Le startup di LVenture valgono 8,6M (+86%), i ricavi del gruppo salgono a 0,9M

Il portafoglio di LVenture Group comprende 33 startup. Luigi Capello: «Il gruppo cresce puntando su internazionalizzazione»

Il Consiglio di Amministrazione di LVenture Group, holding di partecipazioni quotata sul MTA di Borsa Italiana che investe in startup digitali, ha approvato in data odierna il Progetto di Bilancio di Esercizio e il Bilancio Consolidato al 31 dicembre 2015.

Luigi Capello, Amministratore Delegato di LVenture Group: «Per LVenture Group il 2015 è stato un anno di crescita nel quale ha notevolmente rafforzato la propria posizione tra i maggiori player del settore. Ci siamo focalizzati sull’espansione internazionale, strada maestra per conseguire migliori opportunità di crescita e di valorizzazione per l’exit delle startup in portafoglio, creando importanti sinergie e ottenendo prestigiosi riconoscimenti: il nostro acceleratore Luiss EnLabs è recentemente entrato a far parte del Global Accelerator Network, il gotha degli acceleratori a livello mondiale, e stiamo chiudendo accordi sulle piazze più vivaci del mondo dell’innovazione per facilitare l’internazionalizzazione delle nostre startup. LVenture Group è sempre più meta di innovazione per le grandi corporate attraverso il contatto e la contaminazione quotidiani con i nuovi modelli di business costruiti dalle startup in portafoglio.
Tutto ciò, unito a una oculata politica di investimenti in startup, ha fatto crescere il valore del portafoglio di LVenture Group dell’86 % rispetto al 2014 mentre l’Indicatore Alternativo di Performance è pari a circa 8 milioni di euro. Questi dati confermano che andiamo nella giusta direzione per creare un grande valore per i nostri azionisti».

luigi capello

Principali risultati consolidati al 31 dicembre 2015

LVenture Group investe in aziende a elevato potenziale di crescita nel settore delle tecnologie digitali e opera nei segmenti del micro seed financing e del seed financing. Al 31 dicembre 2015 il portafoglio di LVenture Group comprende 33 startup, incrementato nell’esercizio 2015 di 8 nuovi investimenti e ridotto di 2 Write-off. Il valore del portafoglio startup è pari a circa 6,3 milioni di euro, in crescita dell’86% rispetto a 3,4 milioni di euro al 31 dicembre 2014.

La Società espone per la prima volta un Indicatore Alternativo di Performance (IAP) del Portafoglio pari a circa 8 milioni di euro. L’Indicatore Alternativo di Performance permette di rideterminare la valutazione del portafoglio secondo criteri aderenti a quelli utilizzati dalla industry del venture capital.
I Ricavi sono pari a circa 0,9 milioni di euro, in crescita del 49% rispetto al 2014 (0,6 milioni di euro). Si registra una crescita continua dei ricavi nelle principali linee di business: Programmi di Accelerazione, Co-working, eventi e corsi di formazione digitale DoLab.

Il Margine Operativo Lordo (EBITDA) di Gruppo è negativo per 1,1 milioni di euro (negativo per 0,9 milioni di euro nel 2014), a seguito, tra l’altro, di maggiori costi imputabili alla crescita dell’organico del Gruppo, in linea con le previsioni del Piano Industriale 2016-2019. Il Risultato Operativo (EBIT) è negativo per 1,3 milioni di euro (negativo per 1,2 milioni di euro nel 2014). Il Risultato Netto di Gruppo è negativo per 1,2 milioni di euro (negativo per 1,2 milioni di euro nel 2014).

La Posizione Finanziaria Netta è pari a 0,7 milioni di euro rispetto a un valore di 4,1 milioni di euro al 31 dicembre 2014, a seguito degli investimenti in startup e dei costi per la gestione ordinaria del Gruppo. Il Patrimonio Netto di Gruppo è pari a circa 7,7 milioni di euro (8 milioni di euro al 31 dicembre 2014).

Principali risultati della Capogruppo LVenture Group S.p.A. al 31 dicembre 2015

I Ricavi sono pari a 0,3 milioni di euro, triplicati rispetto a 0,1 milioni di euro al 31 dicembre 2014. Il Margine Operativo Lordo (EBITDA) è negativo per 1 milione di euro (negativo per 0,8 milioni di euro nel 2014), influenzato dall’aumento dei costi per il personale e degli altri costi operativi. Il Risultato Operativo (EBIT) è negativo per 1,1 milioni di euro (negativo per 1,1 milioni di euro nel 2014). Il Risultato Netto è negativo per 1,1 milioni di euro (negativo per 1,1 milioni di euro nel 2014).

