Nasce un programa di accelerazione in svizzera per startup italiane, qui la call

Kickstart avrà la durata di 3 mesi (1 luglio/30 settembre 2016) e offre alle startup un finanziamento di 25.000 franchi svizzeri (circa 22.500 euro). Iscrizioni entro il 31 marzo

Kickstart è un ambizioso programma di accelerazione a Zurigo, Svizzera, che prenderà il via il primo luglio 2016.

Kickstart è aperto alle startup al primo stadio con un’idea di business nelle seguenti 4 categorie che rappresentano importanti aree di innovazione della Svizzera: Food, Fintech, Smart & Connected Machines e Future & Emerging Technologies.

kickstart-accelerator-1068x534

Le startup ammesse riceveranno 25mila franchi svizzeri (circa 22.500 euro) in seed capital. Cui si aggiungeranno altri 1500 franchi al mese per ogni fondatore. La novità, rispetto ad altri acceleratori, sta in una formula partecipativa. Ogni startup ammessa dovrà mettere in comune il 2% del proprio capitale. Una forma di mutua partecipazione che consentirà a tutte le imprese partecipanti e ai mentor di guadagnare (anche) in caso di successo altrui. Quel 2% è l’unico pezzo di equity che le startup dovranno cedere.

Il programma estivo di 3 mesi (1 luglio/30 settembre 2016) offre anche un ufficio, whorkshop, tutoring e l’accesso a esperti del settore.

Kickstart è supportato da diverse imprese svizzere come la la Kick Foundation e la DigitalZurich2025.

Le iscrizioni sono aperte fino al 31 marzo 2016

Alla scoperta delle frontiere digitali della didattica: il 5 maggio c’è l’Edu Day a L’Aquila

Si terrà in Abruzzo la seconda edizione dell’Edu Day di Microsoft, una giornata di formazione e informazione dedicata a insegnanti, animatori digitali e dirigenti scolastici sulle nuove tecnologie digitali per la didattica

Un metodo per stampare in 3D con la polvere di Marte

L’idea quasi fantascientifica della colonizzazione dello spazio ha ispirato i ricercatori della Northwestern University che hanno pensato a un modo per realizzare strumenti necessari alla vita umana con la fabbricazione digitale sfruttando le risorse del suolo extraterrestre

La Nato aprirà un centro di Info warfare, a Helsinki

“Il centro – ha detto il ministro degli Esteri finlandese Timo Soini in conferenza stampa – è stato realizzato per sensibilizzare alle minacce ibride e a come queste possano sfruttare le vulnerabilità delle moderne società occidentali.