Due italiani creano negli Usa un ecommerce delle nostre migliori boutique (incubati da 500 Startup)

Quattro startupper italiani emigrati in Usa da diversi anni, hanno lanciato Italist, un e-commerce che aggrega i prodotti di 120 boutique italiane

Si  sa la moda italiana è un brand famoso in tutto il mondo e per questo due startupper italiani, Diego Abba, Raffaele Giovine, Andrea Milani e Giuseppe Sacco, emigrati in Usa da diversi anni, hanno lanciato Italist, un e-commerce che aggrega i prodotti di 120 boutique italiane: «Vogliamo dare a tutti la sensazione di fare shopping nei negozi di moda di Milano o altre parti di Italia» spiegano i founder.

italist

La boutique online delle migliori boutique

Così l’hanno definita i fondatori che attraverso il sito e-commerce offrono prodotti di top brand (come Balenciaga, Bottega Veneta, Celine, Prada, Gucci). Ma anche di designer emergenti come Giovanni Cappannolo, MSGM, Mary Katrantzou, selezionati da negozi in giro per l’Italia, da Milano, Torino a Palermo, passando per Forte dei Marmi: «Ci occupiamo noi di tutto, della ricerca delle boutique, delle offerte, processi di pagamento, consegna, misure antifrode» spiega Abba, studi di business tra Ca’ Foscari di Venezia, la University of California e MBA in finanza e management alla Cornell University. Oggi la sua e-boutique vende in più di 85 Paesi e ha 120 boutique che espongono i loro prodotti.

Il business del lusso, un mercato da 300 miliardi di dollari

«Il mercato del lusso valle 150 miliardi, 300 se si includono la gioielleria, orologi e prodotti di bellezza. E solo il 5-6% delle transazioni avvengono online» prosegue Abba che rivela a TechCrunch, i numeri dell’e-commerce, un milione di euro di ricavi in media l’anno dal lancio del 2014 e il sogno di diventare presto un unicorno: «Abbiamo tutte le opportunità per costruire presto un business da 1 miliardo di dollari».

Mentre il mercato del lusso dei prodotti italiano vale 21 miliardi e anche qui solo il 5% delle vendite avvengono online.

500 Startups li ha incubati

L’idea è piaciuta a un famoso incubatore americano che l’ha sostenuta con 500mila dollari (hanno partecipato al seed anche angel come Lenardo Etro e Ennis Dorris. 500 Startups è Il fondo nato su iniziativa di Dave McClure che ha un curriculum da paura: consulente per aziende per i big dell’hitech come Microsoft e Intelex direttore marketing di PayPal e di Facebook fbFund, ha lanciato nel 2010, il fondo di investimento che ha investito in sei anni in circa 1.500 aziende in 50 Paesi al mondo, come riporta il sito ufficiale. Tra queste anche l’italiana Cocontest. Ne parliamo qui.

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

#rESTATE in città coi bambini: 5 cose da fare a…Bologna

Dalla mostra interattiva Bologna Experience, al ciclo di eventi “Un’estate alla scoperta dell’Orto Botanico“.  Dall’appuntamento alla Serre dei Giardini Margherita allo spettacolo Sandokan al Teatro Testoni. Tutte le attività culturali e scientifiche per chi resta in città con i bambini

Megaride, l’arma segreta Ducati: un software per ottimizzare le performance dei pneumatici in pista

Megaride, la startup di Flavio Farroni che analizza la salute dei pneumatici, stringe una partnership con Ducati per ottimizzare le performance in pista. Questa l’arma segreta che ha regalato a Dovizioso la vittoria nella gara austriaca della MotoGP?

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti