General Motors compra per 1 miliardo la startup che fa guidare da sole le auto

General Motors compra Cruise Automation, e rilancia fortemente la sua posizione nel mercato delle auto che si guidano da sole. L’anno scorso sullo stesso settore la più importante exit italiana: VisLab

Questo è un aggiornamento di un articolo uscito venerdì 11 marzo, le parti modificate sono indicate volta per volta

General Motor ha annunciato venerdì 11 marzo che è vicina all’acquisto della startup californiana Cruise Automation, che ha creato un sistema per trasformare le auto in veicoli che si guidano da soli. La cifra non è stata rivelata dell’acquisizione dicono fonti americane vicino l’operazione è di circa un miliardo di dollari. Cruise Automation finora ha raccolto 18 milioni da investitori privati. La mossa fa parte di una strategia più ampia annunciata nei mesi scorsi da General Motors di puntare sui veicoli che si guidano da soli.

db1c0dd2-395b-4b38-9c1e-91e7f8cd0394

GM negli ultimi mesi ha creato un centro di ricerca e sviluppo interno per studiare strategie per creare veicoli automatici. Ha stretto partnership con Lyft, un servizio di rideshare in cui ha messo 500mila dollari nell’ultimo round di investimento chiuso dalla startup, che vale 5,5 miliardi, per creare un network per connettere le macchine autoguidate. L’acquisizione di Cruise completerà questo percorso.

«Il prossimo passo è assicurarsi di portare tutte le risorse a nostra disposizione per capire come accelerare l’integrazione delle nostre tecnologie con General Motors» ha detto, Ammann uno dei cofondatori di Cruise a TechCrunch.

General Motors vende circa 10 milioni di macchine nel mondo ogni anno, 3 milioni di queste solo negli Stati uniti, che è attualmente il suo mercato più grande. Google ha detto che prima di 10 anni non sarà possibile vedere le sue auto sul mercato. GM invece potrà integrare la tecnologia di Cruise nelle proprie auto entro un paio d’anni.

In Italia lo scorso anno l’exit più importante in Italia è stata quella di VisLab, venduta a Ambarella per 30 milioni. Qui la nostra intervista a Broggi sul futuro delle auto che si guidano da sole.

@arcamasilum

 

Scheda: Alberto Broggi, VisLAb

Alberto Broggi, 48 anni, pioniere dell’auto senza pilota, fondatore di VisLab, spino off dell’Università di Parma ceduta agli americani da Ambarella per 30 milioni di dollari a luglio 2014. VisLab ha vinto la prima edizione di StartupItalia! Open Summit il 14 dicembre a Milano. Qui una nostra intervista al fondatore dove spiega l’origine del suo successo. 

09_Alberto-Broggi_corbis_67

Perché è una buona notizia per l’Italia?

«Perchè rimaniamo in italia, Vislab resta a Parma con i suoi ventisette ingegneri e i suoi brevetti. Questa cessione in sostanza vuol dire che arriveranno altri finanziamenti per ingrandire il gruppo [continua a leggere su StartupItalia]

Ti potrebbe interessare anche

10 film che non parlano di startup ma che uno startupper dovrebbe vedere

The Social Network è immancabile, ma questi dieci film secondo noi hanno un messaggio su cui ragionare, anche quando si fa startup

Il capo di Zomato Italia molla tutto ad un anno dall’exit della sua Cibando: «Voglio nuove sfide»

Una decisione improvvisa, il country manager di Zomato ha lasciato il suo posto e ora si dedicherà ad altro: «Voglio crescere ancora, in altri settori»

L’81% delle startup inglesi vuole rimanere in Europa, dice un sondaggio

8 startup su 10 dicono che in Europa si sta meglio: mercato più grande, capacità di attrarre talenti, mercato del lavoro più ampio. Ma chi vuole andare via accusa l’Ue di avere troppa burocrazia

L’Europa seleziona 15 startup da mandare in Silicon Valley, qui per candidarsi

Le imprese interessate possono iscriversi entro il 19 aprile 2016

«Algoritmi e dispositivi tech. Così creiamo la valigetta della salute». La storia di Cardionica

Hanno vinto uno dei premi di Lazio Innovatore e sono uno spin-off di successo dell’Istituto Superiore di Sanità. Carlos Dominguez Reali, uno dei soci fondatori, racconta la storia di Cardionica e i prodotti che porterà sul mercato nel 2017: my-press, my-heart e (forse) my-pill.