70 super manager hanno attraversato La Manica in bici (306 km) per discutere di Brexit

La pedalata di beneficenza ha coinciso con i risultati del referendum. Al centro delle discussioni sul treno e in traghetto, tra Parigi e Londra

All’alba del giorno in cui la Gran Bretagna si è svegliata con la notizia della Brexit, 70 tech manager del Regno Unito sono partiti a bordo di un Eurostar da Londra a Parigi per un giro in bicicletta di beneficenza di 306 km (con ritorno a Londra nel corso del fine settimana). Founders, investitori e sviluppatori hanno anche raccolto più di 55 mila sterline per che saranno devolute al progetto Room to Read. Alcuni dei founders che Business Insider ha intervistato alla partenza erano piuttosto preoccupati dai risultati del referendum. Inevitabile che in questo tour si parlasse proprio delle implicazioni e delle conseguenze della Brexit nel settore della tecnologia del Regno Unito.

Leggi anche: Gli effetti di Brexit secondo 8 imprenditori italiani a Londra

I dubbi dei TechBikers, prima di partire…

Tante le domande. I fondatori di startup tecnologiche del Regno Unito faranno le valigie per altre città, come ad esempio Parigi e Berlino? Si trasferiranno nei Paesi europei per garantire un libero accesso a quei 500 milioni di persone che lavorano allo sviluppo del Digital Single Market? Si sposteranno in Europa, dove potranno assumere persone provenienti dal Regno Unito? Imprese come Google e Amazon rimarranno fedeli a Londra o sposteranno i loro uffici come stanno progettando le aziende del settore finanziario?

…e in treno

Sull’Eurostar, tra i techbikers più noti, c’era anche l’ex partner di Google Ventures Eze Vidra e gli imprenditori Nadav Rosenberg e Chris Mairs. Protagonisti anche il chief operating officer di Smartup.io, Robbie Howshall, il capo del Cloud banking & NBFI global partnership Pedro Batista, il responsabile del settore pubblico del Regno Unito di Apple Craig Pollard. E poi Harry Briggs, BGF Ventures VC e CEO di Evermore, Christoph Ortlepp, VC di Early Bird di Monaco di Baviera. E poi ancora, Rich Pleeth, fondatore di Sup, e Will McMahon, venture capitalist a Highland, che hanno sventolato la bandiera dell’Unione europea sul traghetto da Dieppe a New Haven. C’erano anche  Kodjo Adovor, amministratore delegato di Merrill Lynch e Eli Allalouf, International Investor Manager.

Monaco (Ablio): «I nostri interpreti su cloud per aiutare chi parla lingue diverse»

Abbiamo incontrato il co-founder della startup che sviluppato una piattaforma di interpreti online che consente a chiunque di dialogare in altre lingue con i propri interlocutori. «Ablio contribuisce a risolvere i problemi di comunicazione tra utenti che non possono comprendere le rispettive lingue»

“Don’t Tap and Drive”, la campagna social di Ford per non distrarsi con lo smartphone alla guida

Secondo una ricerca un giovane europeo su quattro si è scattato un selfie mentre era al volante, non prestando attenzione alla strada. L’azienda automobilistica ha pensato di usare Instragram per sensibilizzare sul comportamento da avere per muoversi in sicurezza

Il nuovo servizio di Swift per il controllo dei pagamenti in tempo reale

La nuova soluzione è un elemento chiave del Customer SecurityProgram dell’azienda per aumentare i livelli di sicurezza e fiducia all’interno della comunità finanziaria