Matrimonio tra società di Elon Musk: Tesla vuole acquisire SolarCity (per 2,8 miliardi di dollari)

Tesla potrebbe acquisire SolarCity, entrambe società di Elon Musk. L’obiettivo è permettere a quest’ultima di utilizzare batterie giganti per alimentare ogni apparato della casa, inclusa l’auto elettrica.

Secondo i latini per governare un popolo c’era una semplice ricetta da applicare: “Divide et impera”, letteralmente “Dividi e comanda”. Non è dello stesso parere Elon Musk, orientato più verso l’unificazione che la divisione. Ne è un esempio la proposta d’acquisto lanciata da Tesla, azienda specializzata in auto elettriche e batterie di sua proprietà, a SolarCity, specializzata nell’installazione di pannelli solari. Tesla vorrebbe acquisire l’altra società di Musk per 2,8 miliardi di dollari. L’obiettivo è permettere a SolarCity di utilizzare batterie giganti per alimentare ogni apparato della casa, inclusa l’auto elettrica. Lo riporta TechCrunch.

1368521148175.cached

I termini dell’accordo

Il board di SolarCity non si è ancora espresso in merito. Se l’accordo andasse in porto, ci sarebbe uno scambio di stock fra le due aziende. L’accordo prevederebbe un premio dal 21% al 30% in capo a SolarCity, del valore di 2,14 miliardi di dollari. In questo modo Tesla comprerebbe l’azienda per una cifra compresa tra 2,59 e 2,78 miliardi del proprio stock.

Recentemente il valore di SolarCity è stato ribassato a causa di forti perdite, il che l’ha resa un bersaglio facile da acquisire. Dopo l’annuncio della possibile acquisizione da parte di Tesla, lo share price delle azioni di SolarCity è salito del 20%. Ciò significa che il premio sul valore dell’azienda è stato tagliato ancora nelle ore successive.

Musk e Antonio Gracias, membro del board sia di Tesla sia di SolarCity, non voteranno sull’acquisizione che, nelle intenzioni del consiglio della compagnia di auto elettriche, verrà fatta solo se ben accetta da entrambe le parti.

Tesla Motors

Lo share price del titolo Tesla intanto ha perso il 13% sui mercati perché l’intera operazione è vista come un tentativo di salvare SolarCity. Inoltre la mossa di Musk è stata interpretata dai mercati come un tentativo di riprendersi il suo 22,2% di azioni SolarCity, riportandole in Tesla. Al momento lo share price di SolarCity è a 21 dollari: se continuasse a scendere, Musk potrebbe perdere moltissimo denaro. Tesla potrebbe costruire un proprio business a energia solare o acquisire gli asset di SolarCity in un momento successivo.

Scenari futuri (e rischio flop)

A un esame più attento, la sinergia fra le due aziende potrebbe anche non funzionare. La domanda in costante aumento delle auto prodotte da Tesla non hanno bisogno di ulteriori spinte, mentre le vendite dei dispositivi e servizi offerti da SolarCity sono in calo costante. Se il business di Tesla inizia e si concentra nelle fabbriche, SolarCity ha armate di rappresentanti in giro su camion carichi di attrezzature per l’installazione di pannelli, un costo molto alto e pericoloso.

Il team di Tesla ha dichiarato in una nota che “è tempo di completare il quadro. I clienti di Tesla potranno guidare auto pulite e usare battery pack che li aiutino a consumare energia in moto più efficiente, ma non hanno ancora accesso alla più sostenibile delle fonti energetiche: il sole”. Nel testo si può leggere con chiarezza il ragionamento fatto dal team sulla possibile acquisizione di SolarCity: “Saremmo la sola compagnia energetica al mondo integrata verticalmente, capace di offrire prodotti che funzionano con energia pulita ai nostri clienti. A partire dall’auto che si guida e l’energia che si usa per caricarla, per arrivare a tutto ciò che ha bisogno di essere alimentato in casa o in ufficio. Con il Model S, Model X o Model 3, l’impianto a pannelli solari e il Powerwall, si potrà disporre e consumare energia nel modo più efficiente e sostenibile, abbassando i costi dei consumi e minimizzando la dipendenza da combustibili fossili e dalla rete di approvvigionamento”.

