Goliath, dalla tesi di laurea al prodotto. Il robot per makers diventa realtà grazie a Start Cup Lombardia

“Vincere Start Cup Lombardia ci ha permesso di realizzare il nostro progetto”, Lorenzo Frangi racconta com’è nato Goliath e invita le startup a candidarsi alla competizione: “Quest’anno il premio è ancora più ricco”

“Goliath è un progetto piccolo ma che potenzialmente ha la forza di un gigante” Lorenzo Frangi, che ha vinto Start Cup Lombardia 2015 per la categoria per la categoria Clean and Industrial Technologies, parla così della macchina utensile che ha creato insieme a due ex compagni di Università.
Goliath è nato nel 2014 come progetto per una tesi di laurea in Design Engineering al Politecnico di Milano: “Alla fine degli studi – racconta Lorenzo – volevo realizzare un progetto nel campo della digital fabrication, ma che non avesse a che fare con la stampa 3D. Così mi sono messo a studiare altri generi di fabbricazione digitale e ho scoperto le macchine per la fresatura. Da qui è nata l’idea di creare Goliath”.

Goliath è una macchina utensile mobile a controllo numerico, un robot portatile che si dispone sulla superficie scelta per realizzare la lavorazione desiderata. “Goliath agisce in modo opposto alle macchine per fresatura tradizionali: di solito le frese sono contenitori grandi in cui viene inserito l’oggetto da lavorare, al contrario la nostra macchina viene appoggiata al materiale che deve essere lavorato”.Goliath_PNI

Un robot non solo per makers

Il prodotto è pensato sia per professionisti che per amatori. “Il nostro target di riferimento sono i makers, gli artigiani digitali che per hobby hanno bisogno di fare lavorazioni ma che non hanno un grosso budget a disposizione”. Goliath, al contrario di altre macchine normalmente usate dai makers, può lavorare su una superficie grande. “Ci distinguiamo perché la nostra macchina a controllo numerico può lavorare superfici ampie e per esempio realizzare tutti gli elementi necessari per costruire un oggetto delle dimensioni di una sedia”.

Ma l’obiettivo del team di Lorenzo è quello di farsi apprezzare anche dai professionisti: “Goliath può essere uno strumento utile per le carpenterie di piccole dimensioni che non hanno la necessità e nemmeno la possibilità di comprare un oggetto professionale. Certo, le prestazioni di Goliath sono ridotte rispetto a una macchina professionale ma per realizzare un numero ristretto di prodotti è perfetta”. Non solo, Goliath può essere utile per installazioni fieristiche e allestimenti teatrali. “Il nostro prodotto verrà venduto sul crowd a un prezzo indicativo tra gli 850 e i 1200 euro a seconda delle prestazioni. Cifre alle quali stiamo lavorando, comunque molto inferiori rispetto a una macchina professionale”.MF_14 005

La partecipazione a Start Cup Lombardia

Il progetto è ancora in fase prototipazione, test e sviluppo e l’obiettivo è il lancio a fine gennaio di una campagna di crowfunding per iniziare a testare il mercato e avere feedback sul prodotto. La vittoria a Start Cup Lombardia e poi al Premio Nazionale Innovazione hanno permesso a Lorenzo di cominciare a lavorare full time al progetto e a iniziare a strutturarsi come startup. “Siamo partiti con quattro mesi di incubazione al Polihub, una fase fondamentale che ci ha aiutato a costruire un business model, poi ci siamo candidati a Start Cup Lombardia e vincendo ci siamo potuti presentare alla competizione nazionale – PNI – dove abbiamo vinto e ci siamo aggiudicati 25mila euro”. Un primo passo verso il lancio del prodotto.
“Consiglio a tutti di provare a candidarsi alla competizione. In questi mesi ho capito quanto è importante mettersi in gioco e confrontarsi con un pubblico vasto per comprendere la potenzialità di un’idea e valutarne forza e debolezza. E poi quest’anno il premio è anche più alto dell’anno scorso!”
E allora candidatevi anche voi! C’è tempo fino al 19 settembre, il montepremi complessivo è di 120mila euro.

Ti potrebbe interessare anche

A Taranto un Fablab ripenserà l’industria cittadina. E lo vuole il comune

Dalla capacità dei cittadini di fruire di uno spazio che sarà aperto a tutti potranno derivare anche nuove possibilità lavorative, a Taranto un crowdfunding pubblico per ripensare l’industria cittadina

Dal robot-umanoide ai viaggi su Marte: all’Edison Innovation Week il battito dell’innovazione

Ecco il programma e tutti gli ospiti della Edison Innovation Week che si svolgerà, a Milano, da martedì 7 a venerdì 10 giugno 2016. All’interno è già possibile prenotarsi per partecipare alle varie sessioni.

Dai banchi di scuola al pitch. I finalisti del progetto “A Scuola di Startup” a DigithON 2017

Il progetto realizzato da AuLab ha coinvolto per il terzo anno consecutivo studenti delle scuole secondarie superiori. Il team vincitore sarà premiato dal Gruppo Giovani Imprenditori di Confindustria Bari e Bat. Abbiamo intervistato Davide Neve, CEO di AuLab

Il food italiano parte alla conquista della Cina con la startup Ventuno

Le sorelle Di Franco hanno inventato un modo per presentare l’italian food all’estero: eleganti box a tema regionale con prodotti locali. E ora la piattaforma sarà una delle dieci finaliste dell’Italian Scaleup Initiative in China

Imparare a guidare con la realtà virtuale e aumentata. Il progetto di Guida e Vai

Salvatore Ambrosino, cofondatore e direttore commerciale di Guida e Vai, ha ideato un nuovo sistema di insegnamento per preparare all’esame di teoria le nuove generazioni. I ragazzi potranno simulare con smartphone e visore le situazioni che potrebbero incontrare su strada

Hephaestus Venture, il fondo che porta le startup italiane in Brasile

Il fondo ha la missione di supportare le startup nei processi di internazionalizzazione verso il Brasile, un mercato emergente e in forte crescita, se si pensa che il 57.4% dei finanziamenti in America Latina si concentra in questo Paese.

Cyber-Diplomacy | Che cos’è e qual è il ruolo dell’Italia (nel G7)

Le relazioni internazionali sono chiamate ad avere un ruolo specializzato al Cyber Spazio e devono agire al suo interno per supportare il complesso di accordi e regole di carattere internazionale oggi ancora incompleto in proposito