigmi della società: work hard, party hard

Ci sono molti problemi che una startup deve affrontare per crescere. Il più curioso forse è quello che ha dovuto affrontare il management della californiana Zenefits, software che aiuta le aziende nella selezione del personale, uscita nel 2013 da Y-Combinator. Secondo quanto riportato dal Wall Street Journal la scorsa estate il direttore del personale Emily Agin ha inviato una mail allo staff di San Francisco dell’azienda invitando a smetterla con «comportamenti poco opportuni» nella sede della società.

1411647958856_wps_23_28_Jun_2011_Teenagers_smo

Nella lettera si legge che: «E’ stato portato alla nostra attenzione da parte dei custodi del palazzo e della sicurezza che le scale interne vengono usate in modo inappropriato… Sigarette, bicchieri di birra e diversi preservativi usati sono stati trovati nei pressi delle scale. Sì, avete letto bene. Non si possono usare le scale per fumare, bere, mangiare o fare sesso. Per piacere rispettate il palazzo e le policy aziendali. E usate il buon senso».

La mail ha messo a fuoco il comportamento troppo festaiolo di una parte dell’azienda, in particolare quella incaricata del reparto vendite. Questo ha messo un po’ alla berlina pubblicamente il gruppo di lavoro, accusato di essere poco maturo. Anche per una startup. La società sembrava avere esagerato con la mentalità «lavora duro, divertiti tanto» durante le 15 ore giornaliere a cui i dipendenti erano chiamati negli spazi di coworking. Una mentalità che aveva in particolare l’ex Ceo Parker Conrad che ha dovuto lasciare la società mesi fa per problemi con gli stakeholder.

Ti potrebbe interessare anche

21M di fatturato in crescita del 1.700% nel 2015. Afinna One, innovazione spiegata coi tatuaggi

Storia di una delle aziende cresciute di più in Italia nel 2015. Afinna One racconta la propria strategia per conquistare i mercati, con una metafora singolare

Brusson (Blablacar): «Abbiamo 200M ma non siamo ancora redditizi. Uber? Non è sharing economy»

Abbiamo intervistato il founder di Blablacar Nicolas Bresson che racconta le strategia di crescita dell’azienda, il round D da 200 milioni e perché alcuni big mondiali hanno diffuso un concetto distorto di sharing economy

Cosa fa Ganiza, l’app siciliana scelta per pitchare davanti a Tim Cook (Apple)

Un’app che organizza in modo intelligente le serate tra amici, Ganiza è tra le 5 startup che hanno incontrato a Roma Tim Cook. Chi sono e cosa fanno i founders dell’azienda incubata a Working Capital

Due startup italiane selezionate dal più ambito programma europeo sulle SmartCity, Cognicity

Qurami e Snapback sono state selezionate dal famoso programma verticale sulle smartcity CogniCity. Voleranno a Londra

Aumento di capitale per Satispay, già raccolti 14 milioni. Obiettivo: mercato estero

Risorse da record per la startup italiana dei pagamenti digitali fondata da Alberto Dalmasso, Dario Brignone e Samuele Pinta. I fondi raccolti saranno destinati all’internazionalizzazione del prodotto. A partire dalla Germania

Chi compra l’usato guadagna 900 euro all’anno. Intervista alla CEO di Subito.it

Secondo l’Osservatorio 2016 Second Hand Economy condotto da DOXA, la compravendita dell’usato cresce di €1 miliardo nel 2016 e ora vale l’1,1% del PIL. Abbiamo sentito Melany Libraro per capire come cambiano le abitudini degli italiani

La centrifuga di Iscleanair ripulisce l’aria dagli inquinanti senza usare filtri

La scaleup, che è inserita nel programma di accelerazione Eit Digital, propone un dispositivo in grado di migliorare la qualità degli ambienti interni ed esterni, sfruttando l’abbattimento in acqua. La sua soluzione può aiutare anche la rigenerazione urbana

Quanto sono sicuri i tuoi sistemi? Ecco cosa ci dice il rapporto Verizon sulle violazioni informatiche

Ransomware e phishing sono in aumento, i settori finanziario e sanitario tra i più colpiti, ma anche le piccole imprese non stanno tranquille. Entusiasmo, distrazione, curiosità e incertezza sono i cavalli di Troia