L’Europa seleziona 15 startup da mandare in Silicon Valley, qui per candidarsi

Le imprese interessate possono iscriversi entro il 19 aprile 2016

Mind the Bridge, in partnership con la Commissione Europea e Startup Europe, lancia la call per la prossima generazione di EU Unicorns da selezionare per la seconda edizione di SEC2SV (Startup Europe Comes to Silicon Valley), che si terrà a settembre nella Silicon Valley e che mette insieme i più promettenti scaleup, imprese, investitori e policy makers europei.

Lo scopo di SEC2SV è quello di accogliere la prossima classe di leader scaleup europei come, ad esempio, startup mature pronte a decollare e sfruttare le opportunità offerte dalla Silicon Valley e dal mercato statunitense.

Le aziende interessate provenienti da tutta Europa possono iscriversi tramite il modulo scaleup f6s entro il 19 aprile 2016.

Saranno ammesse a partecipare al SEC2SV 2016 solo 15 imprese, selezionate da una commissione composta da importanti investitori americani ed europei.

Le scaleup interessate deveno avere i seguenti requisiti minimi:

– sede nell’Unione Europea;

– crescita media annua dei dipendenti o un fatturato superiore al 20 % annuo per un periodo di tre anni (con più di 10 dipendenti all’inizio del periodo di 3 anni);

– desiderare l’espansione nel mercato americano o avere già una presenza in loco;

– essere innovative.

La selezione sarà effettuata con il sostegno di alcune organizzazioni partner con sede nella Silicon Valley.

Mind The Bridge_san-francisco
Nel 2015, 14 imprese europee rappresentanti 9 paesi sono state selezionate per partecipare al SEC2SV.

Complessivamente queste imprese hanno generato più di 60 milioni di dollari di entrate e oltre 1.000 dipendenti. Tra di loro citiamo le tedesche Shopgate e Entrade, le inglesi Relaeyes e Versarien, la spagnola Job and Talent, l’italiana Mosaicoon e la francese TVTY.

«SEC2SV ha riunito incredibili scaleup e ha dato una visione unica del prossimo futuro. Ho avuto l’onore di far parte di questo gruppo e non vedo l’ora di vedere il prossimo!» ha commentato Andrea Anderheggen, fondatore e CEO di Shopgate (dopo una exit con Sofort a Klarna) che ha fatto parte del gruppo del 2015.

«Le parole di ringraziamento di Andrea e degli altri CEO sono stati la nostra più bella ricompensa», ha detto Marco Marinucci, CEO di Mind The Bridge. «Ecco perché abbiamo accettato con entusiasmo di replicare SEC2SV e possibilmente di renderla anche migliore».

Durante SEC2SV 2016 le scaleup avranno l’opportunità di presentare all’European Innovation Day (la conferenza di aperture con più di 60 speaker e oltre 800 partecipanti) e prendere parte a un programma su misura che coinvolge mentoring, networking e incontri con le principali parti interessate, uno Scaleup Summit di tre giorni che prevederà tavole rotonde di approfondimento con più di 30 esperti della Silicon Valley su temi quali la crescita, il talento, questioni legali, la raccolta fondi, M&A, la politica e le comunicazioni.

I partecipanti al SEC2SV verranno inoltre invitati a esclusivi ricevimenti (al consolato dell’Unione Europea a San Francisco), incontri presso le istituzioni della Silicon Valley (Apple, Airbnb, Andreessen and Horowitz, Silicon Valley Bank, Squire Patton Boggs, per citare alcuni nomi dell’edizione del 2015).

Presenze di rilievo all’edizione di SEC2SV del 2015 sono state il Presidente dell’Estonia Toomas Hendrik Ilves, il Commissario Europeo per Digital Economy and Society Gunther Oettinger, Draper Fisher Jurvetson Partner Tim Draper, l’Ambasciatore del Presidente per la Global Entrepreneurship Julie Hanna, il presidente della Wilson Sonsini Goodrich & Rosati Larry Sonsini e il UK Chief Technology Officer Liam Maxwell.

Piccole, numerose e specializzate nel gaming: il ritratto delle scaleup finlandesi

Secondo il rapporto di Mind The Bridge e Startup Europe Partnership il 18% delle realtà imprenditoriali del Paese nordico è attivo nei videogiochi. Notevole anche l’interesse estero sulla tecnologia prodotta, con 48 acquisizioni negli ultimi 6 anni

Con Alfonsino ordini il cibo sulla chat di Facebook

La startup di Caserta ha sviluppato una piattaforma che ha l’obiettivo di raccogliere ordini per i prodotti dai migliori ristoranti cittadini. Grazie solo a due chiacchiere su Facebook Messenger