Twitter è in vendita. Google è in pole tra i 10 acquirenti possibili

Secondo indiscrezioni rilanciate dalla Cnbc, Twitter sarebbe ad un passo dalla vendita. Tra i possibili acquirenti Google e Salesforce. Il dossier, scrive il Financial Times, è stato affidato a Goldman Sachs.

Ci siamo. Secondo indiscrezioni rilanciate dalla Cnbc, Twitter oramai è già a un passo dalla vendita. Tra i possibili acquirenti Google e Salesforce, ma non sono gli unici. Il dossier, come scrive sabato 24 settembre l’edizione cartacea del Financial Times, è stato affidato a Goldman Sachs. L’accordo per la vendita dovrebbe concretizzarsi entro l’anno. Intanto il titolo fa registrare un +21,4% in Borsa. Numeri che non si vedevano da tempo.
The Twitter logo is seen on the floor before the company's IPO at the New York Stock Exchange in New York, November 7, 2013. REUTERS/Lucas Jackson (UNITED STATES - Tags: BUSINESS) ORG XMIT: TOR206

Twitter tiene le porte aperte alle acquisizioni

Comunque andrà a finire, una cosa è certa: la stagione in corso di M&A è di quelle da ricordare. Oltre a Microsoft hanno aperto il portafogli Oracle (9,3 miliardi di dollari per NetSuite) e Verizon (4,8 miliardi per il core di Yahoo). E adesso a rinfocolare le indiscrezioni ci sono le frasi di Evan Williams, co-fondatore e membro del board di Twitter. Quando la giornalista di Bloomberg Emily Chang chiede se la società rimarrà indipendente, Williams risponde così: “Siamo in una posizione forte e dobbiamo considerare l’opzione migliore”. Tradotto: non chiuderemo la porta in faccia a chi busserà con un’offerta interessante.

Twitter resta in affanno: target mancati, utenti che non crescono quanto sperato e conti in rosso. Cerca una soluzione. Non stupisce allora che il solo accenno alla vendita si ripercuota in modo sensibile sul titolo: + 6% nelle ultime due sedute. Lo stesso sussulto si era avuto il 3 agosto, quando si era diffusa la notizia che Steve Ballmer, ex ceo di Microsoft e azionista di Twitter con il 4% del capitale, stesse organizzando una cordata per acquisire la società assieme al principe saudita Al-Waleed bin Talal (detentore del 5%). Tra il 2 e il 15 agosto, le azioni hanno superato quota 20 dollari, crescendo del 27%. Non se n’è fatto nulla e i titoli sono tornati a livelli più consueti.

Twitter in vendita: un anno di voci

Le indiscrezioni sui possibili acquirenti non si sono limitate al solo Ballmer. E sono state spesso accompagnate da un sobbalzo a Wall Street. A gennaio si era fatto il nome di News Corp. L’idea era piaciuta al mercato, tanto da far salire il titolo del 14%. Il Wall Street Journal indicava invece tre altri papabili: Alphabet in testa, seguito da Time Warner e Twenty-First Century Fox. Come si nota, la forte vocazione informativa di Twitter attira non solo le tech company ma anche i gruppi editoriali. twitterE non è finita qui. A febbraio spuntano  su Theinformation i nomi di Marc Andreessen e di Silver Lake, società di private equity. Per il New York Post, invece, Twitter avrebbe discusso la fusione con Yahoo. Andrà (molto) diversamente. A giugno Recode torna su Google, cui affianca la new entry Comcast. Techcrunch amplia invece la rosa a Apple, Facebook, News Corp, Verizon, AT&T, Microsoft e Amazon.

Perché investire su Twitter secondo Ballmer

I motivi di interesse non mancano. La base di utenti e il flusso informativo possono interessare media e tech company (ammesso che questa distinzione esista ancora). Lo testimoniano i buy con i quali gli analisti bollano i titoli Twitter. E lo confermano le parole di Ballmer, che in un’intervista a Business Insider spiega perché ha deciso di prendersi il 4% di Twitter: “Ha avuto alcune difficoltà ma credo che nel lungo periodo continuerà a essere una grande società”. Secondo l’ex ceo di Microsoft, c’è ancora una consistente “potenziale al rialzo”. Nonostante il conto economico. Perché?

