1 startupper su 4 lavora non lavora in ufficio. Più in Silicon Valley, meno in Europa

Dove lavorano gli startupper? Una ricerca svela i trend paese per paese. In Silicon Valley quasi uno su due lavora da remoto, in europa uno su cinque

Una ricerca condotta dal Global Startup Ecosystem Ranking 2015 ha raccontato che uno startupper su 4 lavora da remoto, il 26% circa. Il trend è più marcato in Silicon Valley dove lavora da remoto circa il 34% degli impiegati delle startup. E la percentuale rimane alta quasi in ogni ecosistema statunitense, da Boston a Los Angeles. Meno New York e Chicago che ricalcano un po’ più i trend europei con solo un impiegato su quattro che lavora da remoto. Complice, dice la ricerca, il ruolo climatico. Anche se il secondo posto di Amsterdam negherebbe un po’ la spiegazione. A sud il clima è molto più mite e starsene fuori dall’ufficio è meglio.   

work_sea_getty

«Il trend è chiaro. La comunità degli imprenditori e delle startup stanno gradualmente abbracciando la filosofia del lavoro da remoto» hanno detto i founder di FlexJobs e Remote.co per commentare la ricerca a cui hanno partecipato. E questo conferma che lavorare da remoto non solo aiuta le persone a lavorare meglio e in maniera più rilassata rispetto agli ambienti di lavoro, ma non intacca la produttività. 

Con qualche caso singolare, come  Encore Alert, sede in Silicon Valley, ma ha la metà dei loro ingengneri in Brasile. «Sengiamo tutti i vantaggi così di avere comunque accesso a talenti e eccellenze come in Brasiel, ma senza dover forzare nessuno a trasferirsi. Di seguito la percentuale di impiegati da remoto nei 20 ecosistemi principali presi in considerazione dalla ricerca. In Italia, secondo una ricerca pubblicata qualche mese fa in occasione della Startup Europe Week, lavorano da remoto circa un impiegato di startup su 5 (20%). 

1. Silicon Valley: 43%

Overall ranking: 1

2. Amsterdam: 36%

Overall ranking: 19

3. Boston: 33%

Overall ranking: 4

4. Moscow: 33%

Overall ranking: 13

5. Los Angeles: 32%

Overall ranking: 3

6. London: 31%

Overall ranking: 6

7. Singapore: 28%

Overall ranking: 10

8. Sydney: 28%

Overall ranking: 16

9. New York: 27%

Overall ranking: 2

10. Chicago: 26%

Overall ranking: 7

11. Berlin: 26%

Overall ranking: 9

12. Sao Paulo: 25%

Overall ranking: 12

13. Paris: 24%

Overall ranking: 11

14. Vancouver: 22%

Overall ranking: 18

15. Seattle: 21%

Overall ranking: 8

16. Toronto: 21%

Overall ranking: 17

17. Tel Aviv: 20%

Overall ranking: 5

18. Austin: 18%

Overall ranking: 14

19. Montreal: 17%

Overall ranking: 20

20. Bangalore: 16%

Overall ranking: 15

FabriQ Acceleration Program 2017. Qui la call

C’è tempo fino al 26 marzo per applicare. Verranno selezionate 20 startup che parteciperanno al percorso di pre-accelerazione, fra queste ne verranno poi scelte fino a un massimo di 7 che riceveranno Seed Money e accederanno al percorso di accelerazione

Il “ricatto” cinese che ha fatto crollare bitcoin di 100 dollari in 1 minuto, spiegato

Bitcoin era tornato sopra i mille dollari e in un minuto è sceso di 100. Per colpa dei cinesi e, soprattutto, di un paradosso: i governi non possono controllare bitcoin ma possono, con le loro scelte, influenzarne l’andamento. Abbiamo cercato di capire il perché con il founder di Euklid, Antonio Simeone

Il metodo Jump che rende la matematica facile per tutti

Un insegnante canadese ha sviluppato un metodo di insegnamento che scompone un problema in tanti piccoli segmenti. E ha dimostrato che anche gli studenti più restii possono appassionarsi alla materia

Il papà dell’auto senza pilota sta creando un gruppo per inventare la cucina del futuro

Un misterioso annuncio di lavoro lancia segnali sulla nuova scommessa di Sebastian Thrun, una delle star della Silicon Valley: “Rivoluzioneremo il modo di preparare pasti quotidiani e salutari”

Come cambia il futuro del cibo e il senso del nostro (ultimo) caffè con le startup

Quattro settimane, quattro grandi temi e sfide per il futuro. A due passi dal Duomo di Milano. L’ultima The Next Tech Breakfast di StartupItalia! è dedicata al Foodtech, al futuro del cibo al cibo del futuro: una scommessa che per l’Italia vale 1 milione di nuovi posti di lavoro entro i prossimi 10 anni

Vodafone accelera le startup dedicate all’universo femminile: ecco le prime 5

Il Vodafone Institute for Society and Communications ha selezionato 5 startup per il programma di accelerazione F-LANE in partenza a Berlino. Tutte realtà che hanno come obiettivo il miglioramento della vita delle donne grazie alle loro soluzioni tecnologiche