Questa startup trasforma i defunti in alberi. Sul serio

Bios Incube è una startup spagnola che sta provando a lanciarsi in un mercato molto particolare. Di quelli rischiosissimi, ma che non incontrano mai crisi

Bios Incube è una startup che ha creato un device che trasformano i corpi dei defunti in una pianta. In un albero, per la precisione. Al TNW pitch competition ha colpito l’attenzione degli investitori, incuriositi dalle slide e dalle foto. Ma soprattutto chi su Kickstarter a Bios Incube ha dato finora 40mila euro. Il team è basato a Barcellona e ha creato un sistema che trasforma le ceneri post cremazioni in nutrienti per le piante. Lo schema qui sotto chiarisce meglio il funzionamento delle parole.

6fd23e07930690fdab047c65593aac38_original

Qui la campagna su Kickstarter che sta cercando di lanciare il progetto di Bios Incube. Leggendo quello che c’è scritto è possibile scegliere il tipo di albero, aggiungere della terra e innaffiare. Un sensore sulla parte superiore del vaso e lui fa il resto. Dà la possibilità di monitorare le fasi della crescita dell’albero da smartphone. L’idea, dicono i founder, è tagliata per le persone che vivono in città e hanno la possibilità di piantare un albero in un luogo pubblico.

0f4245e19921e69368b724cf6d090a10_original

Il sensore sulla cima misura il terreno, la qualità dei nutrienti presenti, la temperatura, l’umidità. Calcolato tutto questo lui distribuisce l’acqua presente dando il giusto apporto di nutrienti all’albero. Ogni 20 giorni si dovrà ricaricare.

74e8d9079e8010f77f65d09eb388c9d8_original

8 podcast per capire bene business e finanza

Una lista dei migliori podcast per saperne di più e tenersi sempre aggiornati sul mondo degli affari e quello dei soldi, secondo Business Insider. Sono, ovviamente, in inglese. Una buona occasione per esercitarsi! Eccoli.

NanoReStart: salvare l’arte con le nanotecnologie. La UE ci prova con 27 musei e 11 milioni di euro

Per garantire la fruizione delle opere moderne ai futuri visitatori dei musei è nato il progetto NanoReStart, che con le nanotecnologie vuole mantenere intatta o recuperare l’arte contemporanea. Finanziato dall’Unione Europea con 11 milioni di euro verrà testato da 27 musei (compresi alcuni italiani).