1. Twitter è riuscito a creare qualcosa di “estremamente difficile”: “un brand globale e riconoscibile”

2. “Ci sono molte opportunità per migliorare il prodotto

3. “Jack Dorsey ha mosso i primi passi, ma la struttura dei costi è ancora migliorabile”

Chi comprerà Twitter?

I nomi che girano sono più o meno gli stessi da tempo. Non è questione di scarsa immaginazione. Il prezzo di Twitter non è certo alla portata i tutti. 10 miliardi di dollari. Tanti, ma 30 in meno rispetto alla valutazione che poteva vantare 3 anni fa. Comunque non sono tante le società che potrebbero permetterselo. Ci sono alcuni indiziati principali, per possibili sinergie e capacità di spesa. C’è chi viene accostato all’affare più per la capienza del portafoglio che per piani strategici. E ci sono i possibili outsider.

jack dorsey

I soliti noti. E Google

Google. A Mountain View le risorse non manca. La capacità di analisi di Google e il flusso in tempo reale di Twitter potrebbero sposarsi per moltiplicare le potenzialità pubblicitarie del sito di microblogging. Potenziare i propri strumenti e monetizzare Twitter. Senza dimenticare le sinergia con Android.

Amazon. Twitter potrebbe essere uno strumento utile per l’e-commerce e per aggiungerebbe valore alla linea dei dispositivi Fire.

Microsoft. Nadella punta sui servizi. E Twitter potrebbe essere un prodotto da aggiungere al pacchetto. C’è però un grande dubbio: Microsoft ha già speso 26 miliardi di dollari per LinkedIn.

Un passo indietro

Facebook. Mark Zuckerberg, in passato, ha sondato il terreno. E ha anche tentato di assumere Jack Dorsey prima che diventasse ceo. Facebook sta mettendo sempre più l’accento su contenuti e live. Ma ha davvero bisogno di Twitter?

Apple. Uno strumento in più per la propria piattaforma e per migliorare la qualità delle analisi.

AT&T e Verizon. Entrambi vogliono diventare media company a tutto tondo. Entrambe, però, hanno già affrontato da poco un investimento importante: Direct Tv e Yahoo. Mettere le mani su Twitter sarebbe un rischio.

Comcast. Servizi via cavo, broadcaster, internet. Se Verizon ha fatto il grande passo con Yahoo, sul web Comcast ha preferito partecipazioni di minoranza come Vox Media. E’ arrivato il tempo di cambiare marcia?

Gli outsider

Investorplace indica tre “dark horse”, tre outsider che non si possono escludere dalla corsa.

Salesforce. Era interessata a LinkedIn e NetSuite: nulla di fatto. Dimostra comunque di essere a caccia. L’acquisizione di Quip (da 750 milioni) non è dello stesso ordine di grandezza. Con Salesforce, Twitter potrebbe trasformarsi in qualcosa di molto diverso. Uno strumento di analisi da mettere a disposizione delle aziende. Oggi da outsider è diventata la seconda papabile azienda a comprarsi Twitter, subito dopo Google.

News Corp. Le incursioni di Rupert Murdoch sul web non sono nuove. Twitter si incastrerebbe bene nel suo impero tecnologico-informativo, a partire da MarketWatch e Dow Jones. Due le controindicazioni: News Corp ha smentito l’interesse, lo scorso gennaio. La capitalizzazione da 8 miliardi rende il gruppo un pesce relativamente piccolo per potersi permettere un investimento così corposo.

Ibm. Dal 2014 Ibm ha una partnership con Twitter che consente l’accesso ai suoi dati. Ponendo l’accento sui big data, la società potrebbe essere uno dei papabili. Con dimensioni tali da rendere Twitter un obiettivo fattibile.

@paolofiore
@arcamasiilum