Obiettivi, benefit e cultura aziendale. Le 3 richieste dei professionisti alle imprese (secondo LinkedIn)

Come ogni anno il Talents trends study, una ricerca commissionata da LinkedIn, ha provato a spiegare alle imprese che cosa vuole sapere chi cerca oggi un lavoro.

Una ricerca condotta da LinkedIn tra gennaio e marzo di quest’anno, il 2016 Talents trends study, spiega alle imprese che cosa vuole sapere chi cerca oggi un lavoro. Come riferisce Fastcompany.com, 26 mila professionisti, 7mila dei quali avevano da poco cambiato occupazione, hanno riferito di volere più informazioni sulla cultura dell’azienda, sui benefit che propone ai dipendenti e su come mette in pratica i propri obiettivi.

linkedin-aziende-1-846x400

Che cosa dovrebbero chiedere le aziende

Oltre due terzi degli intervistati lamentano che troppo spesso le descrizioni delle posizioni lavorative si limitano a un mero elenco delle responsabilità e dei requisiti richiesti. I datori di lavoro, invece, dovrebbero mettere al centro la propria visione e coinvolgere i dipendenti. Come ha fatto Jennifer Newbill, global talent manager dell’azienda informatica Dell, che ha chiesto ai dipendenti di raccontare come percepiscono lo spirito imprenditoriale, un modo per creare un ponte tra tutti i lavoratori dell’azienda sparsi nel mondo.

Secondo molti intervistati le imprese dovrebbero chiedere, in particolare ai nuovi assunti, quali benefit desiderano.

In molti hanno sostenuto di preferire i benefici familiari ai piccoli lussi. In particolare, oltre tre quarti dei lavoratori americani preferirebbero i pacchetti di assistenza sanitaria rispetto agli orari flessibili e al lavoro da casa. Ma non è sempre così. La società Boxed, ad esempio, ha raggiunto ottimi risultati pagando i matrimoni ai suoi dipendenti. 

ThinkstockPhotos-466634810

I consigli della ricerca di LinkedIn

Infine, la ricerca ha espresso il desiderio dei professionisti di andare oltre le vaghe campagne di marketing per capire come l’azienda mette in pratica i propri obiettivi. Jane Goetschius, a capo del team “people mission” della Ben & Jerry, ha affermato che “non si tratta di un’azienda di gelati, ma di un’azienda di giustizia sociale”, e l’attenzione costante al commercio equo, agli ingredienti non ogm e alle cause ambientali e sociali attraggono solo un certo tipo di candidati. Insomma, per trovare il candidato ideale il primo passo è saper comunicare davvero la propria identità.

Ti potrebbe interessare anche

7 pivot di successo raccontati da 7 founder coraggiosi

E’ l’operazione più difficile di tutte: cambiare radicalmente il proprio business per trovare la sostenibilità economica. 7 esempi di pivot raccontati da Fastcompany ne raccontano la genesi

Collaborare è una noia mortale e azzera la produttività. Uno studio

Per molto tempo elogiata come soluzione ai problemi del lavoro moderno, la collaborazione e i meeting in realtà fanno male. Almeno ad alcuni lavori. Specie quelli più creativi. Uno studio dell’Harvard Business Review

Cos’è l’«assunzione bendata» e perché fa davvero bene a azienda e dipendenti

É una tecnica di selezione nella quale il recruiter cancella alcune informazioni dei candidati (nome, genere, età, educazione, razza…) per eliminare ogni possibile pregiudizio nella scelta. Ma non solo.

Ecco i lavori più richiesti in Italia nei primi mesi del 2016 (ingegneri e operatori di call center)

Crolla la libera professione, aumenta la domanda di specialisti del mondo IT, l’Italia guadagna posizioni in Europa: doto del primo trimestre 2016 lavoro. L’indagine di Face4Job

Rocket Lab ha lanciato il primo razzo con il motore stampato in 3D

Il test di lancio è avvenuto il 25 maggio in Nuova Zelanda e ha dimostrato la capacità di Electron di portare in orbita piccoli satelliti e di rendere lo spazio un po’ più accessibile a tutti