I venture capital spendono soldi in idee stupide, dice il Financial Times

Venture capital spendono soldi in idee stupide. Un editoriale del principale quotidiano finanziario al mondo racconta perché. Qui in pillole

«Troppi soldi dei venture vanno nelle mani di startup bizzarre» lo spiega il Financial Times che fa un raffronto tra Usa ed Europa e spiega cosa dovremmo invidiare agli americani.

Credits Ventureburn.com

Credits Ventureburn.com

Il venture capital è fondamentale per economia

Su 1.339 aziende statunitensi quotate in Borsa dal 1974 ad oggi circa il 42% ha ricevuto soldi da venture. Per avvalorare questo dato il Financial Times evidenzia come tre delle cinque aziende con la maggiore quotazione sul mercato (Apple, Google, Microsoft) abbiano ricevuto finanziamenti da venture.

Hanno speso 568 miliardi negli ultimi anni

Questa la spesa dei venture americani. Solo nel 2015 hanno finanziato aziende hitech per quasi 59, 1 miliardi di dollari, creando un divario con l’Europa difficile da colmare. Il Financial Times mette a confronto la valutazione di mercato di Apple, Google e Microsoft (1,555 trilioni di dollari) che è superiore a quelle delle 40 più importanti aziende francesi quotate in Borsa.

Invece in Europa la situazione del venture è un po’ diversa

Eppure il lavoro dei venture europei non è stato così male. Due ricercatori della London School of Economics hanno fatto un raffronto tra i dati di investimenti di venture capital, 12,315 (in Europa) e 23,483 (in America). Risultato dello studio non ci sarebbe grande differenza negli affari, nella redditività delle IPO tra Europa e America.

«Troppi soldi in idee senza senso». Il caso Powa.

Il Financial Times lancia un allarme e spiega come troppi soldi dei venture siano stati investiti (in America come in Europa) in idee bizzarre senza nessuna speranza di fare profitti, inflazionando il mercato con valutazioni fuori misura.  Con molte startup che da “unicorni” si sono trasformate “in cadaveri”. Powa ne è uno degli ultimi esempi più evidenti.

L’esperienza

«Quello che fa la differenza qui o in America è l’esperienza dei venture e degli imprenditori del settore in cui fanno business, le loro competenze» spiega il Financial Times.

Tre cose che l’Europa dovrebbe invidiare all’America

Il successo di un venture capital e di una startup è legato molto di più che alla disponibilità e all’accesso al capitale: «Sono i fattori esterni, quelli che contano di più. Una buon sistema universitario, leggi chiare che proteggono la proprietà intellettuale e una forza lavoro competente che proviene da ogni parte del mondo». Questo è quello che l’Europa dovrebbe invidiare all’America secondo il Financial Times.

Ti potrebbe interessare anche

10 IPO di startup nel 2015 che non possiamo non ricordarci (e le più attese del 2016)

4 miliardi di dollari. Ammonta a questa cifra il totale delle tech Ipo del 2015. Ecco quelle che sarebbe bene ricordare per capire qualche trend di mercato

13 cose che cercano nelle startup 13 dei più importanti investitori americani

Il live blog di Product Hunt ha ospitato, negli ultimi mesi, interviste a diversi investitori internazionali: ecco una sintesi utile di cosa ne è uscito

5 newsletter a cui vale davvero la pena iscriversi se hai una startup

In un’ epoca dove siamo bombardati da informazioni e abbiamo difficoltà a filtrare i contenuti, la cara vecchia newsletter ha la sua utilità

7 pivot di successo raccontati da 7 founder coraggiosi

E’ l’operazione più difficile di tutte: cambiare radicalmente il proprio business per trovare la sostenibilità economica. 7 esempi di pivot raccontati da Fastcompany ne raccontano la genesi

Un box di delizie e un kit per la ricetta. L’ecommerce Caciocavallo Impiccato

Dal kit basic a quello gourmet, c’è tutto l’occorrente per preparare il caciocavallo impiccato, inclusa l’asta brevettata per tenerlo sopra una fonte di calore. Prevista a breve anche una rete di Street Food e un carrello-cucina per i ristoranti. Il progetto di Saverio Mancino nei dettagli

Allarme mondiale: il ransomware Petya dilaga bloccando trasporti, centrali elettriche e perfino Chernobyl

L’attacco, forse condotto con “Petrwap” una variante del virus Petya, già nota agli esperti, attacca le macchine Windows. Come già accaduto con Wannacry, anche in questo caso il ransomware utilizza l’exploit EternalBlue rubato alla NSA