Una startup vuole portare «L’Italia Online». A Catania il progetto di Flazio

La startup, conosciuta a livello internazionale per il suo software in cloud per la creazione di siti fai da te, punta a colmare il divario tra lo stivale e la gran parte dei paesi europei sulla presenza in rete di Piccole e Medie Imprese

Parte da Catania uno dei tasselli de “l’Italia va Online“, ambizioso progetto di Flazio.com, startup conosciuta a livello internazionale per il suo software in cloud per la creazione di siti fai da te: il progetto punta a colmare il divario tra lo stivale e la gran parte dei paesi europei sulla presenza in rete di Piccole e Medie Imprese (gli ultimi dati, sconfortanti, parlano di un’Italia fanalino di coda in molte discipline digitali, addirittura ultima per la percentuale di e-commerce online).

La prima fase de l'”Italia Va Online” coniuga due obiettivi: da un lato portare il digitale nelle scuole, erogando formazione preziosa per i lavoratori del futuro; dall’altro quello di evangelizzare PMI e Liberi Professionisti sull’uso delle nuove tecnologie.

FlazioTeam

Flazio ha sviluppato un programma – da realizzare, come detto, all’interno delle scuole – che costituisce una trait d’union positiva e stimolante tra i giovani studenti e le aziende locali. All’interno del percorso, molto pratico e a forte carattere tecnologico, i giovani studenti diventano dei veri e propri “digitalizzatori”, costruendo la presenza online delle imprese grazie al supporto di tutor aziendali del team Flazio. Durante queste giornate ciascun ragazzo porterà online un’azienda locale e nella giornata conclusiva tutti i ragazzi contemporaneamente premeranno il tasto “pubblica” digitalizzando così oltre 100 aziende per volta.

Il progetto, che parte da Catania supportato dai Lions, ha riscosso un caloroso consenso da parte di tante scuole locali che con grande entusiasmo hanno subito aderito. Numerose scuole fuori dal territorio siciliano hanno già fatto richiesta per ospitarlo: un inizio eccellente per la sfida tutta digitale che Flazio ha deciso di intraprendere sul territorio italiano.

Qual è la miglior serie tv sulle startup? Risponde Upday, l’app per le digital news. | VIDEO

Da “L’isola del tesoro” di Stevenson, alle gradi opportunità che offre Lisbona. L’app per digital news di Axel Springer punta forte sul mobile journalism e sulla qualità del proprio prodotto editoriale

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

Petit Pli, gli abiti progettati per crescere insieme ai bambini

Petit Pli è una tuta sportiva neutra e impermeabile il cui tessuto si allunga e si adatta perfettamente a bambini dai 6 mesi ai 3 anni. In questo modo i genitori non saranno costretti a comprare di continuo vestiti per i loro figli in crescita

Efficienza energetica in edilizia. La call di Klimahouse Startup Award

C’è tempo fino al 20 novembre per partecipare alla seconda edizione della call per startup europee attive nell’ambito delle tecnologie legate allo smart building, allo smart living e alla smart city che mettano al centro del proprio operato la sintonia tra uomo e natura

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti