Tensive chiude un round di investimento da 500 mila euro

Anche Invitalia Ventures e Unicredit tra i sostenitori della startup biomedicale milanese

Tensive, startup biomedicale milanese, ha chiuso un round di investimento da 500 mila euro. Tra i sostenitori ci sono anche Invitalia Ventures e Unicredit.

L’azienda, che ad oggi ha raccolto 1,9 milioni di euro, si propone di utilizzare i fondi per accelerare lo sviluppo delle sue soluzioni.

Fondata nel 2012 come uno spinoff della Fondazione Filarete e guidata dal CEO e CSO Gianfranco Bellezza e dal Presidente Alberto Cantaluppi, Tensive sviluppa protesi di biomateriale sintetico biodegradabile e fabbricate con microcanali interni che simulano l’architettura dei vasi sanguigni per la ricostruzione naturale del seno.

Tensive2

La tecnologia mira a promuovere la naturale crescita del tessuto adiposo. Durante il processo rigenerativo, le protesi sono progettate per degradarsi gradualmente ed essere sostituite da tessuto adiposo.
Il prodotto non è ancora stato testato sull’uomo.

Del Team di Tensive fanno parte anche: Irini Gerges, Ph.D. (co-founder, Chief Technology Officer & R&D Director); Federico Martello, Ph.D. (co-founder, Chief Operating Officer), Margherita Tamplenizza, Ph.D. (co-founder; Chief Regulatory Officer) e Alessandro Tocchio, co-founder.

In Giordania è stato realizzato il primo impianto fotovoltaico in un campo per rifugiati

I pannelli solari installati ad Azraq assicureranno elettricità 24 ore al giorno a circa 20mila persone e consentiranno di migliorare le loro condizioni di vita. L’obiettivo è portare questa innovazione anche in campi più grandi come quello di Zaatari

Più bike sharing, meno stazioni di parcheggio. Shike, il progetto di MugStudio (SocialFare)

Andrea Tommei e Andrea Cantore hanno sviluppato un progetto di bike sharing innovativo, che permette ai cittadini di non servirsi delle classiche stazioni. Shike è tra le 5 aziende selezionate per Foundamenta#3, il programma di accelerazione per startup a impatto sociale