Le origini del crowdfunding Italiano, SiamoSoci oggi conta 3.800 startup e 16M raccolti

Dario Giudici cofounder e ceo del marketplace per aziende innovative spiega in due concetti chiave la sua piattaforma: diversificazione e selezione delle possibilità di investimento per un pubblico sempre più ampio

«SiamoSoci è nata per agevolare il momento più difficile della vita delle startup, che è e rimane il fund-raising». Così Dario Giudici, founder e ceo di SiamoSoci spiega l’idea dalla quale è nata la sua piattaforma nel 2011. Si tratta di un marketplace che sostiene le aziende emergenti nella fase iniziale, quando sono alla ricerca di investimenti pre-seed e seed.

«Una fase non semplice sulla quale gli investitori istituzionali come i fondi di venture capital non scommettono». In cinque anni di attività Siamo Soci ha ottenuto importanti risultati. La piattaforma è riuscita ad aggregare attorno a sé 3.800 startup registrate sul sito e 2000 business angels per 18mila utenti complessivi, per 16 milioni raccolti sulla piattaforma finora. «Questa rete ha generato operazioni che hanno permesso a una cinquantina di startup di finanziarsi», dice Giudici.

DarioGiudici_2015

Gli albori dell’equity crowdfunding, quando i founder giravano con la valigetta

Quando Siamo Soci ha visto la luce nel 2011 non c’era nessuno strumento online che agevolasse la fase di incontro tra privati e imprese innovative: «Gli startupper andavano in giro per mesi con la valigetta in mano cercando di fare leva sui loro contatti personalli alla ricerca di persone interessate a investire. E questo spesso faceva morire i progetti sul nascere perché era tutto tempo che l’imprenditore toglieva allo sviluppo del suo business», spiega Giudici.

Ma la voglia di guardare al panorama delle startup c’era. E corrispondeva al desiderio di investire in economia reale, lasciando da parte le sole azioni in borsa. È per questo che i 9 partner della piattaforma hanno poi lanciato un servizio che ha permesso a una platea più ampia di investitori di conoscere e poi decidere di finanziare delle idee. Tutto è stato giocato sulla visibilità che le aziende hanno ottenuto sul sito di SiamoSoci e sulla creazione di una community di persone potenzialmente interessate a mettere a disposizione delle startup denaro e competenze.

«Di fatto con SiamoSoci abbiamo anticipato i tempi dell’equity crowdfunding», ammette Giudici. L’unica differenza con il crowdfunding più noto è che la piattaforma non era aperta a tutti ma solo ai partecipanti della community attraverso i club deal che erano stati creati e che coprivano tutti i settori dell’innovazione. Nella storia di SiamoSoci molta importanza ha avuto l’ingresso del Gruppo Azimut nel capitale, un operatore quotato indipendente che gestisce patrimoni privati.

Su Mamacrowd iniziative diversificate e selezionate

Nel frattempo però, in casa SiamoSoci è parso evidente che il meccanismo messo in piedi, anche se molto ben funzionante, rischiava di essere destinato ai soli business angels. È così che è nata la seconda piattaforma, Mamacrowd: «È uno strumento destinato a chi, pur non avendo una competenza specifica in tema di startup, voglia comunque approcciare questo mondo facendolo crescere», spiega Giudici.

Tutto è cominciato con la creazione di club deal più ampi che avevano in portafoglio più startup e assicuravano all’investitore di mettere i soldi su iniziative diversificate e già selezionate grazie alla collaborazione con i 22 incubatori sul territorio». La prima campagna di crowdfunding è stata aperta a fine aprile 2016 ed è ancora possibile finanziare Club Italia investimenti 2 con il suo paniere di 64 startup. Al momento sono stati raccolti quasi 167mila euro.

«La diversificazione assicura all’investitore un profilo di rischio decisamente più digeribile», precisa Giudici.

I successi di 5 anni di attività

Nei cinque anni di attività del portale le soddisfazioni sono state molte. È del 22 luglio la notizia della chiusura di un round di 355mila euro per LeCicogne.it proprio grazie a SiamoSoci. Nel 2012 Siamo Soci ha potuto assistere a un’importante exit per una delle startup che si era finanziata anche grazie alla sua piattaforma.

La startup è Viamente e il suo algoritmo software per la logistica è stato acquisito da una società americana. «È solo uno dei tanti successi che abbiamo avuto nella nostra storia relativamente breve, ma in cui abbiamo visto crescere la qualità dei progetti e degli incubatori e l’interesse da parte del mercato verso delle alternative legate all’economia reale in cui mettere le proprie risorse», continua Giudici.

Con la nuova normativa, è stata superata anche la soglia di investimento di 500 euro. In questo modo chiunque voglia investire può farlo senza rivolgersi a intermediari, ma direttamente online sul portale che ha dalla Consob l’autorizzazione di verificare l’appropriatezza degli investitori.

Un Commento a “Le origini del crowdfunding Italiano, SiamoSoci oggi conta 3.800 startup e 16M raccolti”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Londra: Your.MD chiude un round da 10 milioni. E ha un management tutto italiano

Nuovo aumento di capitale per la startup guidata da Matteo Berlucchi, che offre consulenza medica a mezzo bot: le nuove risorse serviranno a potenziare l’intelligenza artificiale che fornisce le risposte e ad ampliare il network di partner

Con dalmiomedico.it i medici di famiglia portano online il loro ambulatorio

La piattaforma lanciata dal Centro medico Santagostino di Milano consente di prenotare le visite con un clic verificando l’orario pubblicato dai dottori. In questo modo vengono ottimizzati i tempi e si migliora il servizio ai pazienti

Made in Italy e Lifestyle | Le due call di LUISS Enlabs. Come applicare

Fino al 25 settembre le startup possono candidarsi alla nuova edizione del Programma di Accelerazione nel Tech Hub all’interno di Roma Termini. Ma c’è anche una seconda call for applications, verticale

La presidenza dell’UE passa all’Estonia | Una buona notizia per la rivoluzione digitale

Data Embassy e lega per la cyberdifesa, il Paese sul Baltico è uno dei più all’avanguardia nel rispondere alle minacce di hacker e terrorismo digitale. Il premier estone Juri Ratas: “I dati sono il prossimo carbone e acciaio”