Quali sono i maggiori 22 fondi di venture capital europei

Europa: ecco la lista dei 22 leader del venture capital europeo.

Investono miliardi alla ricerca del nuovo Spotify o del nuovo Sky. Puntano sul tech, ma anche su altri settori come scienza della vita, energia e business più tradizionali. Sono i venture europei inclusi nella lista dei migliori nel 2016, analizzando il capitale raccolto dal 2010 a  oggi. La ricerca nasce in collaborazione con CB Insights e il suo Venture Capital Database. La stragrande maggioranza è, come ci si poteva aspettare, tedesca, inglese e svizzera. Qui la lista completa

I maggiori 22 venture capital europei

22. TVM Capital Life Science – 180.8 milioni

22-tvm-capital-life-science--2016-million

È un fondo specializzato in soluzioni hitech applicate alla salute. Ha due sedi, una a Monaco e l’altra a Montreal. Investe in startup biotech, farmaceutiche e nel medtech (tecnologie digitali). Managing partner è Hubert Birner.

21. Forbion – 186.4 milioni 

21-forbion--208-million                   

Lanciato nel 2010 come ABN AMRO Capital Life Sciences, è rinato con il nome Forbion nel 2016. Il fondo di venture capital ha uffici nei Paesi Bassi e in Germania. Focalizzato su startup nel campo biomedico e scienze della vita. Managing partner e fondatore, Sander Slootweg.

20. Scottish Equity Partners – 199.4 milioni

20-scottish-equity-partners--22243-million

Fondato nel 1991, il fondo investe in energia, healthcare e startup tecnologie. Nell’ultimo campo il suo portfolio include Babbel, startup che facilita l’apprendimento delle lingue straniere e la piattaforma di social analytics, Socialbro. Oltre ad avere un ufficio a Londra, ha sedi a Glasgow ed Edimburgo.  Calum Peterson è uno dei managing partner.

19. MVM Life Science Partner – 208.9 milioni

19-mvm-life-science-partners--233-million

Il fondo è specializzato su investimenti nei settori di scienze della vita e healthcare. Ha uffici a Londra e Boston ed è stato lanciato nel 1997. Partner e fondatore Stephen Reeders.

18. Advent Life Sciences – 210.72 milioni

18-advent-life-sciences--235-million

Sede a Londra per il fondo che investe nel settore delle scienze della vita: scoperte di nuovi medicinali, medtech e nuove soluzioni nel campo della diagnostica. Operating partner è Steve Butcher.

17. Partech Ventures – 215 milioni

17-partech-ventures--240-million

Lanciato nel 1984 ha uffici a Parigi, Berlino e a San Francisco. Uno dei suoi investimenti più recenti è stato lo store che vende arredamento online, Made.com (circa 30 milioni investiti). Altri investimenti il sito di recensioni Qype (che poi è stato acquistato dal competitor Yelp). Oltre alla piattaforma francese di video, Daily Motion e alla startup delle assicurazioni sanitarie, GetInsured.com. Tra i general partner del fondo Jai Choi.

16. Rockaway Capital  – 226.8 milioni

16-rockaway-capital--253-million

Scopo del fondo è di “costruire la digital economy nei Paesi emergenti”. Sede principale del fondo è Praga, anche se ci sono uffici a San Francisco, come a San Paolo. Ceo dell’azienda è Jakun Havrlant.

15. Endeavour Vision – 246.6 milioni

 

preview-59-1370255157c4

Ha radici in tre storiche aziende (Genevest, Vision Capital Europe e Endeavour) il fondo che è specializzato in scienze della vita. Sede a Ginevra e Sven Lingjaerde come managing partner.

14. Business Growth Fund  – 271.4 milioni

14-business-growth-fund--30376-million

Spazia dall’edilizia, all’healthcare all’IT, il portfolio del fondo britannico. Tra le startup su cui ha puntato WorkShare, specializzata sul file sharing, servizi cloud come Skyscape e un marketplace per media Exchange Lab (acquistato poi da WPP, holding nel settore pubblicitario, lo scorso dicembre).  Stephen Welton è uno degli amministratori.

13. Balderton Capital – 273.5 milioni

13-balderton-capital--305-million

Il fondo nasce come ramo europeo dell’americano Benchmark nel 2000. Nel 2007 diventa indipendente. Tra i suoi investimenti due italiani, CityMapper e Depop. Bernand Liautaud, tra i general partner.

12. Northzone Ventures – 291.3  milioni

12-northzone-ventures--325-million

Investe da 19 anni il fondo che ha uffici a Londra, Oslo, New York, Stoccolma e Copenaghen. Ha finanziato più di 100 aziende, tra cui Spotify, iZettle, e LastMinute.com di Fabio Cannavale. Bjørn Stray è uno dei cofounder.

