12 trend sul futuro di Apple emersi dalla World Developer Conference

Una sintesi delle cose emerse dalla conferenza mondiale degli sviluppatori: Siri, Apple Car, iMessenger, Apple TV

Il 17 giugno si è chiusa al Bill Graham Civic Auditorium di San Francisco WWDC 16, la WorldWide Developer Conference di Apple, l’appuntamento con il quale Cupertino presenta le sue novità più importanti. Ecco quali sono: nessun nuovo hardware, l’upgrade dei sistemi operativi (in arrivo in autunno), molta attenzione in generale al software e agli sviluppatori di terze parti, una svolta nel campo della protezione della privacy e Siri come superstar.

16-1429156070-appleimage1

1. iOS 10

Una beta del nuovo sistema operativo sarà disponibile a luglio, la release formale sarà in autunno. Novità sostanziali su Siri e iMessage, che analizziamo nei punti successivi. Lo schermo bloccato potrà essere sbloccato anche con la modalità «raise to wake», sollevandolo, senza bisogno di toccarlo. Le notifiche a schermo bloccato saranno più interattive, ci saranno scorciatoie per la macchina fotografica e il Centro di controllo. L’app Foto diventa più smart, grazie al riconoscimento facciale permette di aggregare le immagini in base ai soggetti che ci sono dentro. Sarà inoltre possibile cancellare anche le app pre-installate (come la calcolatrice). Il sistema operativo sarà compatibile anche con iPhone 5 e con gli iPad di quarta generazione

2. iMessage
L’app di messaggistica di Apple supporterà i rich link, quindi gli utenti potranno avere una preview dei contenuti all’interno degli scambi di messaggi. Ci saranno nuove animazioni, e la possibilità di trasformare parole in emoji. Ci saranno anche le emoji per reagire ai messaggi (un po’ come accade su Slack). L’app sarà anche in grado di suggerire frasi e indirizzi per rendere più veloce la digitazione. iMessage inoltre si apre agli sviluppatori terzi, che potranno inserire nell’app le loro funzioni.

3.  Privacy
Una delle novità più interessanti di questa di WWDC riguarda la privacy. Diverse delle esperienze predittive (come quella di iMessage o quelle delle foto) richiedono l’acquisizione di nuovi dati sugli utenti. E così Apple spinge su larga scala la sua privacy differenziale, basata sugli studi di Aaron Ruth della University of Pennsylvania (saggio fondamentale: The Algorithmic Foundations of Differential Privacy). Il meccanismo spezzetta i dati raccolti dagli utenti e li rende non solo  anonimi ma anche impossibili da ricostruire a posteriori. Un altro importante cambiamento: la maggior parte di questi processi sarà sul dispositivo e non sui server Apple. Si perderà in capacità computazionale ma si guadagnerà in libertà.

4.  Home App
Apple sta provando a rafforzare i suoi strumenti Home Kit. Con iOS10, tutta l’esperienza di domotica Apple viene unificata in una sola app, questo mette gli utenti in grado di dare istruzioni multiple a diversi strumenti simultaneamente. In questo modo, i produttori terzi potranno concentrarsi sull’hardware, mentre il controllo del software rimane in gran parte in mano ad Apple. Inoltre, Home App arriva su Apple Watch e su iPad.

5.  Apple Music
Cambia l’interfaccia ma non la sostanza. L’update presentato a WWDC allarga le foto, le copertine e il lettering, aggiunge un supporto per i testi delle canzoni all’app, che diventa in teoria più facile da navigare grazie ai nuovi tab, tra cui «Browse» al posto di quello «New». Apple punta molto sulla curation (anche grazie alla radio Beats 1) e offre anche contenuti selezionati, aggiornati ogni giorno e le classifiche dei successi del momento.

6. macOS
OS X ora si chiama macOS, tra le novità di WWDC c’è una campagna di renaming tra i vari sistemi operativi. Come iOS 10, anche macOS Sierra arriverà in autunno, con una preview beta a luglio. Sarà possibile lo sblocco dello schermo per chi indossa l’Apple Watch. Saranno disponibili Apple Pay e soprattutto Siri su Desktop. La funzione Picture-in-Picture permetterà di rimpicciolire lo schermo di un video e guardarlo mentre si stanno facendo altre operazioni. Universal Clipboard permetterà di copiare e incollare testi da Mac e dispositivi iOS e viceversa. Sono state migliorate le funzioni di Optimity Storage, che consentono di rimuovere app inutili, duplicati, cache e log. Sierra potrà essere aggiornato da tutti i dispositivi Mac a partire dal 2010.

7. Siri
Siri alla riscossa. Sono diverse le novità che riguardano l’assistente di Apple, che si apre agli sviluppatori terzi, sarà in grado di interagire con molti più servizi e potrà essere integrato nelle app (o si potrà accedere alle app tramite Siri). Siri inoltre arriva su Mac, ci si potrà accedere dal dock e da Spotlight, potrà essere usata per cercare file o su Google, mandare messaggi e tutte le sue altre funzioni già standard da mobile.

8. watchOS 3
Questa versione del sistema operativo degli smartwatch Apple prevede un re-design delle funzioni. Ora lo smartwatch avrà un pannello di controllo, come quello dell’iPhone. Non esiste più il Friends Circle. Il focus è stato spinto nella direzione salute e fitness, le funzioni legate al benessere, quelle per il calcolo delle calorie o per gli allenamenti ora saranno sempre presenti sullo smartwatch. Inoltre, Apple le ha aperte a sviluppatori terzi.

9. Apple Tv
Come novità più importante, tvOS permetterà un’interazione più fluida con gli abbonamenti televisivi dell’utente, con la possibilità di fare login all’interno del supporto. È stata potenziata la funzione di Siri, che oggi è in grado di dare suggerimenti molto più accurati («Siri, cercami una commedia liceale degli anni ’80», per esempio).

10. Swift Playground
Swift è il linguaggio di programmazione open source creato due anni fa da Apple, che farà uscire in autunno Swift Playground, un’app gratuita per insegnare a bambini e ragazzi le basi della programmazione, attraverso un mix molto curato di didattica e gioco. Parlando di programmazione, Apple ha anche dato 350 borse di studio ad altrettanti giovani sviluppatori per partecipare alla WWDC di quest’anno. Tim Cook ha presentato in particolare una bambina australiana di 9 anni, Anvitha Vijay, la programmatrice più giovane di Apple.

11. I numeri
Apple ha reso noti una serie di dati interessanti: 13 milioni di sviluppatori al lavoro sui sistemi operativi (aumento di 2 milioni nell’ultimo anno) provenienti da 74 paesi diversi. Nell’App Store ci sono 2 milioni di app, scaricate 130 miliardi di volte. Su iCloud ci sono 10 miliardi di file. Siri gestisce 2 miliardi di domande alla settimana. Apple Music ha raggiunto i 15 milioni di iscritti.

12. Car Play
C’è qualche (limitata) novità anche per chi ha un’auto compatibile con iOS, Tra le nuove possibilità offerte da Car Play, c’è quella che, su Apple Maps, registra la posizione dove è stata parcheggiata l’auto al momento della disconnessione. Inoltre, il cruscotto digitale è stato integrato con Car Play, le informazioni saranno mostrate lì al conducente, che non dovrà più distogliere gli occhi dalla strada.

Ti potrebbe interessare anche

10 IPO di startup nel 2015 che non possiamo non ricordarci (e le più attese del 2016)

4 miliardi di dollari. Ammonta a questa cifra il totale delle tech Ipo del 2015. Ecco quelle che sarebbe bene ricordare per capire qualche trend di mercato

4 fattori che ti fanno capire se una startup avrà successo, più 1 imprevedibile. Una ricerca

Ci sono 4 fattori che ci fanno capire se una startup avrà successo o meno. Li svela il venture americano First Round Capital

Ai sauditi piace Uber. Il fondo sovrano investe cifra record di 3,5 miliardi

Investimento record del fondo sovrano saudita in Uber, gli abitanti sauditi inclini ad utilizzarlo. E la società americana punta sul mercato mediorientale

Magnocavallo (Tannico): La Digital Transformation? Marcia in più per il settore vitivinicolo

Con il ceo della startup parliamo di Gli Impatti della Digital Transformation sul settore Agrifood, il report di Cisco Italia e Dti. «Chi fa investimenti importanti sulle tecnologie produttive spesso riesce ad avere prodotti con qualità uniforme e di alto livello»

A Dubai entra in servizio Reem, il primo poliziotto robot

Frutto della collaborazione tra il dipartimento di polizia della città degli Emirati Arabi, Google e IBM, il moderno Robocop potrà interagire con i cittadini grazie all’intelligenza artificiale e sarà sempre in connessione con i colleghi umani per segnalare situazioni sospette