Quanto cambierebbe il Pil italiano se non ci fosse Roma? Infografica

Quanto cambierebbe il Pil delle nazioni se non ci fossero le capitali? Qualcosa in meno, un po’ per tutti. Tranne la Germania, che ne guadagnerebbe. Una bella infografica di TheAtlas

Quanto cambierebbe il Pil delle nazioni se non ci fossero le capitali? Qualcosa in meno, un po’ per tutti. Tranne la Germania che ne guadagnerebbe se dai bilanci venisse meno Berlino. La capitale soffre di un ritardo storico non ancora colmato. E la Germania corre. Ma subito dopo viene l’Italia. Con Roma che contribuisce solo per il 2,1% al Pil nazionale, secondo questa infografica pubblicata su TheAtlas e ripresa da Qz.com. A ruota (ma con distacco) Amsterdam, Madrid e Vienna.

  • Roma, città “avara”…

Le chiamano le “Uber del lavoro”: 3 startup (non italiane) che stanno correndo di più

Sempre più piattaforme offrono lavoretti a chiamata e che sono alla base della cosiddetta gig economy. E sono anche il modo migliore per le aziende di assicurarsi copertura nei momenti critici senza assumere stabilmente nuovi dipendenti: il trionfo dell’outsourcing

I Mooc di Harvard e MIT stanno perdendo studenti. E il motivo è semplice

Un’indagine realizzata su 290 corsi delle due università americane ha rintracciato nell’introduzione del pagamento delle certificazioni una delle cause della crisi. Sotto osservazione anche la proliferazione dei corsi a contenuto specialistico che porta gli studenti a distribuirsi

Open hardware e agricoltura di precisione per sostenere le PMI agricole. Il progetto RuralHack

Se ne parla al Country Hack Fest il 22 gennaio: il punto sul rapporto tra digitale e territorio rurale, verso un futuro nel quale tecnologie e sostenibilità saranno protagonisti di un cambiamento radicale della cultura di approccio alla terra

Intesa Sanpaolo e Federico II creano un hub per fare open innovation al Sud

Il progetto del Gruppo Intesa, all’interno del Campus che ospita la iOs Academy di Apple, vuole creare sinergie tra l’Università e imprese. Due gli obiettivi principali del nuovo polo: ridurre la disoccupazione e fermare la fuga dei cervelli