Larry Page ha pensato Google mentre dormiva e altre cose da sapere sul sonno come motore creativo

Larry Page ha inventato Google mentre dormiva. Qui qualche «tips» sul rapporto sonno creatività

A 22 anni Larry Page, cofondatore di Google,  era uno studente a Stanford quando una notte fa un sogno che gli cambia la vita: immagina di scaricare tutto il Web e di conservare tutti i link del mondo. Appena sveglio prende penna e carta e scrive un algoritmo, la base per quello che sarà il celeberrimo motore di ricerca, racconta Business Insider.

Larry Page

Larry Page

I sogni aiutano a vivere meglio

È una frase che conoscono bene i fan di Gigi Marzullo, il giornalista e conduttore televisivo. Pare proprio che i sogni aiutino a vivere meglio e ad avere idee straordinarie. Lo sostiene Page l’attuale Ceo di Alphabet, il conglomerato che racchiude tutti i business in cui Google è coinvolto, che durante un discorso nel 2009 alla University of Michigan ha dichiarato: «Quando un grande sogno si manifesta, siate pronti ad afferrarlo». E chi più di lui può dirlo.

Arianna Huffington, la paladina del sonno

La cofounder ed editrice di Huffington Post Media Group ha scritto un libro “Sleep Revolution” nel quale indaga il rapporto tra sonno, sogni e creatività: «Durante il sonno i neuroni del cervello si riorganizzano e così riesci a vedere soluzioni, laddove prima notavi solo ostacoli» scrive la scrittrice che, tuttavia, non è la prima a sostenere questa la tesi.

Secondo lo studio di psicologi di UC San Diego, il sonno migliora la nostra capacità di elaborare idee creative perché aiuta il cervello a mettere insieme idee che appartengono a campi diversi, trovando una connessione fra di loro: «La fase REM, il movimento rapido degli occhi che avviene durante il sonno, è il momento in cui il pensiero creativo si forma e rafforza» spiega la ricerca.

NY NEW YORK AOL

Arianna Huffington

La strategia per dormire e partorire grandi idee

La Huffington ha un sua strategia per sfruttare tutti i benefici del sonno a suo vantaggio: «Se c’è un problema particolare, potete in qualche modo “incubarlo” prima di dormire facendo domande a voi stessi, chiedendo al vostro subconscio chiarezza e soluzioni» spiega Huffington. L’imprenditrice suggerisce poi di tenere un diario e una penna attaccati al vostro letto e di chiedervi ogni notte “in quale area della mia vita ho bisogno di uno sostegno e di una guida, a quali domande devo rispondere?”. Poi di scriverle sulla carta e concentrarsi sul problema o l’idea prima di andare a dormire.

Il giorno seguente poi svegliarsi, provare a ricordare quello che si è sognato e scrivere tutto quello che ci viene in mente, una parola, un’immagine, un’impressione. Ma per poterlo fare “c’è bisogno, appena svegli, di prendersi una pausa, fare dei respiri lenti, sforzarsi di ricordare, prima che il mondo esterno invada tutto e ci porti a dimenticare” conclude Huffington.

Quanto dormono le persone di successo?

Quello del sonno è un tema molto dibattuto. Se prima la produttività nel business veniva prima di tutto, oggi molti imprenditori hanno capito che il benessere fisico e psicologico è strettamente legato ai risultati in azienda. E dormire bene avrebbe in questo caso un importanza fondamentale. Tempo fa Forbes ha pubblicato un articolo sulla questione. All’interno un’infografica di Homearena, mostra quanto dormono e in che ore, alcuni degli uomini di business più celebri al mondo. Scopriamo che Bill Gates, il papà di Microsoft, dorme 7 ore al giorno (da mezzanotte alle sette del mattino). Due ore in meno di sonno per Richard Branson (Virgin Group). L’imprenditore britannico va a letto a mezzanotte e si sveglia alle cinque del mattino. Più metodico Tim Cook, Ceo di Apple (21:30 – 4:30). Sette ore anche per Jeff Bezos, Amazon (22:00 – 5:00). Un’ora in più di Elon Musk, Tesla Motors, dall’una alle sette.

Ti potrebbe interessare anche

10 professioni dove si faranno più soldi lavorando da freelance (e c’è anche la scrittura)

FastCompany stila la classifica dei 10 settori che oggi e in futuro offriranno più opportunità ai freelancer

10 startup italiane poco note, ma che secondo Equidam stanno crescendo tantissimo

Sono società che stanno crescendo tanto, un po’ di sottecchi. Qui la lista, dove però non sono riportati dati né approfondimenti dei parametri di selezione.

9 buone pratiche che aiutano ad avere una buona idea

La creatività non è un club esclusivo. Non c’è qualcuno che entra di diritto e altri che vengono tagliati fuori. Come ogni cosa nella vita si può imparare e migliorare, proprio come guidare un macchina, saper programmare, o fare surf. La creatività è parte della tua vita e più spazio le dai, più ti premierà con nuove idee.

Cos’è l’«assunzione bendata» e perché fa davvero bene a azienda e dipendenti

É una tecnica di selezione nella quale il recruiter cancella alcune informazioni dei candidati (nome, genere, età, educazione, razza…) per eliminare ogni possibile pregiudizio nella scelta. Ma non solo.

“Non siamo una famiglia, siamo una squadra”, ecco perché in Netflix si lavora bene

Netflix si distingue da Facebook e Google per politica aziendale: nessuna festa, tornei di frisbee o tributi al Burning Man. Però non esistono giorni di vacanza prefissati, i dipendenti possono andare in ferie quando vogliono

Da Starbucks a McDonald’s: quanta caffeina c’è in quello che beviamo?

Il limite massimo raccomandato è di 400 milligrammi al giorno, ma non sempre è facile realizzare in termini pratici cosa significhi. Qui una lista del contenuto della sostanza nelle principali bevande, dal caffè alla Coca-Cola

Prime Wardrobe, il servizio di Amazon che permette di provare gli abiti prima di acquistarli

Il nuovo servizio di abbigliamento Prime Wardrobe, è un try-before-you-buy. Disponibile solo per i clienti Amazon Prime consentirà di scegliere in un catalogo di un milione di pezzi i vestiti e le scarpe più adatti, senza essere obbligati ad acquistare ciò che si ordina

Hephaestus Venture, il fondo che porta le startup italiane in Brasile

Il fondo ha la missione di supportare le startup nei processi di internazionalizzazione verso il Brasile, un mercato emergente e in forte crescita, se si pensa che il 57.4% dei finanziamenti in America Latina si concentra in questo Paese.