Google e Tesla hanno un problema. Si chiama Zoox, e ha già raccolto 200 milioni

La società ha sviluppato una tecnologia di automobili a guida autonoma. A marzo sono iniziati i test in California, ora il finanziamento

Zoox è una startup (costituita nel 2014, sede a Menlo Park) che ha sviluppato una tecnologia di automobili a guida autonoma e avrebbe appena chiuso un round da 200 milioni di dollari (a maggio il il Wall Street Journal aveva parlato di 1 miliardo di dollari di valutazione). Nulla trapela dal sito ufficiale di Zooxsolo una pagina nera. Le uniche informazioni sulla società sono sul suo Linkedin, secondo cui “Zoox sta sviluppando veicoli completamente autonomi e l’ecosistema di supporto necessario per portare la tecnologia sul mercato su larga scala. Zoox mira a fornire la prossima generazione della mobility-as-a-service in ambienti urbani”. Zoox è stata fondata da Tim Kentley-Klay, designer australiano, e da Jesse Levinson, ingegnere di Stanford che, prima di fondare Zoox, aveva collaborato con il collaudatore di automobili con tecnologia auto-guida di Google.

zoox

credits zoox.co

 

Le bozze segrete dell’auto

Si sa anche che, per anni, Zoox ha lavorato in segreto per sviluppare il progetto. Nel 2013, la compagnia ha pubblicato alcuni schizzi e rendering della vettura, chiamata Boz, prima di smettere di divulgare informazioni. La segretissima vettura sarebbe stata disegnata senza parabrezza e senza volante. Potrebbe auto-guidarsi in qualsiasi direzione mentre i passeggeri sarebbero seduti al suo interno, posizionati l’uno di fronte all’altro. A marzo 2016, Zoox ha ottenuto il permesso di iniziare a testare la sua automobile in California.

Sara Mauri

@SM_SaraMauri

Monaco (Ablio): «I nostri interpreti su cloud per aiutare chi parla lingue diverse»

Abbiamo incontrato il co-founder della startup che sviluppato una piattaforma di interpreti online che consente a chiunque di dialogare in altre lingue con i propri interlocutori. «Ablio contribuisce a risolvere i problemi di comunicazione tra utenti che non possono comprendere le rispettive lingue»

“Don’t Tap and Drive”, la campagna social di Ford per non distrarsi con lo smartphone alla guida

Secondo una ricerca un giovane europeo su quattro si è scattato un selfie mentre era al volante, non prestando attenzione alla strada. L’azienda automobilistica ha pensato di usare Instragram per sensibilizzare sul comportamento da avere per muoversi in sicurezza

Il nuovo servizio di Swift per il controllo dei pagamenti in tempo reale

La nuova soluzione è un elemento chiave del Customer SecurityProgram dell’azienda per aumentare i livelli di sicurezza e fiducia all’interno della comunità finanziaria