La logica economica di un business model spiegata in 3 minuti

Capire le logiche alla base dei prospetti di bilancio ci permette di legare la nostra strategia alle previsioni economiche e finanziarie del business plan

Chi è imprenditore ha dovuto almeno una volta nella vita affrontare la stesura di un business plan.

Se da una parte, a livello strategico, quasi tutti riescono a collegare le diverse dinamiche che lo influenzano, molti si bloccano nel tradurre tutte queste ipotesi in numeri. Capire che le spese in marketing potranno generare un relativo ritorno d’immagine è immediato. Ma cosa comporta questo a livello di cassa? Quanti investimenti servono? Quando sarà necessario spendere e quanto tempo ci vorrà poi per vedere risultati tangibili?

Partiamo da un concetto: il business plan è per definizione una proiezione, e quindi se non si hanno già dei numeri a consuntivo, raccolti facendo i primi test, diventa difficile fare stime sensate del proprio business.

Ma al di là di questo, per poter stilare previsioni sensate è necessario prima di tutto comprendere le logiche alla base dei prospetti dove andremo ad inserire i numeri. Il Conto Economico, le Stato Patrimoniale ed il Cash Flow si intrecciano tra loro nel bilancio per fornirci informazioni utilissime ma non sempre di immediata lettura.

Per questo su Lacerba.io abbiamo pensato sia utile prima di tutto affrontare tali temi, partendo dai prospetti di bilancio, dalla terminologia, fino a capire come collegare i numeri e dare vita ad un bilancio da proiettare, appunto, in un business plan.

Di seguito una lezione tratta dal corso “Logiche di bilancio – Basi di business planning” di Michele, uno dei nostri founder, in cui viene descritta la logica economica, il principio di competenza e la differenza, non sempre banale, tra fatturato e incassi.

 

[youtube id=”9deiq2YLyjs”]

Ti potrebbe interessare anche

5 video sul fare startup in Italia che chi fa startup dovrebbe vedere

Il video è il format del futuro, dicono. Qui cinque esempi di interviste a chi fa startup in Italia: le difficoltà, le speranze, le opportunità. Da Coppola (Luiss Enlabs) a Rossi (Cocontest)

User Interface e User Experience spiegate come se fossero una ciambella

Avete alla mai pensato alla User interface e User Experience di Zappos e Zalando come se fossero due ciambelle? Un video ve lo racconta in maniera semplice. A cura di Lacerba.io

Le 6 startup finaliste di .itCup Registro 2017

Dalle 110 candidature arrivate per la sesta edizione della .itCup organizzata dal Registro.it sono stati selezionati i progetti innovativi che parteciperanno alla .itCup School a Pisa. E che il 26 ottobre saranno in finale a Roma

McDonald’s firma una linea di abbigliamento e la consegna a casa con UberEats

La famosa catena di fast food ha pensato per il 26 luglio a una campagna per celebrare il Global Delivery Day: in quella data chi ordinerà con UberEats si verà recapitare a casa un articolo con riferimento al marchio del Big Mac

Negli Stati Uniti arriva il primo avvocato-robot al mondo. Ed è gratuito

Il robot, che si chiama DoNotPay, in realtà è un’intelligenza artificiale in forma di chatbot e offre consulenza gratuita a chi non può permettersi un legale in carne e ossa. Nei due anni di sperimentazione ha contestato 375mila multe per il parcheggio

I vincitori della prima edizione: “Siamo cresciuti grazie a Start To Be Circular”

Grazie alla call di Fondazione Bracco la startup Orthoponics ha acquisito le giuste competenze per conquistare il mercato. Scadenza il 3 di novembre. In palio un premio del valore di 10.000 euro e l’ingresso nell’incubatore SpeedMiUp

Botnet, Microsoft combatte Fancy Bear in tribunale

Per fronteggiare l’offensiva cibernetica che si presume giunga dalla Russia, a Redmond hanno scelto un’arma non convenzionale. I cyber-criminali sono colpiti a suon di carte bollate, e la loro botnet smantellata in tribunale