Mukako chiude un seed round da 500 mila euro e il fatturato va a 126 mila euro

Le risorse raccolte serviranno ad accelerare la crescita di Mukako.com, ampliare il catalogo di prodotti offerti e rafforzare gli investimenti in marketing.

Mukako.com ha chiuso un seed round da 500,000 euro tramite l’emissione di strumenti finanziari partecipativi.

Il round è stato finanziato da soli business angels, tra cui investitori italiani all’estero, da Lugano a Londra, a Houston. Al round ha partecipato anche Focus Futuro, una piattaforma innovativa di investimento che raccoglie tra i suoi associati vari investitori privati.

Le risorse raccolte serviranno ad accelerare la crescita di Mukako.com, ampliare il catalogo di prodotti offerti e rafforzare gli investimenti in marketing.

Mukako

Mukako.com è un e-commerce specializzato sul settore prima infanzia e nasce dall’esperienza consolidata di due manager che hanno contribuito al lancio e al successo di siti come Privalia.com e Groupalia.com, sia in Italia che all’estero.

Martina Cusano, ex General Manager di Groupalia Italia, ed Elisa Tattoni, ex CFO di Privalia Italia e Brasile, vantano 13 anni di esperienza maturata in realtà di e-commerce ed hanno contribuito al lancio e alla crescita di tre startup di successo, raggiungendo complessivamente un fatturato di oltre 200 milioni di euro all’anno.

Mukako.com, che ha avviato le vendite a luglio 2015, è cresciuta in maniera esponenziale durante i primi 6 mesi di attività, chiudendo il 2015 con un fatturato di 126,000 euro. Fino ad oggi la società era autofinanziata.

L’obiettivo di Mukako.com è diventare un punto di riferimento per i neogenitori, offrendo oltre ad un catalogo dei migliori prodotti per la prima infanzia anche tutta una serie di servizi addizionali di guida e supporto al cliente.
Un esempio di servizio aggiuntivo è l’innovativo modello ad abbonamento che Mukako.com offre per l’acquisto di pannolini. Grazie ad un algoritmo proprietario di calcolo della taglia e delle quantità, il neogenitore può dimenticarsi una volta per tutte dell’acquisto dei pannolini e affidarsi ad un sistema efficiente per non rimanere mai senza.

Martina Cusano, Ceo e co-founder di Mukako.com ha dichiarato «La raccolta di questo round di finanziamento ci ha dato ancora maggiore fiducia sullo sviluppo del nostro business. Siamo riuscite a coinvolgere in solo un paio di mesi molti investitori privati, e il tutto durante l’ultimo mese di gravidanza e il primo mese post-parto della mia socia Elisa».

«Il settore della prima infanzia ha un potenziale enorme e finora online non è stato ben presidiato. Crediamo che ci sia molto da offrire al cliente al di là del semplice prodotto e vogliamo costruire il nostro valore aggiunto con un livello di servizio incomparabile» aggiunge Elisa Tattoni, Coo e co-founder.

Paolo Vacchino, Partner di Focus Futuro, dichiara: «Martina ed Elisa sono due imprenditrici con capacità molto consolidate: stanno formando un team fortissimo che opera su un mercato ancora da sviluppare. Abbiamo molta fiducia su questo progetto».

Tondelli (Gli Stati Generali): «Il nostro giornale, senza giornalisti. Internet ha messo l’informazione nelle mani di tutti»

E’ stato il fondatore de Linkiesta, ora dirige un giornale online dove quasi tutti i contributors scrivono gratis e ogni mese premia il più cliccato con mille euro. Jacopo Tondelli parla a Startupitalia, e sul futuro del giornalismo ai tempi di Facebook e Google dice: «per arginare lo strapotere dei contenitori dipenderà tutto dalla nostra capacità di produrre contenuti»

Professione: creatore di contenuti. Quanto guadagna davvero chi scrive per il web

Negli Usa un giornalista o creatore di contenuti per il web può guadagnare fino a 100 mila dollari l’anno, in Italia la media è intorno ai 10 mila. Ma se si è scaltri si può guadagnare molto di più e vivere felici

La filosofia può insegnare ai ragazzi ciò che non si trova su Google

L’Irlanda sta pensando di introdurre la filosofia tra le materie scolastiche già dalle elementari. Per offrire ai ragazzi gli strumenti per un pensiero critico che guardi (anche) al futuro del lavoro

Storia del fast food e di un brand che ha rivoluzionato il nostro modo di mangiare, McDonald’s

Così, 70 anni fa, due fratelli americani hanno portato la catena di montaggio nella cucina di un ristorante, costringendo tutti gli altri ad adeguarsi. E oggi coi Big Mac si misura anche quanto valgono i soldi nel mondo

Deutsche Telekom investe 4,1 milioni di dollari su Roambee (IoT)

Roambee ha ricevuto 4.1 milioni di dollari da parte di Deutsche Telekom Strategic Investments (DTSI). La mossa risponde ad una precisa strategia di open innovation da parte dell’azienda