Tensive chiude un round di investimento da 500 mila euro

Anche Invitalia Ventures e Unicredit tra i sostenitori della startup biomedicale milanese

Tensive, startup biomedicale milanese, ha chiuso un round di investimento da 500 mila euro. Tra i sostenitori ci sono anche Invitalia Ventures e Unicredit.

L’azienda, che ad oggi ha raccolto 1,9 milioni di euro, si propone di utilizzare i fondi per accelerare lo sviluppo delle sue soluzioni.

Fondata nel 2012 come uno spinoff della Fondazione Filarete e guidata dal CEO e CSO Gianfranco Bellezza e dal Presidente Alberto Cantaluppi, Tensive sviluppa protesi di biomateriale sintetico biodegradabile e fabbricate con microcanali interni che simulano l’architettura dei vasi sanguigni per la ricostruzione naturale del seno.

Tensive2

La tecnologia mira a promuovere la naturale crescita del tessuto adiposo. Durante il processo rigenerativo, le protesi sono progettate per degradarsi gradualmente ed essere sostituite da tessuto adiposo.
Il prodotto non è ancora stato testato sull’uomo.

Del Team di Tensive fanno parte anche: Irini Gerges, Ph.D. (co-founder, Chief Technology Officer & R&D Director); Federico Martello, Ph.D. (co-founder, Chief Operating Officer), Margherita Tamplenizza, Ph.D. (co-founder; Chief Regulatory Officer) e Alessandro Tocchio, co-founder.

L’incredibile storia di Mashape e Augusto Marietti (che ha fatto bene a lasciare l’Italia quando gli dicevano “sei troppo giovane”)

A 18 anni aveva inventato Dropbox prima di Dropbox, ma nessuno lo finanziò. Poi, quando con 2 amici ha lanciato Mashape, un marketplace dove gli sviluppatori vendono “pezzi” di software, ha scelto di lasciare l’Italia, destinazione San Francisco. L’idea piace, e ci credono anche il papà di Uber e quello di Amazon e oggi la sua azienda vale decine di milioni di dollari. No, non è un film: è la storia di Augusto Marietti

Dal sushi alla Coca-cola, un progetto ci mostra quanto zucchero c’è negli alimenti

SinAzucar è il progetto spagnolo che fotografa gli alimenti che si trovano comunemente nelle nostre case per mostrarci quanto zucchero raffinato effettivamente contengono

Dai soldi al network, i 4 contributi delle corporate alle startup. Il caso Tecno a Napoli

Il contributo di una corporate alla startup, secondo L’advisor Giovanni De Caro, dovrebbe essere erogato secondo una precisa scala di priorità. L’open innovation di una società di Napoli e le modalità di investimento nelle startup