Intel fa spesa in Italia e si compra la pisana Yogitech

Il colosso californiano dei processori ha annunciato di aver comprato l’azienda toscana specializzata in Iot e Automotive. La soddisfazione dell’ad Silvano Motto su Facebook: «Coronamento di una corsa lunga 16 anni»

Intel ha rilevato il 100% di Yogitech, azienda pisana, su cui nel 2011 ha investito il fondo Atlante Ventures (Intesa Sanpaolo) 1,5 milioni. Il gruppo statunitense ha reso nota oggi l’operazione rimbalzata subito su TechCrunch. Il team che compone la società di Pisa entrerà a far parte della controllata di Intel, Internet of Things. Yogitech non è quella che potremmo considerare una vera e propria startup. Anche se ha ottenuto un investimento di 3 milioni complessivi di euro da fondi di investimento del gruppo Intesa.

yogitech

Yogitech, nata nel 2000, negli anni si è specializzata nello sviluppo di soluzioni hardware e software per la sicurezza dell’industria automotive (come airbag e sistemi frenanti) ma più in generale si occupano di sicurezza funzionale. Ed è proprio questo che ha interessato il colosso californiano dei microprocessori. I termini dell’accordo non sono stati ancora rivelati. Tra gli investitori di Yogitech, scrive TechCrunch, c’è anche la Camera di commercio di Pisa.

«Siamo molto felici di dare il benventuo a YOGITECH nel team di Intel. Non siamo ancora pronti a rendere pubblico il piano di integrazione delle loro soluzioni con le nostre, ma il team e la tecnologia sviluppata porterà i nostri sistemi autonomi ad un livello superiore di sviluppo» si legge nella nota ufficiale di Intel. 

La «Functional safety» così è chiamata la tecnologia su cui lavora Yogitech forse non è il più noto degli aspetti che riguardano le macchine automatiche. Ma è tra gli aspetti essenziali di questa tecnologia e dei sistemi che la compongono. Yogitech ha elaborato un sistema che permette di controllare e assicurare che ogni processore che lavora nei meccanismi di automazione funzioni come dovrebbe, e avverte in tempo reale il driver alla guida quando smettono di farlo.

Su Facebook alle 16 di martedì 5 aprile il founder e amministratore delegato di Yogitech Silvano Motto ha commentato così la notizia: «Eccoci…zitti zitti, lontani dalla ribalta, pazzi e testardi come pochi…il coronamento di una rincorsa lunga quasi sedici anni…orgogliosi come non mai ! …e l’avventura continua…». La soddisfazione traspare evidente.

Altri aggiornamenti a breve.

@arcamasilum

 

Ti potrebbe interessare anche

Ecco le 7 aziende cresciute di più in Italia negli ultimi 4 anni (fino a 3.200% in più di ricavi)

Deloitte presenta la quindicesima edizione della Technology Fast 500 EMEA, una delle più autorevoli classifiche nel settore tecnologico che premia le aziende che hanno registrato il più alto tasso di crescita dei ricavi

Tim #WCap nuova call 2016 e il grant sale a 40K. Lombardi: «Quest’anno vogliamo startup»

Intervista a Lucy Lombardi, responsabile Innovation and Industry Relations di TIM, sulle novità del bando che dal 2009 ha coinvolto 289 startup

Da 20M (di lire) a 200M di valore: perché Quadrivio si è comprata un’eccellenza vera italiana

Storia di Somacis, un’azienda che ha cominciato a fare innovazione prima che diventasse di moda. E che adesso ha venduto a Quadrivio la metà per 100M

L’incredibile storia di Mashape e Augusto Marietti (che ha fatto bene a lasciare l’Italia quando gli dicevano “sei troppo giovane”)

A 18 anni aveva inventato Dropbox prima di Dropbox, ma nessuno lo finanziò. Poi, quando con 2 amici ha lanciato Mashape, un marketplace dove gli sviluppatori vendono “pezzi” di software, ha scelto di lasciare l’Italia, destinazione San Francisco. L’idea piace, e ci credono anche il papà di Uber e quello di Amazon e oggi la sua azienda vale decine di milioni di dollari. No, non è un film: è la storia di Augusto Marietti

Dal sushi alla Coca-cola, un progetto ci mostra quanto zucchero c’è negli alimenti

SinAzucar è il progetto spagnolo che fotografa gli alimenti che si trovano comunemente nelle nostre case per mostrarci quanto zucchero raffinato effettivamente contengono

Dai soldi al network, i 4 contributi delle corporate alle startup. Il caso Tecno a Napoli

Il contributo di una corporate alla startup, secondo L’advisor Giovanni De Caro, dovrebbe essere erogato secondo una precisa scala di priorità. L’open innovation di una società di Napoli e le modalità di investimento nelle startup