La logica economica di un business model spiegata in 3 minuti

Capire le logiche alla base dei prospetti di bilancio ci permette di legare la nostra strategia alle previsioni economiche e finanziarie del business plan

Chi è imprenditore ha dovuto almeno una volta nella vita affrontare la stesura di un business plan.

Se da una parte, a livello strategico, quasi tutti riescono a collegare le diverse dinamiche che lo influenzano, molti si bloccano nel tradurre tutte queste ipotesi in numeri. Capire che le spese in marketing potranno generare un relativo ritorno d’immagine è immediato. Ma cosa comporta questo a livello di cassa? Quanti investimenti servono? Quando sarà necessario spendere e quanto tempo ci vorrà poi per vedere risultati tangibili?

Partiamo da un concetto: il business plan è per definizione una proiezione, e quindi se non si hanno già dei numeri a consuntivo, raccolti facendo i primi test, diventa difficile fare stime sensate del proprio business.

Ma al di là di questo, per poter stilare previsioni sensate è necessario prima di tutto comprendere le logiche alla base dei prospetti dove andremo ad inserire i numeri. Il Conto Economico, le Stato Patrimoniale ed il Cash Flow si intrecciano tra loro nel bilancio per fornirci informazioni utilissime ma non sempre di immediata lettura.

Per questo su Lacerba.io abbiamo pensato sia utile prima di tutto affrontare tali temi, partendo dai prospetti di bilancio, dalla terminologia, fino a capire come collegare i numeri e dare vita ad un bilancio da proiettare, appunto, in un business plan.

Di seguito una lezione tratta dal corso “Logiche di bilancio – Basi di business planning” di Michele, uno dei nostri founder, in cui viene descritta la logica economica, il principio di competenza e la differenza, non sempre banale, tra fatturato e incassi.

 

[youtube id=”9deiq2YLyjs”]

Ti potrebbe interessare anche

5 video sul fare startup in Italia che chi fa startup dovrebbe vedere

Il video è il format del futuro, dicono. Qui cinque esempi di interviste a chi fa startup in Italia: le difficoltà, le speranze, le opportunità. Da Coppola (Luiss Enlabs) a Rossi (Cocontest)

User Interface e User Experience spiegate come se fossero una ciambella

Avete alla mai pensato alla User interface e User Experience di Zappos e Zalando come se fossero due ciambelle? Un video ve lo racconta in maniera semplice. A cura di Lacerba.io

Il “ricatto” cinese che ha fatto crollare bitcoin di 100 dollari in 1 minuto, spiegato

Bitcoin era tornato sopra i mille dollari e in un minuto è sceso di 100. Per colpa dei cinesi e, soprattutto, di un paradosso: i governi non possono controllare bitcoin ma possono, con le loro scelte, influenzarne l’andamento. Abbiamo cercato di capire il perché con il founder di Euklid, Antonio Simeone

Questa app sviluppata da Prospeh (H-Farm) ti dice da dove viene il cibo. OriginTrail

Prospeh è una startup di origini slovene ha sviluppato un’applicazione che mostra le informazioni sulla provenienza dei prodotti alimentari. Fa parte della seconda edizione del Food Accelerator, il programma di H-Farm

Il futuro di Internet non è nella fibra. Così Elon Musk ci farà connettere dallo spazio

Mentre Facebook ci prova con i droni, Space X vuole lanciare in orbita più di 4mila satelliti per portare internet ovunque. L’impresa è titanica se si pensa che ad oggi ci sono solo 24 satelliti nello spazio per il GPS e che le aziende che ci hanno provato prima hanno fallito

F-Secure compra la (ex) startup italiana fondata dall’hacker Andrea Barisani

Exit per la startup di sicurezza informatica di Trieste, comprata dal gruppo del colosso finlandese degli antivirus. Con l’ingresso nel gruppo, Barisani diventa nuovo capo della Sicurezza hardware di F-Secure