La Posizione Finanziaria Netta è pari a 0,9 milioni di euro rispetto a un valore di 4,0 milioni di euro al 31 dicembre 2014, a seguito degli investimenti in startup e delle spese correnti dell’esercizio. Il Patrimonio Netto è pari a 8,2 milioni di euro, rispetto ad un valore di 8,4 milioni di euro al 31 dicembre 2014.

Il Consiglio di Amministrazione proporrà all’Assemblea di: coprire le perdite di esercizio quanto ad 1.079.485,82 di euro, mediante l’utilizzo della “Riserva per sovrapprezzo azioni”.

Fatti di rilievo successivi alla chiusura dell’esercizio

Il 2 febbraio 2016 si è tenuta l’Assemblea Straordinaria di LVenture Group che ha deliberato:

(i) di approvare la proposta di aumento del capitale sociale per un importo massimo pari a 4.990.000 di euro, comprensivo dell’eventuale sovrapprezzo, in via scindibile e a pagamento, mediante emissione di azioni ordinarie, prive del valore nominale, in regime di dematerializzazione, aventi le stesse caratteristiche di quelle in circolazione e godimento regolare, da offrire in opzione agli Azionisti della Società ai sensi dell’art. 2441, primo comma, del Codice Civile;

(ii) di fissare al 31 dicembre 2016 il termine ultimo per dare esecuzione al suddetto aumento di capitale e di stabilire, ai sensi dell’art. 2439, secondo comma, del Codice Civile, che l’aumento di capitale, ove non integralmente sottoscritto, si intenderà limitato all’importo risultante dalle sottoscrizioni effettuate entro tale termine;

(iii) di conferire al Consiglio di Amministrazione ogni più ampio potere per:

a. definire in prossimità dell’avvio dell’offerta in opzione, l’ammontare definitivo dell’aumento di capitale;

b. determinare il numero delle azioni di nuova emissione e il prezzo di emissione (comprensivo dell’eventuale sovrapprezzo), tenendo conto, tra l’altro, al fine della fissazione di quest’ultimo, delle condizioni del mercato in generale e dell’andamento del titolo e considerata la prassi di mercato per operazioni similari;

c. determinare la tempistica per l’esecuzione della deliberazione di aumento di capitale, in particolare per l’avvio dell’offerta dei diritti in opzione, nonché la successiva offerta in borsa dei diritti eventualmente risultanti inoptati al termine del periodo di sottoscrizione, nel rispetto del termine finale del 31 dicembre 2016.

Evoluzione prevedibile della gestione

Nel 2016 il management proseguirà nell’implementazione delle linee guida del Piano Industriale 2016-2019, approvato dal Consiglio di Amministrazione del 29 dicembre 2015.

LVenture Group

Assemblea degli Azionisti

Gli Azionisti sono convocati in assemblea ordinaria presso la sede sociale in via Giovanni Giolitti, 34 a Roma alle ore 12:00 del 28 aprile 2016 in prima convocazione e alle ore 12:00 del 29 aprile 2016 in seconda convocazione, per discutere e deliberare sul seguente ordine del giorno:
1. Bilancio al 31 dicembre 2015. Deliberazioni inerenti e conseguenti.
2. Relazione sulla Remunerazione.
3. Nomina del Collegio Sindacale:
3.1. Nomina dei componenti effettivi e dei supplenti del Collegio sindacale;
3.2. Determinazione del compenso dei componenti del Collegio sindacale.
L’avviso di convocazione, in data 18 marzo 2016, è stato pubblicato per estratto sul quotidiano “Il Giornale” e messo a disposizione del pubblico in versione integrale presso la sede sociale, sul sito internet e sul meccanismo di stoccaggio autorizzato 1info, unitamente ai moduli di delega (generica e al rappresentante designato della Società) e alla Relazione Illustrativa del Consiglio di Amministrazione sul punto 3 dell’ordine del giorno.

Il Dirigente Preposto alla redazione dei documenti contabili societari di LVenture Group, Francesca Bartoli, attesta ai sensi del comma 2 articolo 154 bis del Testo Unico della Finanza, che l’informativa contabile contenuta nel presente comunicato corrisponde alle risultanze documentali, ai libri ed alle scritture contabili.

Stampare cellule tumorali in 3D (per aiutare la ricerca)

Un nuovo progetto, finanziato con 98mila dollari, prevede la stampa di cellule tumorali in 3D. L’obiettivo è quello di disegnare nuovi orizzonti nella farmacologia dei tumori al cervello e aiutare la ricerca.

Tornano i Trojan di stato: ma quanto sono sicuri?

Una proposta di legge non ancora presentata fa discutere sulla legittimità dei Trojan di stato per perseguire i criminali. Non si tratta solo di tutelare i diritti costituzionali, ma anche quelli delle aziende