Una startup vuole portare «L’Italia Online». A Catania il progetto di Flazio

La startup, conosciuta a livello internazionale per il suo software in cloud per la creazione di siti fai da te, punta a colmare il divario tra lo stivale e la gran parte dei paesi europei sulla presenza in rete di Piccole e Medie Imprese

Parte da Catania uno dei tasselli de “l’Italia va Online“, ambizioso progetto di Flazio.com, startup conosciuta a livello internazionale per il suo software in cloud per la creazione di siti fai da te: il progetto punta a colmare il divario tra lo stivale e la gran parte dei paesi europei sulla presenza in rete di Piccole e Medie Imprese (gli ultimi dati, sconfortanti, parlano di un’Italia fanalino di coda in molte discipline digitali, addirittura ultima per la percentuale di e-commerce online).

La prima fase de l'”Italia Va Online” coniuga due obiettivi: da un lato portare il digitale nelle scuole, erogando formazione preziosa per i lavoratori del futuro; dall’altro quello di evangelizzare PMI e Liberi Professionisti sull’uso delle nuove tecnologie.

FlazioTeam

Flazio ha sviluppato un programma – da realizzare, come detto, all’interno delle scuole – che costituisce una trait d’union positiva e stimolante tra i giovani studenti e le aziende locali. All’interno del percorso, molto pratico e a forte carattere tecnologico, i giovani studenti diventano dei veri e propri “digitalizzatori”, costruendo la presenza online delle imprese grazie al supporto di tutor aziendali del team Flazio. Durante queste giornate ciascun ragazzo porterà online un’azienda locale e nella giornata conclusiva tutti i ragazzi contemporaneamente premeranno il tasto “pubblica” digitalizzando così oltre 100 aziende per volta.

Il progetto, che parte da Catania supportato dai Lions, ha riscosso un caloroso consenso da parte di tante scuole locali che con grande entusiasmo hanno subito aderito. Numerose scuole fuori dal territorio siciliano hanno già fatto richiesta per ospitarlo: un inizio eccellente per la sfida tutta digitale che Flazio ha deciso di intraprendere sul territorio italiano.

Dai banchi di scuola al pitch. I finalisti del progetto “A Scuola di Startup” a DigithON 2017

Il progetto realizzato da AuLab ha coinvolto per il terzo anno consecutivo studenti delle scuole secondarie superiori. Il team vincitore sarà premiato dal Gruppo Giovani Imprenditori di Confindustria Bari e Bat. Abbiamo intervistato Davide Neve, CEO di AuLab

Il food italiano parte alla conquista della Cina con la startup Ventuno

Le sorelle Di Franco hanno inventato un modo per presentare l’italian food all’estero: eleganti box a tema regionale con prodotti locali. E ora la piattaforma sarà una delle dieci finaliste dell’Italian Scaleup Initiative in China

Imparare a guidare con la realtà virtuale e aumentata. Il progetto di Guida e Vai

Salvatore Ambrosino, cofondatore e direttore commerciale di Guida e Vai, ha ideato un nuovo sistema di insegnamento per preparare all’esame di teoria le nuove generazioni. I ragazzi potranno simulare con smartphone e visore le situazioni che potrebbero incontrare su strada

Hephaestus Venture, il fondo che porta le startup italiane in Brasile

Il fondo ha la missione di supportare le startup nei processi di internazionalizzazione verso il Brasile, un mercato emergente e in forte crescita, se si pensa che il 57.4% dei finanziamenti in America Latina si concentra in questo Paese.

Cyber-Diplomacy | Che cos’è e qual è il ruolo dell’Italia (nel G7)

Le relazioni internazionali sono chiamate ad avere un ruolo specializzato al Cyber Spazio e devono agire al suo interno per supportare il complesso di accordi e regole di carattere internazionale oggi ancora incompleto in proposito