Jobyourlife fa 100 mila colloqui di lavoro e chiude un round da 600 mila euro

Andrea De Spirt, 27 anni, CEO e fondatore di Jobyourlife: «Siamo diventati il più grande professional network Italiano».

Jobyourlife, startup che conta ormai 25 dipendenti divisi tra gli uffici di Milano e Cagliari, festeggia il superamento dei 100 mila colloqui di lavoro, un nuovo aumento di capitale di 600 mila euro da parte della compagine societaria e diventa il più grande professional network made in Italy con oltre 900 mila iscritti e una crescita costante.

jobyourlife 1

«In quattro anni siamo riusciti a creare qualcosa che non mi sarei mai aspettato: ricordo ancora quando non vedevo l’ora di riuscire a entrare in contatto con qualche azienda per fare utilizzare il nostro servizio. Ora che abbiamo superato i 100 mila colloqui di lavoro e raggiunto quasi 1 milione di utenti mi sembra davvero qualcosa di straordinario – spiega Andrea De Spirt, 27 anni, CEO e fondatore di Jobyourlife. – In tre anni siamo diventati il più grande professional network fatto in Italia da italiani, come Viadeo in Francia o Xing in Germania, e questo ci rende orgogliosi di aver puntato tutto sul nostro Paese e aiutato tante persone a trovare un lavoro.
Fra poco festeggeremo con tutto il team il raggiungimento del primo milione di iscritti ma, in ogni caso, il nostro obiettivo principale rimane sempre quello di trovare lavoro al maggior numero di persone e di diventare un punto di riferimento a livello internazionale per la ricerca di lavoro.
L’internazionalizzazione, infatti, è il prossimo step di Jobyourlife: stiamo valutando il mercato Russo e ci sono ottime probabilità che apriremo lì a fine 2016».

Jobyourlife, inoltre, è stata nominata tra le 14 startup più promettenti nel campo del recruiting, a livello europeo (selezionate da Mind the Bridge per Openjobmetis) e sta lavorando all’implementazione di nuovi servizi dedicati a startup e aziende, per cercare di migliorare costantemente le dinamiche del recruiting.

Rocket Lab ha lanciato il primo razzo con il motore stampato in 3D

Il test di lancio è avvenuto il 25 maggio in Nuova Zelanda e ha dimostrato la capacità di Electron di portare in orbita piccoli satelliti e di rendere lo spazio un po’ più accessibile a tutti