1 startupper su 4 lavora non lavora in ufficio. Più in Silicon Valley, meno in Europa

Dove lavorano gli startupper? Una ricerca svela i trend paese per paese. In Silicon Valley quasi uno su due lavora da remoto, in europa uno su cinque

Una ricerca condotta dal Global Startup Ecosystem Ranking 2015 ha raccontato che uno startupper su 4 lavora da remoto, il 26% circa. Il trend è più marcato in Silicon Valley dove lavora da remoto circa il 34% degli impiegati delle startup. E la percentuale rimane alta quasi in ogni ecosistema statunitense, da Boston a Los Angeles. Meno New York e Chicago che ricalcano un po’ più i trend europei con solo un impiegato su quattro che lavora da remoto. Complice, dice la ricerca, il ruolo climatico. Anche se il secondo posto di Amsterdam negherebbe un po’ la spiegazione. A sud il clima è molto più mite e starsene fuori dall’ufficio è meglio.   

work_sea_getty

«Il trend è chiaro. La comunità degli imprenditori e delle startup stanno gradualmente abbracciando la filosofia del lavoro da remoto» hanno detto i founder di FlexJobs e Remote.co per commentare la ricerca a cui hanno partecipato. E questo conferma che lavorare da remoto non solo aiuta le persone a lavorare meglio e in maniera più rilassata rispetto agli ambienti di lavoro, ma non intacca la produttività. 

Con qualche caso singolare, come  Encore Alert, sede in Silicon Valley, ma ha la metà dei loro ingengneri in Brasile. «Sengiamo tutti i vantaggi così di avere comunque accesso a talenti e eccellenze come in Brasiel, ma senza dover forzare nessuno a trasferirsi. Di seguito la percentuale di impiegati da remoto nei 20 ecosistemi principali presi in considerazione dalla ricerca. In Italia, secondo una ricerca pubblicata qualche mese fa in occasione della Startup Europe Week, lavorano da remoto circa un impiegato di startup su 5 (20%). 

1. Silicon Valley: 43%

Overall ranking: 1

2. Amsterdam: 36%

Overall ranking: 19

3. Boston: 33%

Overall ranking: 4

4. Moscow: 33%

Overall ranking: 13

5. Los Angeles: 32%

Overall ranking: 3

6. London: 31%

Overall ranking: 6

7. Singapore: 28%

Overall ranking: 10

8. Sydney: 28%

Overall ranking: 16

9. New York: 27%

Overall ranking: 2

10. Chicago: 26%

Overall ranking: 7

11. Berlin: 26%

Overall ranking: 9

12. Sao Paulo: 25%

Overall ranking: 12

13. Paris: 24%

Overall ranking: 11

14. Vancouver: 22%

Overall ranking: 18

15. Seattle: 21%

Overall ranking: 8

16. Toronto: 21%

Overall ranking: 17

17. Tel Aviv: 20%

Overall ranking: 5

18. Austin: 18%

Overall ranking: 14

19. Montreal: 17%

Overall ranking: 20

20. Bangalore: 16%

Overall ranking: 15

Floome chiude un round da 750K con Axa Strategic Ventures e Invitalia Ventures

La società di venture capital del gruppo Axa e Invitalia Ventures investono per la prima volta su una startup early stage italiana. Il progetto è nato da un team padovano che ha sviluppato un dispositivo che trasforma lo smartphone in un etilometro

Il Mit fa un sito che simula incidenti di auto senza pilota (e tu decidi chi deve morire)

L’università di Boston ha creato un sito sul quale gli utenti analizzano diversi scenari e propongono la scelta che ritengono più etica in caso di imprevisti su strada con le macchine self-driving. Il tentativo è quello di programmarle secondo il senso comune

Microsoft sceglie una startup italiana e la porta a New York. Else Corp

L’azienda basata a Milano ha progettato un programma che permette la personalizzazione dei capi d’abbigliamento. Microsoft la presenterà ai suoi partner, in occasione della Fiera National Retail Federation conference NY 2017