Ai sauditi piace Uber. Il fondo sovrano investe cifra record di 3,5 miliardi

Investimento record del fondo sovrano saudita in Uber, gli abitanti sauditi inclini ad utilizzarlo. E la società americana punta sul mercato mediorientale

Il Public Investment Fund, fondo sovrano saudita, ha investito 3,5 miliardi in Uber. E’ di fatto il maggior investimento di sempre nella big company della sharing economy americana. Ma anche il più grosso mai realizzato dal fondo sovrano di Riad in una società privata, per di più statunitense. E Uber arriva a valere 62,5 miliardi di dollari. Mentre il servizio spopola tra gli abitanti sauditi e in medioriente.

5++Uber+taxi+app+in+Madrid

L’investimento del fondo saudita porta le casse di Uber a 11 miliardi di dollari. La borsa è sempre più vicine. Nel quadro strategico, per capire le ragioni di questo investimento, l’obiettivo della società è di investire 250 milioni nel Medio Oriente e Nord Africa. Regioni in cui Uber è più impegnata rispetto ad altre come Cina o India. In Cina, per esempio, Apple ha appena investito un milardo nell’anti-Uber locale, Didi Chuxing, fondata dalla figlia del fondatore di Lenovo.

LEGGI: L’Europa vuole stati membri più morbidi con Uber e Airbnb

La società californiana attualmente opera in nove paesi e 15 città del Medio Oriente e punta ad allargarsi in quel mercato dato che i sauditi si sono dimostrati molto inclini ad adottare l’app di car sharing invece che i taxi.

In auto per 30mila chilometri per accompagnare la figlia al college

Huang Haitao aveva promesso a sua figlia che avrebbe attraversato 26 nazioni se fosse stata accettata in un’università americana. Quando la lettera di ammissione è arrivata da Seattle, non ha potuto far altro che partire con lei dalla Cina verso gli Stati Uniti

Diane Jooris usa la realtà virtuale per aiutare i malati di cancro. La storia

Oncomfort, azienda americana, crea software che abbassano i livelli di stress e di dolore dei pazienti affetti da cancro. La fondatrice del progetto racconta a StartupItalia! la sua esperienza che l’ha portata a pensare a questa particolare terapia