Fondare e guidare un’azienda da un miliardo, senza uffici né mail. L’arte di Mullenweg

Matt Mullenweg è il fondatore di Automattic, nota per essere la holding di Wordpress. Il suo modello di lavoro è rivoluzionario. Gli affari della sua azienda gli danno ragione. E assume solo chi sa scrivere bene

Se un giorno vi capiterà di fare un colloquio da Automattic, l’azienda da un miliardo di dollari fondata dal creatore di WordPress Matt Mullenweg, potete stare certi di una cosa: nessuno vi chiederà se siete disposti a trasferirvi per avere quel posto di lavoro. Ad Automattic tutti lavorano dal luogo che preferiscono. Che sia un caffè, il salotto, il giardino di una casa di campagna non farà nessuna differenza. L’importante è essere online.

matt-mullenweg-wordpress-automattic

Automattic è l’azienda che sta dietro le quinte di WordPress.com, la piattaforma per la gestione di contenuti online su cui corre il 25% dei siti del mondo. È un’azienda “distribuita”, come si legge nella sezione about del suo sito e come racconta il suo Ceo Matt Mullenweg in un’intervista rilasciata al giornale americano Inc.com. Significa che i suoi 400 dipendenti vivono in 43 paesi diversi, ma lavorano insieme. «Assumiamo le persone a prescindere da dove si trovano», spiega Mullenweg, «così possiamo attrarre e tenere con noi i migliori talenti senza obbligarli a stare a New York o San Francisco». Automattic ha adottato questo modello da sempre. Finora, dice il Ceo, «ha funzionato straordinariamente bene».

Slack ha davvero sostituito gli uffici, per chi lo capisce

Ognuno lavora dove vuole in base alle proprie esigenze. C’è chi affitta una postazione in un co-working, chi sta a casa, chi al bar. Il vero ufficio è virtuale. Per comunicare basta essere connessi a internet e al proprio account Slack o P2, un particolare tipo di blog WordPress dove i post sono conversazioni che avvengono in tempo reale all’interno dell’azienda. Ci sono gruppi che corrispondono ai team e che possono avere conversazioni specifiche. Tutto è classificato in base ai tag e, perciò, visibile da tutti e tracciabile. Questa settimana, si legge sul sito di Automattic, per lavorare sono stati scambiati 106.428 messaggi. Nessuna email. Le email, spiega, Mullenweg, sono strumenti del passato. «Hanno così tante cose che non vanno. Avete mai sentito» nel mondo del lavoro «qualcuno che ama le email, che ne vorrebbe più di quante ne ha già?».

La qualità che cerca nei dipendenti? Scrivere bene

Tra le abilità fondamentali per lavorare in un’azienda come Automattic c’è la scrittura. Bisogna saper scrivere bene. «È tra le cose che guardiamo di più quando vogliamo assumere qualcuno», dice Matt Mullenweg, «per me scrivere in maniera chiara significa pensare in maniera chiara, indipendentemente dal background di ciascuno» o dal proprio ruolo, che sia un programmatore o un designer. Se il messaggio è capito da tutti allora la comunicazione risulterà efficiente. È l’unico modo per poter lavorare bene in un’azienda anche a parecchi fusi orari di distanza.

Cinzia Franceschini

@fraiznic

Ti potrebbe interessare anche

L’apocalisse digitale di Father.io, gioco di realtà aumentata italiano atteso da 340mila gamers nel mondo

Cuore e sviluppo di questo gioco incredibile sono italiani. Su Indiegogo in poche ore raccolgono 90 mila dollari, e 340mila persone aspettano di giocarci. Ferrazzino: «Così cambieremo per sempre il gaming»

Dronersclub, nasce la piattaforma europea dedicata ai droni

Dronersclub nasce dall’idea di Simone Russo, giovane startupper già premiato dalla rivista Wired con il Wired Audi Innovation Award per la sua prima startup ImmoDrone

Il ministro vuole un hub per droni a Grottaglie. Il sindaco replica: «Non vogliamo Guerre Stellari»

E’ successo nella provincia di Taranto, dove alla proposta del ministro Delrio di fare un hub tecnologico dedicato all’aerospazio si è levato un muro di no guidati dal sindaco.

BrainBAND, la fascia hi-tech per l’incolumità di chi gioca a rugby (e non solo)

Realizzato da Samsung, brainBAND è un wereable che registra in tempo reale la forza dell’impatto subito dal cervello durante gli scontri di gioco. Con i suoi sensori, raccoglie tutte le informazioni per studiare le conseguenze delle commozioni cerebrali sugli atleti.