User Interface e User Experience spiegate come se fossero una ciambella

Avete alla mai pensato alla User interface e User Experience di Zappos e Zalando come se fossero due ciambelle? Un video ve lo racconta in maniera semplice. A cura di Lacerba.io

Avete mai pensato alla User interface e alla User Experience di Zappos e Zalando come se fossero due ciambelle? É partendo da questo semplice esempio, e sottolinenandone almeno sul piano teorico la vicinanza ai due colossi dell’e-commerce, che Matteo Catalano, product designer di 21am prestatosi come docente per Lacerba.io, introduce ai concetti di UI e UX.

  • User Interface come scelta dei colori, dei loghi, delle forme e delle dimensioni di una pagina e dei suoi elementi. 
  • User Experience come tutto ciò che appunto viene riferito all’esperienza utente, come la navigabilità, la facilità d’uso.

Entrambe sono oggi al centro dei processi di comunicazione e vengono studiate dai brand per cercare di differenziarsi, di imporre la propria identità sul web, ma anche per essere riconoscibili come appartenenti al proprio settore e del contesto di riferimento.

Matteo illustra tali concetti passando attraverso esempi classici, come la homepage di Google, ma anche ponendo l’attenzione su uno degli elementi più importanti nello studio del design di un sito, poiché usato, inconsapevolmente, tantissimo: il menù.

 

Alla scoperta delle frontiere digitali della didattica: il 5 maggio c’è l’Edu Day a L’Aquila

Si terrà in Abruzzo la seconda edizione dell’Edu Day di Microsoft, una giornata di formazione e informazione dedicata a insegnanti, animatori digitali e dirigenti scolastici sulle nuove tecnologie digitali per la didattica

Un metodo per stampare in 3D con la polvere di Marte

L’idea quasi fantascientifica della colonizzazione dello spazio ha ispirato i ricercatori della Northwestern University che hanno pensato a un modo per realizzare strumenti necessari alla vita umana con la fabbricazione digitale sfruttando le risorse del suolo extraterrestre

La Nato aprirà un centro di Info warfare, a Helsinki

“Il centro – ha detto il ministro degli Esteri finlandese Timo Soini in conferenza stampa – è stato realizzato per sensibilizzare alle minacce ibride e a come queste possano sfruttare le vulnerabilità delle moderne società occidentali.