L’inarrestabile ascesa di Max Ciociola, dalla Puglia all’acclamazione di Zuckerberg

Ritratto di uno startupper di successo. Ecco chi è Max Ciociola che, con la sua Musixmatch ha conquistato anche Mark Zuckerberg.

Ci sono momenti che fanno un po’ da spartiacque. C’è un prima e c’è un dopo. Spesso sono legati ad un’immagine, quasi ad un’istantanea. Ecco potrebbe essere successo questo a Massimo “Max” Ciociola, CEO e founder di Musixmatch (il più grande catalogo online di testi di canzoni. Fondato nel 2010 con Gianluca delli Carri, oggi conta 60 milioni di utenti, ci lavora da 15 anni un team di 30 persone), quando Mark Zuckerberg lo ha citato, ha fatto il suo nome, mettendolo insieme, in una piccola grande frase, al CEO di Spotify Daniel Ek. Europei entrambi, italianissimo Ciociola. «La tecnologia ci permette di emergere ovunque» ha detto dal palco Mr. Facebook.

E Massimo c’è. Si è alzato in piedi, tra gli applausi. Quanti anni di sacrifici gli saranno passati davanti? Ma chi è Massimo “Max” Ciociola? 39 anni, pugliese. E’ nato a Foggia ma è cresciuto a Manfredonia. A Bologna ci è arrivato da universitario, dove ha studiato ingegneria. È sposato con Dora e padre di Alice.

ciociola

Spirito pugliese

Musixmatch è nata in Emilia Romagna è vero, ma lo spirito è pugliese. A Tg Norba24 (una vera istituzione per la regione) che gli ha chiesto se sarebbe stato possibile fare Musixmatch in Puglia ha risposto così: «Non so se sarebbe stato possibile farlo da non pugliese. Lo spirito pugliese combattivo, di non arrendersi mai, di voler fare e fare bene credo abbia fatto la sua parte». Quindi «non conta dove la fai, ma come la fai e che background hai. E io rimango sempre legato alla Puglia».

[youtube id=”nWKiNRgKZv8″]

La prima startup

Imprenditore da quando ha 18 anni, nel 1999 Massimo Ciociola fonda la Wireless Solutions, tra le prime aziende in Europa a quell’epoca a muovere i primi passi nel mondo degli smartphone e del mobile entertainment. L’azienda venne poi acquisita da DADA, uno dei pionieri dell’Internet di quel tempo. Wireless Solutions nel 2002, anno in cui venne acquisita, contava 33 dipendenti e sedi in UK, US, Spagna ed Asia.

Gli anni di Dada

Dopo l’acquisizione da parte Dada, ha ricoperto diversi ruoli, tra cui quello di Amministratore Delegato per l’area Mobile per i Paesi Iberici e Latinoamericani (è stato in Spagna per 3 anni).

Nel 2008 è diventato VP Mobile Service International per Dada.

A capo quindi di tutte le attività legate alla telefonia mobile del Gruppo Dada, a livello mondiale, con un team da 90 persone e uffici in 18 paesi nel mondo. «La più grande opportunità dell’Italia è proprio la mancanza di opportunità – disse a Corriere.it nel 2013 – scontrandosi con i problemi della vita di tutti i giorni arrivano le idee per risolverli, e queste si possono trasformare in imprese di successo».

2015, la partnership con Spotify

All’inizio del 2015 poi la notizia. Spotify integra l’archivio di testi più grande al mondo creato da Max Ciociola nel proprio servizio per desktop. «Cinque anni di prove e tanti errori, che ci stanno per chi fa startup e lo sappiamo. Come il microfono per Karaoke che abbiamo lanciato nel 2013, è andata male, ci abbiamo provato» disse a StartupItalia Ciociola. «Abbiamo buttato il sangue per 5 anni. Tutto qui. Abbiamo sbagliato e imparato dagli errori. Abbiamo fatto sacrifici, tutti, tutto il team». Una ricetta che permetterà a Musixmatch di ottenere altri successi. Un modello, vero, per chi voglia percorrere la stessa, difficile, strada.

  • Un curriculum di tutto rispetto – e da tutte le biografie di questi imprenditori, il messaggio è chiaro: non arrendersi!

Il “ricatto” cinese che ha fatto crollare bitcoin di 100 dollari in 1 minuto, spiegato

Bitcoin era tornato sopra i mille dollari e in un minuto è sceso di 100. Per colpa dei cinesi e, soprattutto, di un paradosso: i governi non possono controllare bitcoin ma possono, con le loro scelte, influenzarne l’andamento. Abbiamo cercato di capire il perché con il founder di Euklid, Antonio Simeone

Questa app sviluppata da Prospeh (H-Farm) ti dice da dove viene il cibo. OriginTrail

Prospeh è una startup di origini slovene ha sviluppato un’applicazione che mostra le informazioni sulla provenienza dei prodotti alimentari. Fa parte della seconda edizione del Food Accelerator, il programma di H-Farm

Il futuro di Internet non è nella fibra. Così Elon Musk ci farà connettere dallo spazio

Mentre Facebook ci prova con i droni, Space X vuole lanciare in orbita più di 4mila satelliti per portare internet ovunque. L’impresa è titanica se si pensa che ad oggi ci sono solo 24 satelliti nello spazio per il GPS e che le aziende che ci hanno provato prima hanno fallito

F-Secure compra la (ex) startup italiana fondata dall’hacker Andrea Barisani

Exit per la startup di sicurezza informatica di Trieste, comprata dal gruppo del colosso finlandese degli antivirus. Con l’ingresso nel gruppo, Barisani diventa nuovo capo della Sicurezza hardware di F-Secure