Zehus chiude un round di investimento da 1,5 milioni con Invitalia Ventures e Vittoria Industries

Lo spin-off del Politecnico di Milano ha messo a punto Bike+, tecnologia che permette la produzione di bici elettriche senza bisogno di ricarica

Invitalia Ventures e Vittoria Industries, leader mondiale nella produzione di pneumatici per biciclette con un volume annuo di oltre 7 milioni di pneumatici e 900.000 tubolari, hanno guidato un round d’investimento di 1.5 milioni di euro in Zehus, spin-off del Politecnico di Milano la cui mission è innovare il settore della mobilità urbana sviluppando soluzioni eco-sostenibili.

Invitalia

La bici elettrica che si ricarica pedalando

Zehus ha messo a punto Bike+, una rivoluzionaria tecnologia che permette la produzione di biciclette elettriche senza bisogno di ricarica. Bike+ unisce infatti batteria, sensori e motore nel mozzo della ruota posteriore di ogni bicicletta e non prevede alcuna ricarica. La batteria non si esaurisce perché sfrutta alcune fasi della pedalata (discesa o andatura costante), che compensano l’energia consumata in fase di partenza o salita.

Zehus vanta un team formato da ingegneri e manager specializzati nel settore automotive e ha vinto diversi prestigiosi riconoscimenti internazionali come il Chinese Cycle Gold Award e The Light Electric Vehicle Association Innovator of the Year.

Sostenibilità e smart mobility: un mercato che vale 4 miliardi

«Siamo particolarmente soddisfatti di questa operazione – ha dichiarato Salvo Mizzi, Amministratore Delegato di Invitalia Ventures – perché apre il nostro mercato dell’innovazione a investimenti internazionali e di scala globale. Il coinvolgimento di aziende leader internazionali è uno degli obiettivi principali della nostra mission». Ciro Spedaliere, Investment Manager di Invitalia Ventures, ha sottolineato: «Con questo investimento in Zehus, entriamo in due settori fondamentali dell’innovazione hi-tech: sostenibilità e smart mobility. Bike+, che non richiede operazioni di ricarica, è una soluzione tecnologica Made in Italy distintiva e va inquadrata in un mercato che prevede nel 2018, 1.8 milioni di unità vendute e ricavi per oltre 4 miliardi di euro».

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

#rESTATE in città coi bambini: 5 cose da fare a…Bologna

Dalla mostra interattiva Bologna Experience, al ciclo di eventi “Un’estate alla scoperta dell’Orto Botanico“.  Dall’appuntamento alla Serre dei Giardini Margherita allo spettacolo Sandokan al Teatro Testoni. Tutte le attività culturali e scientifiche per chi resta in città con i bambini

SeaSeeker, la maschera realizzata con Snapchat che scatta foto sott’acqua

È la versione subacquea degli occhiali Spectacles del social network del fantasmino. Può essere immersa per 30 minuti e fino a 45 metri di profondità per regalare ai turisti ricordi esclusivi delle loro esperienze in vacanza

Megaride, l’arma segreta Ducati: un software per ottimizzare le performance dei pneumatici in pista

Megaride, la startup di Flavio Farroni che analizza la salute dei pneumatici, stringe una partnership con Ducati per ottimizzare le performance in pista. Questa l’arma segreta che ha regalato a Dovizioso la vittoria nella gara austriaca della MotoGP?

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti