20 mila euro e 4 mesi di vitto, alloggio e mentoring in H-Farm alle 5 migliori startup del fashion

È aperta, fino al 15 marzo, la call for ideas per la settima edizione di H-Camp Spring 2016, il programma di accelerazione internazionale per startup ideato da H-Farm

È aperta, fino al 15 marzo, la call for ideas per la settima edizione di H-Camp Spring 2016, il programma di accelerazione internazionale per startup ideato da H-Farm, la piattaforma di innovazione che unisce servizi di incubazione e accelerazione per nuovi business a servizi di digital transformation rivolti alle imprese tradizionali.

Questa edizione è diretta alle startup in grado di proporre soluzioni innovative nel settore moda e retail, soprattutto in un’ottica B2B: si pensi ad esempio a nuovi sistemi di CRM, applicazioni e software per un’integrazione tra canali di vendita online e offline, piattaforme e tool per e-commerce e mobile commerce.

H-Camp_H-Farm

«Mai come ora, il binomio startup-impresa tradizionale acquista valore – dichiara Timothy O’Connell, direttore programmi di accelerazione di H-Farm – e si traduce in uno scambio proficuo di servizi e competenze digitali al servizio delle reti d’impresa tradizionali».

Dalle edizioni precedenti di H-Camp numerosi sono gli esempi di startup di successo che hanno dimostrato quanto sia efficace e vincente la sinergia tra le nuove tecnologie digitali e le imprese del settore fashion-retail: è il caso di Teeser, il primo social network dedicato al mondo delle t-shirt in cui i creativi iniziano subito a vendere e guadagnare e gli utenti ricevono a casa in 48h un prodotto personalizzato e made in Italy; Glix, l’app dedicata agli amanti della moda che permette a tutti di diventare personal shopper e “trendsetter” comprando e vendendo prodotti unici che, diversamente, non sarebbero facilmente reperibili; Hopstok, la piattaforma B2B dedicata ai negozi multimarca di abbigliamento, accessori, scarpe e attrezzature sportive, ad oggi uno degli strumenti più riusciti per smaltire l’invenduto e riassortire la merce; e ancora, Competitoor, il servizio di benchmarking competitivo che permette di monitorare il proprio mercato di riferimento online, in modo da poter variare i prezzi e mantenere un vantaggio competitivo.

H-Farm

Solamente i migliori 5 team entreranno in H-Camp, l’unico programma di accelerazione “allinclusive” per startup in Italia che, oltre a un investimento iniziale di 20.000 Euro, offre 4 mesi di vitto, alloggio, spazi di lavoro e una serie di servizi tecnici e professionali, per un valore complessivo di oltre 80.000 euro, che si concretizzano in sessioni di mentorship, workshop tematici e supporto da parte di partner tecnici; durante tutto il percorso i partecipanti saranno supportati dall’Accelerator Team e avranno l’opportunità unica di entrare in contatto con un ampio network di clienti, investitori e aziende che ruotano attorno ad H-Farm.

Per maggiori informazioni cliccare qui.

Qui per candidarsi.

Londra: Your.MD chiude un round da 10 milioni. E ha un management tutto italiano

Nuovo aumento di capitale per la startup guidata da Matteo Berlucchi, che offre consulenza medica a mezzo bot: le nuove risorse serviranno a potenziare l’intelligenza artificiale che fornisce le risposte e ad ampliare il network di partner

Con dalmiomedico.it i medici di famiglia portano online il loro ambulatorio

La piattaforma lanciata dal Centro medico Santagostino di Milano consente di prenotare le visite con un clic verificando l’orario pubblicato dai dottori. In questo modo vengono ottimizzati i tempi e si migliora il servizio ai pazienti

Made in Italy e Lifestyle | Le due call di LUISS Enlabs. Come applicare

Fino al 25 settembre le startup possono candidarsi alla nuova edizione del Programma di Accelerazione nel Tech Hub all’interno di Roma Termini. Ma c’è anche una seconda call for applications, verticale

La presidenza dell’UE passa all’Estonia | Una buona notizia per la rivoluzione digitale

Data Embassy e lega per la cyberdifesa, il Paese sul Baltico è uno dei più all’avanguardia nel rispondere alle minacce di hacker e terrorismo digitale. Il premier estone Juri Ratas: “I dati sono il prossimo carbone e acciaio”