Questa startup trasforma i defunti in alberi. Sul serio

Bios Incube è una startup spagnola che sta provando a lanciarsi in un mercato molto particolare. Di quelli rischiosissimi, ma che non incontrano mai crisi

Bios Incube è una startup che ha creato un device che trasformano i corpi dei defunti in una pianta. In un albero, per la precisione. Al TNW pitch competition ha colpito l’attenzione degli investitori, incuriositi dalle slide e dalle foto. Ma soprattutto chi su Kickstarter a Bios Incube ha dato finora 40mila euro. Il team è basato a Barcellona e ha creato un sistema che trasforma le ceneri post cremazioni in nutrienti per le piante. Lo schema qui sotto chiarisce meglio il funzionamento delle parole.

6fd23e07930690fdab047c65593aac38_original

Qui la campagna su Kickstarter che sta cercando di lanciare il progetto di Bios Incube. Leggendo quello che c’è scritto è possibile scegliere il tipo di albero, aggiungere della terra e innaffiare. Un sensore sulla parte superiore del vaso e lui fa il resto. Dà la possibilità di monitorare le fasi della crescita dell’albero da smartphone. L’idea, dicono i founder, è tagliata per le persone che vivono in città e hanno la possibilità di piantare un albero in un luogo pubblico.

0f4245e19921e69368b724cf6d090a10_original

Il sensore sulla cima misura il terreno, la qualità dei nutrienti presenti, la temperatura, l’umidità. Calcolato tutto questo lui distribuisce l’acqua presente dando il giusto apporto di nutrienti all’albero. Ogni 20 giorni si dovrà ricaricare.

74e8d9079e8010f77f65d09eb388c9d8_original

Alla scoperta delle frontiere digitali della didattica: il 5 maggio c’è l’Edu Day a L’Aquila

Si terrà in Abruzzo la seconda edizione dell’Edu Day di Microsoft, una giornata di formazione e informazione dedicata a insegnanti, animatori digitali e dirigenti scolastici sulle nuove tecnologie digitali per la didattica

Un metodo per stampare in 3D con la polvere di Marte

L’idea quasi fantascientifica della colonizzazione dello spazio ha ispirato i ricercatori della Northwestern University che hanno pensato a un modo per realizzare strumenti necessari alla vita umana con la fabbricazione digitale sfruttando le risorse del suolo extraterrestre

La Nato aprirà un centro di Info warfare, a Helsinki

“Il centro – ha detto il ministro degli Esteri finlandese Timo Soini in conferenza stampa – è stato realizzato per sensibilizzare alle minacce ibride e a come queste possano sfruttare le vulnerabilità delle moderne società occidentali.