1 startupper su 4 lavora non lavora in ufficio. Più in Silicon Valley, meno in Europa

Dove lavorano gli startupper? Una ricerca svela i trend paese per paese. In Silicon Valley quasi uno su due lavora da remoto, in europa uno su cinque

Una ricerca condotta dal Global Startup Ecosystem Ranking 2015 ha raccontato che uno startupper su 4 lavora da remoto, il 26% circa. Il trend è più marcato in Silicon Valley dove lavora da remoto circa il 34% degli impiegati delle startup. E la percentuale rimane alta quasi in ogni ecosistema statunitense, da Boston a Los Angeles. Meno New York e Chicago che ricalcano un po’ più i trend europei con solo un impiegato su quattro che lavora da remoto. Complice, dice la ricerca, il ruolo climatico. Anche se il secondo posto di Amsterdam negherebbe un po’ la spiegazione. A sud il clima è molto più mite e starsene fuori dall’ufficio è meglio.   

work_sea_getty

«Il trend è chiaro. La comunità degli imprenditori e delle startup stanno gradualmente abbracciando la filosofia del lavoro da remoto» hanno detto i founder di FlexJobs e Remote.co per commentare la ricerca a cui hanno partecipato. E questo conferma che lavorare da remoto non solo aiuta le persone a lavorare meglio e in maniera più rilassata rispetto agli ambienti di lavoro, ma non intacca la produttività. 

Con qualche caso singolare, come  Encore Alert, sede in Silicon Valley, ma ha la metà dei loro ingengneri in Brasile. «Sengiamo tutti i vantaggi così di avere comunque accesso a talenti e eccellenze come in Brasiel, ma senza dover forzare nessuno a trasferirsi. Di seguito la percentuale di impiegati da remoto nei 20 ecosistemi principali presi in considerazione dalla ricerca. In Italia, secondo una ricerca pubblicata qualche mese fa in occasione della Startup Europe Week, lavorano da remoto circa un impiegato di startup su 5 (20%). 

1. Silicon Valley: 43%

Overall ranking: 1

2. Amsterdam: 36%

Overall ranking: 19

3. Boston: 33%

Overall ranking: 4

4. Moscow: 33%

Overall ranking: 13

5. Los Angeles: 32%

Overall ranking: 3

6. London: 31%

Overall ranking: 6

7. Singapore: 28%

Overall ranking: 10

8. Sydney: 28%

Overall ranking: 16

9. New York: 27%

Overall ranking: 2

10. Chicago: 26%

Overall ranking: 7

11. Berlin: 26%

Overall ranking: 9

12. Sao Paulo: 25%

Overall ranking: 12

13. Paris: 24%

Overall ranking: 11

14. Vancouver: 22%

Overall ranking: 18

15. Seattle: 21%

Overall ranking: 8

16. Toronto: 21%

Overall ranking: 17

17. Tel Aviv: 20%

Overall ranking: 5

18. Austin: 18%

Overall ranking: 14

19. Montreal: 17%

Overall ranking: 20

20. Bangalore: 16%

Overall ranking: 15

Le 6 startup finaliste di .itCup Registro 2017

Dalle 110 candidature arrivate per la sesta edizione della .itCup organizzata dal Registro.it sono stati selezionati i progetti innovativi che parteciperanno alla .itCup School a Pisa. E che il 26 ottobre saranno in finale a Roma

McDonald’s firma una linea di abbigliamento e la consegna a casa con UberEats

La famosa catena di fast food ha pensato per il 26 luglio a una campagna per celebrare il Global Delivery Day: in quella data chi ordinerà con UberEats si verà recapitare a casa un articolo con riferimento al marchio del Big Mac

Negli Stati Uniti arriva il primo avvocato-robot al mondo. Ed è gratuito

Il robot, che si chiama DoNotPay, in realtà è un’intelligenza artificiale in forma di chatbot e offre consulenza gratuita a chi non può permettersi un legale in carne e ossa. Nei due anni di sperimentazione ha contestato 375mila multe per il parcheggio

I vincitori della prima edizione: “Siamo cresciuti grazie a Start To Be Circular”

Grazie alla call di Fondazione Bracco la startup Orthoponics ha acquisito le giuste competenze per conquistare il mercato. Scadenza il 3 di novembre. In palio un premio del valore di 10.000 euro e l’ingresso nell’incubatore SpeedMiUp

Botnet, Microsoft combatte Fancy Bear in tribunale

Per fronteggiare l’offensiva cibernetica che si presume giunga dalla Russia, a Redmond hanno scelto un’arma non convenzionale. I cyber-criminali sono colpiti a suon di carte bollate, e la loro botnet smantellata in tribunale