Falsi profili online e chiacchiere ai giornalisti, l’Uber dei venditori in guai seri. Clozer

Clozer, la startup che si definisce la Uber dei venditori, nei guai per un inchiesta del Business Insider. Il ceo prima nega, poi ammette: «abbiamo fatto un casino» e fioccano i primi licenziamenti

Si chiama Clozer e si vanta di essere la Uber dei venditori. Si tratta di una startup che offre alle aziende dei venditori professionisti. Business Insider ha scoperto che alla base della strategia di marketing della startup ci sono falsi endorsement, profili LinkedIn poco accurati e azioni di mail e social marketing a dir poco aggressive.

cc742bcwiaanwzo

Clozer ha una struttura molto semplice: come Uber offre vetture a chi le cerca, così la startup offre venditori a chi ne ha bisogno. L’azienda paga il venditore ingaggiato, Clozer trattiene una percentuale sul compenso del venditore che va dal 5 al 20%. L’obiettivo privilegiato delle virulente politiche di marketing di Clozer sono piccole aziende e startup.

L’amore da parte della stampa, quando Forbes la elogiava

La stampa si è innamorata del progetto: su Forbes Edmund Ingham l’ha definita “un altro successo della sharing economy”.Nel profilo LinkedIn di Ami Bloomer, CEO di Clozer, si racconta della sua importante esperienza nel mondo delle imprese tecnologiche, vantando investimenti anche in compagnie che oggi valgono milioni di sterline, come TransferWise. Ma nel corso dell’inchiesta Business Insider ha ricevuto una secca smentita da parte degli interessati: Bloomer non avrebbe mai investito in TransferWise.

L’inchiesta di Business insider e i primi licenziamenti

Dopo questa inchiesta, Bloomer ha annunciato di aver licenziato il suo team a Vienna e ha incolpato di questi passi falsi i 20 assistenti virtuali che l’aiutano a gestire la sua compagnia, confusi dai suoi metodi di pagamento. Sempre su LinkedIn si legge che Bloomer avrebbe un QI di 156 il che, se fosse vero, la piazzerebbe ai vertici delle menti inglesi, dato che è quasi il massimo punteggio raggiunto al test Mensa nel Regno Unito. Interrogata dal giornale in merito, Bloomer non ha rilasciato dichiarazione e il punteggio è stato cancellato dal suo profilo professionale.

Guardando i profili dei venditori, ciò che salta agli occhi è la loro eccezionale carriera e la genericità di informazioni fornite. Inoltre ciò che salta agli occhi sono le foto dei venditori: perfette, forse troppo. Diciamo pure preconfezionate, come quella di Andrew Jenkins che si può scaricare su Fabolousfaces.com.

Clozer

Bloomer ha dichiarato che la selezione dei venditori è controllata. Ma nel corso dell’inchiesta Business Insider è riuscito a creare il profilo di un falso venditore, senza che questo fosse verificato o controllato. Dopo una settimana è persino arrivata una mail in cui Clozer annunciava al falso venditore di aver trovato un possibile match con un’azienda per lui.

Abbiamo fatto un casino

Bloomer si è difesa su ogni punto, negando di aver autorizzato personalmente molte delle operazioni denunciate dall’inchiesta di Business Insider. Ma su un suo post su LinkedIn ha infine ammesso di “aver fatto un casino”.

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

Petit Pli, gli abiti progettati per crescere insieme ai bambini

Petit Pli è una tuta sportiva neutra e impermeabile il cui tessuto si allunga e si adatta perfettamente a bambini dai 6 mesi ai 3 anni. In questo modo i genitori non saranno costretti a comprare di continuo vestiti per i loro figli in crescita

Efficienza energetica in edilizia. La call di Klimahouse Startup Award

C’è tempo fino al 20 novembre per partecipare alla seconda edizione della call per startup europee attive nell’ambito delle tecnologie legate allo smart building, allo smart living e alla smart city che mettano al centro del proprio operato la sintonia tra uomo e natura

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti