L’Autority italiana vorrebbe tassare WhatsApp. Poi corregge il tiro

Per AgCom i servizi di instant messaging utilizzano numeri telefonici e la rete altrui per offrire i propri servizi. Poi la precisazione: nessuna «misura specifica in capo agli operatori OTT»

Una tassa su WhatsApp. Un obolo sul più popolare servizio di instant messaging. E non solo su WhatsApp, ma anche su Telegram, Messenger e Viber. All’AgCom stanno pensando proprio a questo. Il punto di partenza, l’accusa per intendersi, è che questi servizi utilizzano numeri telefonici e la rete altrui per offrire i propri servizi. Per il Garante delle Comunicazioni, le applicazioni di messaggistica come WhatsApp, Telegram, Messenger e Viber devono pagare: una sorta di pedaggio per l’uso della Rete altrui, insomma. A rivelare le manovre dell’AgCom è La Repubblica, che ha citato come fonte un’indagine sui servizi di comunicazione elettronica. A stretto giro di posta la nota dell’AgCom secondo cui «l’indagine non impone, né avrebbe potuto imporre data la natura conoscitiva della medesima, alcuna misura specifica in capo agli operatori OTT tantomeno oneri economici in capo a soggetti attualmente estranei all’attività regolamentare dell’AGCOM». QUI la precisazione integrale.

WhatsApp

Un dato? Secondo l’Economist le compagnie telefoniche hanno perso oltre 50 miliardi di dollari per i mancati introiti causati dalla concorrenza di WhatsApp e simili, ma le perdite potrebbero aumentare considerando l’utilizzo sempre più massiccio di WhatsApp anche per le telefonate VoIp.

Secondo Repubblica, la tassa, l’obolo in questione sarebbe in ogni caso “equo, proporzionato, non discriminatorio”. Non solo. L’idea sarebbe quella di disciplinare lo sfruttamento delle Reti da parte delle chat e anche a colmare un vuoto normativo in materia di privacy. Le applicazioni di messaggistica infatti si basano sul trattamento e sulla vendita a terzi delle informazioni degli utenti, senza alcun assoggettamento alle leggi nazionali.

Anche i ragazzi dell’Apple Academy dentro il dream team di Giffoni

Grazie a un’intesa siglata dall’università Federico II e il Giffoni Innovation Hub, gli allievi del polo di San Giovanni a Teduccio potranno integrarsi nel gruppo di innovazione che sviluppa idee imprenditoriali creative connesse al festival del cinema per ragazzi

Noi cuciniamo, tu fai lo chef. Ecco i meal kit di Amazon

Un’indiscrezione di TechCrunch racconta di una serie di marchi e slogan registrati a tema cibo, fra cui quelli relativi a un servizio di consegna a domicilio di kit con ingredienti pronti per “costruire” un pasto. E non solo

Dalle borse alla tecnologia. Il marchio Louis Vuitton arriva anche sullo smartwatch

Realizzato in collaborazione con Google e Qualcomm Technology, il Tambour Horizon di Vuitton si differenzia dagli altri per lo stile e la personalizzazione, con una varietà di 30 cinturini sia per uomini che per donne. Può arrivare a costare 2.900 dollari