4 errori da evitare quando scegli la foto su LinkedIn, spiegati in 3 minuti

Il profilo LinkedIn è uno strumento potente, che spesso viene associato erroneamente alla sola ricerca di lavoro. Avere un profilo ottimizzato è invece fondamentale per chiunque, perchè ci da la giusta visibilità sul web come singoli individui.

Il profilo LinkedIn è uno strumento potente, che spesso viene associato erroneamente alla sola ricerca di lavoro. Avere un profilo ottimizzato è invece fondamentale per chiunque, perché ci da la giusta visibilità sul web come singoli individui. E questo è fondamentale.

linkedin-password-login-android_1020

Dare una visione di sè stessi completa e approfondita permette a chi è in cerca di determinate competenze di trovarci, e magari di offrirci opportunità che non stavamo nemmeno cercando, ma che si possono rivelare estremamente interessanti. In termini di lavoro appunto, ma anche, perchè no, di partnership commerciali per la nostra società, e così via.

Ottimizzare il profilo LinkedIn è però meno banale di quanto si possa pensare. Non basta mettersi al computer e farlo. Vi sono una moltitudine di funzionalità che possono risultare determinanti nel rendere più o meno accattivante la propria figura professionale, le proprie esperienze e le proprie competenze.

E poi ci sono una serie di semplici accorgimenti, spesso trascurati. Ad esempio evitare di caricare immagini del profilo LinkedIn “sbagliate”, come spiega Raffaele Gaito, imprenditore, blogger e formatore esperto di personal branding, in questo breve video estratto dal corso “LinkedIn: migliora il tuo profilo e ottieni risultati SUBITO” realizzato in collaborazione con il nostro team di Lacerba.io.

 

[youtube id=”DBvZuVIu800″]

3 Commenti a “4 errori da evitare quando scegli la foto su LinkedIn, spiegati in 3 minuti”

  1. mario

    come azienda ( http://www.spille.com/ ) che è prima in Italia per la realizzazione delle spille personalizzate e pins promozionali abbiamo tempo fa aperto anche una pagina linkedin ma devo dire che non abbiamo avuto grandi giovamenti

  2. Lacerba.io

    Ciao Mario! Purtroppo LinkedIn è meno semplice e immediato da utilizzare di quanto non sembri. Sinceramente, nel corso che Raffaele ha strutturato per noi si parla più di profili personali, ma ci sono consigli utilissimi anche per i profili aziendali. Spesso bastano pochi accorgimenti per rendersi più interessanti! 🙂

  3. Supermenn

    Chi sa trova lo stesso, non vado ad uscire pazzo con linkedin. Mi ci sono registrato e l’unico guadagno sono le mail che mi arrivano spesso, mentre il lavoro l’ho trovato inviando CV.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ti potrebbe interessare anche

La logica economica di un business model spiegata in 3 minuti

Capire le logiche alla base dei prospetti di bilancio ci permette di legare la nostra strategia alle previsioni economiche e finanziarie del business plan

User Interface e User Experience spiegate come se fossero una ciambella

Avete alla mai pensato alla User interface e User Experience di Zappos e Zalando come se fossero due ciambelle? Un video ve lo racconta in maniera semplice. A cura di Lacerba.io

5 video sul fare startup in Italia che chi fa startup dovrebbe vedere

Il video è il format del futuro, dicono. Qui cinque esempi di interviste a chi fa startup in Italia: le difficoltà, le speranze, le opportunità. Da Coppola (Luiss Enlabs) a Rossi (Cocontest)

Un box di delizie e un kit per la ricetta. L’ecommerce Caciocavallo Impiccato

Dal kit basic a quello gourmet, c’è tutto l’occorrente per preparare il caciocavallo impiccato, inclusa l’asta brevettata per tenerlo sopra una fonte di calore. Prevista a breve anche una rete di Street Food e un carrello-cucina per i ristoranti. Il progetto di Saverio Mancino nei dettagli

Allarme mondiale: il ransomware Petya dilaga bloccando trasporti, centrali elettriche e perfino Chernobyl

L’attacco, forse condotto con “Petrwap” una variante del virus Petya, già nota agli esperti, attacca le macchine Windows. Come già accaduto con Wannacry, anche in questo caso il ransomware utilizza l’exploit EternalBlue rubato alla NSA