Altro aumento di capitale per Karaoke One: da gennaio LVenture investe 450 mila euro

Al termine del programma di accelerazione di LUISS Enlabs, la startup era stata presentata agli investitori

LVenture Group ha completato un aumento di capitale di capitale di 450 mila euro della startup Karaoke One, l’app social per chi ama cantare. A gennaio 2016, al termine del programma di accelerazione di LUISS Enlabs, Karaoke One è stata presentata agli investitori e aveva aperto un aumento di capitale per 450 mila euro, di cui 193 mila raccolti a marzo e 257 mila in questa seconda tranche. LVenture Group ha investito 100 mila euro a marzo e ha incrementato il proprio investimento di altri 50 mila euro. La restante somma viene da business angel, alcuni di Angel Partner Group (APG). Per Luigi Capello, CEO di LVenture Group e founder di LUISS Enlabs, «Karaoke One sta avendo una crescita davvero rapida. Già durante la fase di accelerazione si è messa in mostra sui mercati internazionali».

karaoke one

500 mila download e partership con Microsoft e Intel

Karaoke One è la community di chi ama cantare, che grazie alle sue app permette di registrare e condividere le proprie performance canore online. «Abbiamo già quasi mezzo milione di download da tutto il mondo – ha detto Antonio Vecchio, CEO di Karaoke One – questi risultati solo dallo store di Windows, in poco più di sei mesi. Questi numeri – ha aggiunto – ci hanno permesso di chiudere partnership con Microsoft e Intel. Grazie al nuovo investimento potremo presto lanciare le versioni iOS e Android dell’app, che sono già in beta privata».

La call di dpixel per il secondo programma di accelerazione di Barcamper Ventures

Le startup possono applicare fino al 5 giugno. Il percorso inizierà a settembre 2017, si terrà a Bologna e includerà fino a venti progetti innovativi nel campo della tecnologia e del digitale

Videoarte e tecnologie: dal 27 aprile torna il Media Art Festival, con un concorso per le scuole

Il filo rosso di questa edizione è “L’arte che cambia il mondo”, grazie anche ai laboratori creativi per lo sviluppo sostenibile, realizzati con scienziati e maker. Gli studenti saranno coinvolti con scienziati e artisti in progetti sullo sviluppo sostenibile

Tidal Vision, la startup dell’Alaska che trasforma gli scarti dell’oceano in vestiti

Partito nel 2015 su Kickstarter, il progetto di Craig Kasberg si propone di recuperare la pelle di salmone o i gusci dei crostacei per ottenere capi di abbigliamento sostenibili che rispettino l’ambiente e contrastino gli effetti negativi della cosiddetta fast fashion