Ha venduto la sua startup per 1,2 miliardi. Ora vuole diventare il migliore venture al mondo

Stanford, una startup che in 4 mesi raggiunge la valutazione di un miliardo, e un’exit al volo. Adesso Martin Casado vuole diventare un venture capitalist, il migliore sulla piazza

E’ diventato molto influente in Silicon Valley. Segnatevi il suo nome. Si chiama Martin Casado e da studente a Stanford aveva lanciato la sua startup Nicira. Un software che permetteva di creare reti di comunicazione interna alle imprese in modo più semplice. Questo significava più facilità di scambio di informazioni, e in linea di massima più affari.

martin casado

Nel 2012 VMware, società di software statunitense, si è comprata Nicira per 1,2miliardi. Appena 4 mesi dopo che Casado aveva cominciato a fatturare. E adesso, dopo 4 anni in VMware Casado sta cercando di portare a casa un altro colpo che a detta di molti potrà dare un bello scossone all’industria del venture americano. E’ entrato in affari con il re del venture Andreessen Horowitz come General Partner. L’annuncio è stato fatto in questi giorni proprio sul sito di Horowitz.

Il motivo? «Voglio diventare il miglior venture capitalist in Silicon Valley» ha detto Casado a Business Insider. Confermando di stare pensando di diventare un VC da un po’, ma non poteva certo diventarlo prima che Horowitz per primo lo cercasse con un offerta per cominciare a farlo, seriamente. L’azienda stava cercando un partner per potenziarsi. E ha trovato in Casado il profilo giusto.

La storia di Casado con Andreessen Horowitz in realtà è nata all’inizio della sua avventura, con Nicira, quando Horowitz lo aveva contattato per investirci. E lo aveva fatto. Il motivo è che il software di Casado stava a detta di molti rivoluzionando i network delle aziende. Casado crede che questa esperienza di aver fatto diventare una piccola startup un’acquisizione di successo sia un biglietto da visita importantissimo per diventare un VC.

«Volevo avere una fetta di torta più ampia in questo grande cambiamento che sta avvenendo nell’economia digitale, e pernso che il modo migliore per averla sia operare come VC» ha detto Casado. «E credo che lo farò per i prossimi 10 anni».

Tutti gli investimenti di febbraio in una timeline (alle startup italiane finora 19.9M)

infografica_febbraio1-01

Ti potrebbe interessare anche

3,3 miliardi. In Cina il round più grosso di sempre della storia delle startup, spiegato

Il 2015 è stato l’anno del boom di investimenti del venture capital in startup cinesi. Come si è arrivati a questo punto, con la minaccia incombente del crollo delle borse

5 newsletter a cui vale davvero la pena iscriversi se hai una startup

In un’ epoca dove siamo bombardati da informazioni e abbiamo difficoltà a filtrare i contenuti, la cara vecchia newsletter ha la sua utilità

A gennaio investiti 7,2M in startup italiane in una timeline (22,2M con quelle all’estero). L’anno scorso zero

Tutti i fatti principali delle startup italiane in una timeline, gli investimenti, i deal, le acquisizioni di startup italiane e fatte da italiani all’estero

Banca d’Italia autorizza United Ventures a diventare Società di Gestione Risparmio

Oltre all’autorizzazione a operare SGR, United Ventures diventa una delle prime Sicaf (Società di Investimento a Capitale Fisso) etero­gestite in Italia

Dal sushi alla Coca-cola, un progetto ci mostra quanto zucchero c’è negli alimenti

SinAzucar è il progetto spagnolo che fotografa gli alimenti che si trovano comunemente nelle nostre case per mostrarci quanto zucchero raffinato effettivamente contengono

Dai soldi al network, i 4 contributi delle corporate alle startup. Il caso Tecno a Napoli

Il contributo di una corporate alla startup, secondo L’advisor Giovanni De Caro, dovrebbe essere erogato secondo una precisa scala di priorità. L’open innovation di una società di Napoli e le modalità di investimento nelle startup