Zehus chiude un round di investimento da 1,5 milioni con Invitalia Ventures e Vittoria Industries

Lo spin-off del Politecnico di Milano ha messo a punto Bike+, tecnologia che permette la produzione di bici elettriche senza bisogno di ricarica

Invitalia Ventures e Vittoria Industries, leader mondiale nella produzione di pneumatici per biciclette con un volume annuo di oltre 7 milioni di pneumatici e 900.000 tubolari, hanno guidato un round d’investimento di 1.5 milioni di euro in Zehus, spin-off del Politecnico di Milano la cui mission è innovare il settore della mobilità urbana sviluppando soluzioni eco-sostenibili.

Invitalia

La bici elettrica che si ricarica pedalando

Zehus ha messo a punto Bike+, una rivoluzionaria tecnologia che permette la produzione di biciclette elettriche senza bisogno di ricarica. Bike+ unisce infatti batteria, sensori e motore nel mozzo della ruota posteriore di ogni bicicletta e non prevede alcuna ricarica. La batteria non si esaurisce perché sfrutta alcune fasi della pedalata (discesa o andatura costante), che compensano l’energia consumata in fase di partenza o salita.

Zehus vanta un team formato da ingegneri e manager specializzati nel settore automotive e ha vinto diversi prestigiosi riconoscimenti internazionali come il Chinese Cycle Gold Award e The Light Electric Vehicle Association Innovator of the Year.

Sostenibilità e smart mobility: un mercato che vale 4 miliardi

«Siamo particolarmente soddisfatti di questa operazione – ha dichiarato Salvo Mizzi, Amministratore Delegato di Invitalia Ventures – perché apre il nostro mercato dell’innovazione a investimenti internazionali e di scala globale. Il coinvolgimento di aziende leader internazionali è uno degli obiettivi principali della nostra mission». Ciro Spedaliere, Investment Manager di Invitalia Ventures, ha sottolineato: «Con questo investimento in Zehus, entriamo in due settori fondamentali dell’innovazione hi-tech: sostenibilità e smart mobility. Bike+, che non richiede operazioni di ricarica, è una soluzione tecnologica Made in Italy distintiva e va inquadrata in un mercato che prevede nel 2018, 1.8 milioni di unità vendute e ricavi per oltre 4 miliardi di euro».

Il “ricatto” cinese che ha fatto crollare bitcoin di 100 dollari in 1 minuto, spiegato

Bitcoin era tornato sopra i mille dollari e in un minuto è sceso di 100. Per colpa dei cinesi e, soprattutto, di un paradosso: i governi non possono controllare bitcoin ma possono, con le loro scelte, influenzarne l’andamento. Abbiamo cercato di capire il perché con il founder di Euklid, Antonio Simeone

Questa app sviluppata da Prospeh (H-Farm) ti dice da dove viene il cibo. OriginTrail

Prospeh è una startup di origini slovene ha sviluppato un’applicazione che mostra le informazioni sulla provenienza dei prodotti alimentari. Fa parte della seconda edizione del Food Accelerator, il programma di H-Farm

Il futuro di Internet non è nella fibra. Così Elon Musk ci farà connettere dallo spazio

Mentre Facebook ci prova con i droni, Space X vuole lanciare in orbita più di 4mila satelliti per portare internet ovunque. L’impresa è titanica se si pensa che ad oggi ci sono solo 24 satelliti nello spazio per il GPS e che le aziende che ci hanno provato prima hanno fallito

F-Secure compra la (ex) startup italiana fondata dall’hacker Andrea Barisani

Exit per la startup di sicurezza informatica di Trieste, comprata dal gruppo del colosso finlandese degli antivirus. Con l’ingresso nel gruppo, Barisani diventa nuovo capo della Sicurezza hardware di F-Secure