11. Sofinnova Partners – 291.4 milioni

11-sofinnova-partners--325-million

Sede a Parigi e focus sulle startup nel campo delle scienze della vita, è un fondo storico che da più di 40 anni ha investito in 500 progetti. Il presidente è Denis Lucquin.

10. Holtzbrinck Ventures – 296.6 milioni

10-holtzbrinck-ventures--331-million

Il fondo tedesco, fondato nel 2000, ha investito su decine di progetti di successo. Tra quelli più noti, Zalando, Groupon e Delivery Hero. Sven Achter è uno dei general partner.

9. EightRoads – 313.7 milioni

9-eight-roads-350-million

Prima chiamato Fidelity, il fondo ha cambiato nome nel 2015. Ha sede a Londra ed è alla caccia soprattutto di startup nel settore del fintech. Davor Hebel è uno dei managing partner.

8. Abingworth – 336 milioni

Stephen-Bunting_large

 

Fondato nel 1973 il fondo è dedicato esclusivamente alle scienze della vita all’healthcare. Investe in progetti a ogni stadio di sviluppo (early e late stage) e anche in aziende in Borsa. Ha uffici a Londra, Menlo Park e Boston. Il presidente è Stephen Bunting.

7. Highland Europe –  339,5 milioni

7-highland-europe--3786-million

Nasce da un fondo americano (Highland Partners da sempre attento all’Europa). Nel 2012 è diventato una realtà indipendente. Ha uffici a Londra e Ginevra e investe in progetti tech nel campo di Internet, mobile e software. Fergal Mullen è uno dei cofounder.

6. Lakestar  –  345.2 milioni

6-lakestar-385-million

Il fondo ha uffici a Londra, Berlino, Zurigo e New York. Nel 2015 ha lanciato il suo secondo fondo, Lakestar II, focalizzato su investimenti early stage.

5. High-Tech Gründerfonds –  396.8 milioni

5-high-tech-grnderfonds--4425-million

Fondato nel 2005 è un fondo pubblico con partecipazioni private. Sede a Bonn in Germania. Michael Brandkamp è il managing director.

4. Atomico –  427.5 milioni

4-atomico--47663-million

Lanciato da uno dei cofondatori di Skype, Niklas Zennström nel 2006, Atomico si focalizza esclusivamente sul tech. Sede a Londra con uffici a Pechino, Tokyo, San Paolo e Istanbul, ha investito su Skype, Rovio (la software company che ha creato Angry Birds), Last.fm (social community per amanti di musica) in Europa.

3. Regional Growth Fund – 434.4 milioni

3-regional-growth-fund--48435-million

È l’iniziativa del governo inglese per aiutare a finanziare business in UK.  Fino a oggi il fondo afferma di aver creato 130mila posti di lavoro. Responsabile è Sajid Javid.

2. Deutsche Telekom Capital Partners  – 556.2 milioni

2-deutsche-telekom-capital-partners--620-million

Lanciato a novembre del 2014 dal gigante delle telecomunicazioni Deutsche Telekom ha investito su startup come Mojio, 8 milioni circa per un software nel settore dell’automotive. Timotheus Höttges è il Ceo di Deutsche Telekom.

1. Index Ventures – 633.7 milioni

1-index-ventures--70616-million

Lanciato nel 1996, ha uffici a Ginevra, Svizzera, Londra e San Francisco. Investe sia in progetti tecnologici che nel campo dell’healthcare. Tra gli investimenti più importanti, Facebook. Etsy e Just Eat. Ben Holmes è uno dei partner.

La call di dpixel per il secondo programma di accelerazione di Barcamper Ventures

Le startup possono applicare fino al 5 giugno. Il percorso inizierà a settembre 2017, si terrà a Bologna e includerà fino a venti progetti innovativi nel campo della tecnologia e del digitale

Videoarte e tecnologie: dal 27 aprile torna il Media Art Festival, con un concorso per le scuole

Il filo rosso di questa edizione è “L’arte che cambia il mondo”, grazie anche ai laboratori creativi per lo sviluppo sostenibile, realizzati con scienziati e maker. Gli studenti saranno coinvolti con scienziati e artisti in progetti sullo sviluppo sostenibile

Tidal Vision, la startup dell’Alaska che trasforma gli scarti dell’oceano in vestiti

Partito nel 2015 su Kickstarter, il progetto di Craig Kasberg si propone di recuperare la pelle di salmone o i gusci dei crostacei per ottenere capi di abbigliamento sostenibili che rispettino l’ambiente e contrastino gli effetti negativi della cosiddetta fast fashion