Zehus chiude un round di investimento da 1,5 milioni con Invitalia Ventures e Vittoria Industries

Lo spin-off del Politecnico di Milano ha messo a punto Bike+, tecnologia che permette la produzione di bici elettriche senza bisogno di ricarica

Invitalia Ventures e Vittoria Industries, leader mondiale nella produzione di pneumatici per biciclette con un volume annuo di oltre 7 milioni di pneumatici e 900.000 tubolari, hanno guidato un round d’investimento di 1.5 milioni di euro in Zehus, spin-off del Politecnico di Milano la cui mission è innovare il settore della mobilità urbana sviluppando soluzioni eco-sostenibili.

Invitalia

La bici elettrica che si ricarica pedalando

Zehus ha messo a punto Bike+, una rivoluzionaria tecnologia che permette la produzione di biciclette elettriche senza bisogno di ricarica. Bike+ unisce infatti batteria, sensori e motore nel mozzo della ruota posteriore di ogni bicicletta e non prevede alcuna ricarica. La batteria non si esaurisce perché sfrutta alcune fasi della pedalata (discesa o andatura costante), che compensano l’energia consumata in fase di partenza o salita.

Zehus vanta un team formato da ingegneri e manager specializzati nel settore automotive e ha vinto diversi prestigiosi riconoscimenti internazionali come il Chinese Cycle Gold Award e The Light Electric Vehicle Association Innovator of the Year.

Sostenibilità e smart mobility: un mercato che vale 4 miliardi

«Siamo particolarmente soddisfatti di questa operazione – ha dichiarato Salvo Mizzi, Amministratore Delegato di Invitalia Ventures – perché apre il nostro mercato dell’innovazione a investimenti internazionali e di scala globale. Il coinvolgimento di aziende leader internazionali è uno degli obiettivi principali della nostra mission». Ciro Spedaliere, Investment Manager di Invitalia Ventures, ha sottolineato: «Con questo investimento in Zehus, entriamo in due settori fondamentali dell’innovazione hi-tech: sostenibilità e smart mobility. Bike+, che non richiede operazioni di ricarica, è una soluzione tecnologica Made in Italy distintiva e va inquadrata in un mercato che prevede nel 2018, 1.8 milioni di unità vendute e ricavi per oltre 4 miliardi di euro».

Il food italiano parte alla conquista della Cina con la startup Ventuno

Le sorelle Di Franco hanno inventato un modo per presentare l’italian food all’estero: eleganti box a tema regionale con prodotti locali. E ora la piattaforma sarà una delle dieci finaliste dell’Italian Scaleup Initiative in China

Imparare a guidare con la realtà virtuale e aumentata. Il progetto di Guida e Vai

Salvatore Ambrosino, cofondatore e direttore commerciale di Guida e Vai, ha ideato un nuovo sistema di insegnamento per preparare all’esame di teoria le nuove generazioni. I ragazzi potranno simulare con smartphone e visore le situazioni che potrebbero incontrare su strada

Hephaestus Venture, il fondo che porta le startup italiane in Brasile

Il fondo ha la missione di supportare le startup nei processi di internazionalizzazione verso il Brasile, un mercato emergente e in forte crescita, se si pensa che il 57.4% dei finanziamenti in America Latina si concentra in questo Paese.

Cyber-Diplomacy | Che cos’è e qual è il ruolo dell’Italia (nel G7)

Le relazioni internazionali sono chiamate ad avere un ruolo specializzato al Cyber Spazio e devono agire al suo interno per supportare il complesso di accordi e regole di carattere internazionale oggi ancora incompleto in proposito