100mila sterline al design italiano di IDA, la startup milanese crescerà a Londra

i2i, compagnia controllata del gruppo The Family Officer con sede a Londra, ha deciso di investire nella società di Francesco Santilli, Federico Baldelli e Dario Martelli

IDA Italian Design Agency, dopo il lancio dello scorsa primavera della piattaforma che esporta il design made in Italy, può festeggiare un grande traguardo, avendo ottenuto un fondo di 100 mila sterline dalla società di Venture Capital i2i.

i2i è una compagnia controllata del gruppo The Family Officer con sede a Londra (e una ventina di uffici in tutto il mondo) che ha deciso di investire nella società di Francesco Santilli, Federico Baldelli e Dario Martelli.

IDA

Una scelta naturale dal momento che i2i, con il suo Ceo Matteo Cerri, investe in progetti legati al made in Italy con lo scopo di aumentare la presenza italiana nel mondo degli affari a Londra e dare sostegno ai progetti più brillanti creati nella City da italiani.

Il sito di IDA è suddiviso in sezioni: visual, fashion, interior e industrial design.
Il focus ora è lavorare su diversi fronti per presidiare al meglio ciò che ha a cuore: la promozione del Design Made in Italy.

Tra le novità più importanti vi è sicuramente la collaborazione con MISIAD – Milano si autoproduce Design con la quale IDA organizzerà la mostra Riflessioni nel Palazzo SIAM Arti e Mestieri nel cuore di Milano in occasione della Milan Design Week 2016. Un modo per promuovere I designers IDA e lavorare sul brand identity.

A ottobre IDA sarà media partner del LEAF 2016 a Londra, evento importante che raccoglie tutti i principali supplier e buyers del mondo.

Focus della prossima primavera sarà anche quello di lavorare su un attività di temporary show room da fornire ai designers nella città di Londra come servizio di promozione fisica oltre che ditigital grazie al sito.

Per maggiori informazioni su IDA cliccare qui.

Tondelli (Gli Stati Generali): «Il nostro giornale, senza giornalisti. Internet ha messo l’informazione nelle mani di tutti»

E’ stato il fondatore de Linkiesta, ora dirige un giornale online dove quasi tutti i contributors scrivono gratis e ogni mese premia il più cliccato con mille euro. Jacopo Tondelli parla a Startupitalia, e sul futuro del giornalismo ai tempi di Facebook e Google dice: «per arginare lo strapotere dei contenitori dipenderà tutto dalla nostra capacità di produrre contenuti»

Professione: creatore di contenuti. Quanto guadagna davvero chi scrive per il web

Negli Usa un giornalista o creatore di contenuti per il web può guadagnare fino a 100 mila dollari l’anno, in Italia la media è intorno ai 10 mila. Ma se si è scaltri si può guadagnare molto di più e vivere felici

La filosofia può insegnare ai ragazzi ciò che non si trova su Google

L’Irlanda sta pensando di introdurre la filosofia tra le materie scolastiche già dalle elementari. Per offrire ai ragazzi gli strumenti per un pensiero critico che guardi (anche) al futuro del lavoro

Storia del fast food e di un brand che ha rivoluzionato il nostro modo di mangiare, McDonald’s

Così, 70 anni fa, due fratelli americani hanno portato la catena di montaggio nella cucina di un ristorante, costringendo tutti gli altri ad adeguarsi. E oggi coi Big Mac si misura anche quanto valgono i soldi nel mondo

Deutsche Telekom investe 4,1 milioni di dollari su Roambee (IoT)

Roambee ha ricevuto 4.1 milioni di dollari da parte di Deutsche Telekom Strategic Investments (DTSI). La mossa risponde ad una precisa strategia di open innovation da parte dell’azienda