Anche Zuckerberg si difende dagli hacker mettendo lo scotch sulla webcam

Che fosse paranoico lo avevamo intuito, ma questo scatto celebrativo ci ha dato la certezza che Mark Zuckerberg non si fida nemmeno del proprio laptop.

Per festeggiare il raggiungimento dei 500 milioni di utenti attivi su Instagram, Mark Zuckerberg si è fatto scattare una foto molto simpatica e l’ha postata sul profilo personale del suo social network fotografico (Facebook ha comprato Instagram nel 2012). Uno scatto come tanti. Un sorriso. Un ufficio, il quartier generale di Instagram. Eppure c’è qualcuno che ci ha visto qualcos’altro.

Mark ZuckerbergIl giornalista Chris Olson ha notato alcuni particolari che confermano il tratto paranoide che in molti hanno raccontato parlando dell’inventore di Facebook, Fincher e Sorkin inclusi.

La webcam del Macbook è coperta con del nastro adesivo, così come il jack del microfono. Questo piccolo trucco si è diffuso perché alcuni hacker sono effettivamente in grado di prendere il controllo della telecamera di un laptop per spiare chi c’è e cosa fa dall’altra parte. Un pezzo di nastro adesivo e il pericolo è scampato. Conclusione: sì, Mark Zuckerberg è paranoico. Forse non più di quelli che inseriscono il cavo di un microfono nel jack del proprio laptop e poi ne tagliano i fili, ma sì, ha paura di essere spiato e prendere i suoi provvedimenti. Essendo uno degli uomini più noti e più ricchi al mondo, nonché il più grande “collezionista” di informazioni personali, il trucco del nastro adesivo non dovrebbe sorprenderci.

Mark Zuckerberg

Olson ha anche dichiarato di aver riconosciuto l’email client usato da Zuckerberg, ma un utente più attento lo ha smentito: non era Thunderbird, era l’icona della VPN Cisco. Nessun dubbio inoltre sul fatto che sì, quella è la vera scrivania di Zuckerberg: William Turton di Gizmondo ha confrontato la postazione con quella del live video pubblicato da Zuckerberg su Facebook 9 mesi fa.

ilnqmfyzrhl8io3dmd8r

In più è in buona compagnia: anche il direttore dell’FBI James Comey ha coperto la webcam del suo laptop personale con del nastro adesivo. Dopo aver dichiarato che l’assoluta privacy personale ostacola l’azione della legge, ha dichiarato di aver coperto la propria webcam con del nastro adesivo: “Ho visto qualcuno più intelligente di me farlo”, ha ammesso “e l’ho copiato”. Del resto lo stesso Bureau ha utilizzato malware per hackerare webcam e spiare obiettivi d’indagine. Il paradosso è che Comey ha dichiarato che i costruttori di laptop non dovrebbero costruire macchine “non hackerabili” (vedi il caso dell’iPhone di San Bernardino), ma alla fine è quello che lui stesso ha fatto con il suo computer, con l’aiuto di un po’ di nastro adesivo.

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

SeaSeeker, la maschera realizzata con Snapchat che scatta foto sott’acqua

È la versione subacquea degli occhiali Spectacles del social network del fantasmino. Può essere immersa per 30 minuti e fino a 45 metri di profondità per regalare ai turisti ricordi esclusivi delle loro esperienze in vacanza

Efficienza energetica in edilizia. La call di Klimahouse Startup Award

C’è tempo fino al 20 novembre per partecipare alla seconda edizione della call per startup europee attive nell’ambito delle tecnologie legate allo smart building, allo smart living e alla smart city che mettano al centro del proprio operato la sintonia tra uomo e natura

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti