Altro caso nel food delivery: Take Eat Easy ha chiuso

A settembre avevano ottenuto un round da 10 milioni. Tra gli investitori Rocket Internet che però non ha più investito nella società che adesso ha chiuso: dopo Pizzabo, la strategia della holding rimane poco chiara

Non gli è servito festeggiare la scorsa settimana il suo milionesimo ordine. Take Eat Easy ha comunicato lunedì 26 luglio di aver cessato le attività ed è a corto di denaro. Il milionesimo ordine sarà anche l’ultimo. La startup di food delivery, con sede a Bruxelles, che a settembre 2015 aveva chiuso un round da 10 milioni guidato da Rocket Internet non è riuscita a chiudere un round C, necessario per proseguire l’attività imprenditoriale. E dalle prime indiscrezioni uscite in queste ore, pare che il suo fallimento sia frutto di una strategia di mercato proprio del suo principale finanziatore. La holding tedesca dei fratelli Marc, Oliver e Alexander Samwer. 

68747470733a2f2f69616174612e696e666f2f686f6d652f6368726f6f745f6d6c2f6d6c2d746f756c6f7573652f6d6c2d746f756c6f7573652f7075626c69635f68746d6c2f494d472f6172746f6e313032332e6a7067

I motivi della chiusura: Impossibile raccogliere un round C

Il mercato del food delivery, è vero, è diventato incredibilmente competitivo. I concorrenti si chiamano Deliveroo, Delivery Hero’s Foodora, UberEATs di Uber, e potenzialmente anche Amazon. Anche per questo chiudere nuovi investimenti è diventato difficilissimo. Adrien Roose, founder e ceo di Take Eat Easy, ha raccontato a Tech Crunch che da ottobre dello scorso anno erano aperte le trattative per un round C. Un investmento da 30 milioni di euro da parte di un gruppo francese: dopo una lunga due diligence, la trattativa è saltata. «E non c’era un piano B» ha commentato sempre Adrien Roose. 

«Nelle ultimi 8 settimane, abbiamo disperatamente cercato di trovare soluzioni per mantenere in vita l’azienda. Abbiamo lavorato su offerte di finanziamento e acquisizioni, purtroppo niente si è materializzato. Ora abbiamo esaurito il tempo per mantenere le attività operative» fanno sapere da Take Eat Easy in un post sul blog. Il sito oggi presenta un messaggio d’addio ai clienti. 

Ma Take Eat Easy continua a crescere

Roose ha aggiunto anche che nel corso dell’anno passato, Take Eat Easy ha il 30 per cento di crescita mensile, e, oltre ad aver raggiunto più di un milione di consegne, aveva aumentato le sue partnership con i ristoranti portandole da 450 a 3.200 e la sua base di clienti da 30.000 a 350.000.  

Screen Shot 2016-07-26 at 16.14.30

Non resta che cercare di capire le cause per quello che sappiamo finora. Come ricorda TechCrunch, Rocket Internet ad aprile 2015 ha acquisito Volo, diretta concorrente di Take Eat Easy. Questa società il mese successivo ha subito un rebrandig, diventando  Foodora, poi venduta a Delivery Hero, di cui cui Rocket Internet possiede una quota del 40%.

Il gioco poco chiaro di Rocket Internet

Rocket Internet ha venduto le sue azioni di Take Eat Easy a Delivery Hero, il che significa che Rocket Internet si è ritrovata proprietaria di due startup concorrenti di food delivery. La soluzione più ovvia sarebbe stata quella di unire Foodora e Take Eat Easy in un’unica società. Ma per fare questo Delivery Hero avrebbe dovuto acquistare le azioni di Take Eat Easy.

Nelle ultimi 8 settimane, abbiamo disperatamente cercato di trovare soluzioni per mantenere in vita l’azienda

Cosa che la società tedesca potrebbe non aver ritenuto conveniente, perdendo l’investimento dello scorso settembre pur di non comprare le quote restanti. Difficile stabilire per ora con certezza le mosse di Rocket Internet e soprattutto capirne i motivi. Ma questo caso di fallimento ricorda un’altra mossa inattesa di Rocket Internet di quest’anno: la vendita di Pizzabo di Christian Sarcuni e di altre tre startup di food delivery a Just Eat a distanza di un anno da un’investimento di 51 milioni di euro.

Ti potrebbe interessare anche

Dipendenti contro Pizzabo: arriva la prima vertenza sindacale per una startup italiana

E’ stato il successo per l’ecosistema delle startup italiane nel 2015. Poi un po’ di tribolazioni dopo l’exit da 51 milioni a Rocket Internet, poi la vendita a JustEat. E adesso Pizzabo deve vedersela con i sindacati

Ex manager di Rocket, 29 anni, fonda una startup in Italia e raccoglie 3,5M in 12 mesi. Marco Ogliengo

Chi è il fondatore di ProntoPro.it, startup nata nel 2015 e lanciata con Silvia Wang che ha raccolto 3 milioni da Immobiliare.it

Exit per Foodinho, comprata dalla spagnola Glovo: in Italia si riapre la partita del food delivery

La seconda exit del 2016 ricalca il leitmotive del 2015: il food delivery italiano torna a fare gola alle holding estere. Un’altra azienda straniera arriva in Italia e si compra una startup, e un pezzo di mercato

Il capo di Zomato Italia molla tutto ad un anno dall’exit della sua Cibando: «Voglio nuove sfide»

Una decisione improvvisa, il country manager di Zomato ha lasciato il suo posto e ora si dedicherà ad altro: «Voglio crescere ancora, in altri settori»

Galaxy Note 8, tutte le notizie prima del lancio

Dopo la sfortunata storia del Note 7, quest’anno Samsung spera di bissare il successo del Galaxy S8. Con un terminale munito di pennino e accessori omaggio per chi prenota subito

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

Android 8.0, nome in codice: Oreo

Rispettata la tradizione dei dolcetti anche nella nuova release del sistema operativo mobile di Google. Che porta in dote novità per velocità e sicurezza

Zooppa lancia il primo contest per video VR a 360°. Ecco come partecipare

C’è tempo fino al 16 ottobre, saranno selezionati i migliori video promozionali o di storytelling girati con tecnologia 360° e della durata massima di 120 secondi
Garmin è partner tecnologico dell’iniziativa e mette in palio 5 Camere VIRB 360

DevSecOps: lo sviluppo software agile attento alla sicurezza

Sviluppatori, esperti di sicurezza, reparto IT: tutti devono collaborare per creare software davvero sicuro. Un concetto che si concretizza nel DevSecOps, un modo moderno e veloce per arrivare dall’idea alla produzione senza correre rischi