In attesa di scoprire le prossime mosse di Musk, sembrano esser state gettate le fondamenta per un business solido e di possibile interesse per una vasta fetta di consumatori green-friendly.

3 Commenti a “Matrimonio tra società di Elon Musk: Tesla vuole acquisire SolarCity (per 2,8 miliardi di dollari)”

  1. Emanuelebank

    Condivido anch’io il codice promo ]HELLO BANK] per ottenere un buono Amazon da ben 200 euro

    Per aderire alla promozione basterà inserire il codice promozionale MGM307533793 in fase di apertura,
    all’attivazione del conto dovrete versare 3000 euro o accreditare stipendio/pensione.

    Codice promozionale MGM307533793 con disponibilità 10 su 10 conto appena aperto
    [B]NB. il codice appartiene ad un conto appena aperto come si evice chiaramente dalla serie numerica progressiva del codice[/B]

    codice in costante aggiornamento per ulteriori info contattatemi in privato.

    affrettatevi fate ancora in tempo io ho fatto la richesta il 5/11/2016 conto attivo il 09/11/2016 (3 giorni lavorativi)
    Se utilizzate il codice inviatemi un msg così aggiorno…
    grazie

  2. Angelo

    Ciao, se volete attivare un nuovo conto HELLO BANK ottenendo un buono AMAZON di 200 € con la promozione HELLO! FRIENDS,

    digitate il codice promozionale:

    MGM307535766

    otterrete un buono da 200€ e io 50 punti!

    grazie!

    Attualmente ho 8 inviti disponibili (aggiornerò progressivamente il numero di inviti residui così da non farvi perdere tempo!)

I commenti sono chiusi.

Ti potrebbe interessare anche

5 cose da fare nel weekend per cominciare meglio il lunedì (e cosa fanno 5 big)

Anche nel weekend puoi aumentare la produttività. Ecco 5 cose che devi fare.

Donald Trump ha il suo primo endorsement vero in Silicon Valley, Peter Thiel (founder PayPal)

L’ex fondatore di PayPal confessa l’appoggio a Donald Trump nella corsa alle elezioni americane.

Larry Page ha pensato Google mentre dormiva e altre cose da sapere sul sonno come motore creativo

Larry Page ha inventato Google mentre dormiva. Qui qualche «tips» sul rapporto sonno creatività

Questa startup mette a tacere i troll e alimenta il buon dibattito online

L’idea dei fratelli Fray per aiutare i giornali a bloccare i troll che distorcono il dibattito. Opinary sta crescendo tantissimo, dalla Germania agli Usa. E i media italiani ne avrebbero un gran bisogno

“Non siamo una famiglia, siamo una squadra”, ecco perché in Netflix si lavora bene

Netflix si distingue da Facebook e Google per politica aziendale: nessuna festa, tornei di frisbee o tributi al Burning Man. Però non esistono giorni di vacanza prefissati, i dipendenti possono andare in ferie quando vogliono

Da Starbucks a McDonald’s: quanta caffeina c’è in quello che beviamo?

Il limite massimo raccomandato è di 400 milligrammi al giorno, ma non sempre è facile realizzare in termini pratici cosa significhi. Qui una lista del contenuto della sostanza nelle principali bevande, dal caffè alla Coca-Cola

Prime Wardrobe, il servizio di Amazon che permette di provare gli abiti prima di acquistarli

Il nuovo servizio di abbigliamento Prime Wardrobe, è un try-before-you-buy. Disponibile solo per i clienti Amazon Prime consentirà di scegliere in un catalogo di un milione di pezzi i vestiti e le scarpe più adatti, senza essere obbligati ad acquistare ciò che si ordina

Hephaestus Venture, il fondo che porta le startup italiane in Brasile

Il fondo ha la missione di supportare le startup nei processi di internazionalizzazione verso il Brasile, un mercato emergente e in forte crescita, se si pensa che il 57.4% dei finanziamenti in America Latina si concentra in questo Paese.