100mila sterline al design italiano di IDA, la startup milanese crescerà a Londra

i2i, compagnia controllata del gruppo The Family Officer con sede a Londra, ha deciso di investire nella società di Francesco Santilli, Federico Baldelli e Dario Martelli

IDA Italian Design Agency, dopo il lancio dello scorsa primavera della piattaforma che esporta il design made in Italy, può festeggiare un grande traguardo, avendo ottenuto un fondo di 100 mila sterline dalla società di Venture Capital i2i.

i2i è una compagnia controllata del gruppo The Family Officer con sede a Londra (e una ventina di uffici in tutto il mondo) che ha deciso di investire nella società di Francesco Santilli, Federico Baldelli e Dario Martelli.

IDA

Una scelta naturale dal momento che i2i, con il suo Ceo Matteo Cerri, investe in progetti legati al made in Italy con lo scopo di aumentare la presenza italiana nel mondo degli affari a Londra e dare sostegno ai progetti più brillanti creati nella City da italiani.

Il sito di IDA è suddiviso in sezioni: visual, fashion, interior e industrial design.
Il focus ora è lavorare su diversi fronti per presidiare al meglio ciò che ha a cuore: la promozione del Design Made in Italy.

Tra le novità più importanti vi è sicuramente la collaborazione con MISIAD – Milano si autoproduce Design con la quale IDA organizzerà la mostra Riflessioni nel Palazzo SIAM Arti e Mestieri nel cuore di Milano in occasione della Milan Design Week 2016. Un modo per promuovere I designers IDA e lavorare sul brand identity.

A ottobre IDA sarà media partner del LEAF 2016 a Londra, evento importante che raccoglie tutti i principali supplier e buyers del mondo.

Focus della prossima primavera sarà anche quello di lavorare su un attività di temporary show room da fornire ai designers nella città di Londra come servizio di promozione fisica oltre che ditigital grazie al sito.

Per maggiori informazioni su IDA cliccare qui.

L’uomo che ha costruito la Startup Nation israeliana. Addio a Shimon Peres

Le scelte politiche. Le tecnologie e le startup come strumento di pace. La scelta di fare una politica industriale vera. Le idee di Shimon Peres, morto a 93 anni per costruire quella che oggi conosciamo come Startup Nation

Il senso del round di MoneyFarm con Allianz, secondo Paolo Galvani

A quasi un anno dal primo grande round da 16 milioni e all’indomani dell’annuncio di un altro round con il gruppo Allianz, abbiamo intervistato il presidente di MoneyFarm Paolo Galvani. Consigli alle startup fintech? «sfatiamo il mito delle banche che cercano startup, bisogna puntare tutto sul team per impressionare gli investitori».

Uber vuole fare i taxi volanti (ma ci vorranno almeno 10 anni)

L’annuncio è arrivato qualche giorno fa a Boston. Nei piani di Uber c’è anche la costruzione di una flotta di taxi volanti per brevi tragitti. Ma ci vorranno almeno 10 anni perché diventino realtà.