Le 3 regole base per creare un logo di successo, spiegate in 3 minuti

Ogni logo è profondamente diverso e distintivo, ma esistono linee base che chiunque voglia crearne uno dovrebbe seguire. Come le 3 racchiuse in questo video

I nostri occhi si soffermano ogni giorno, inconsapevolmente, su milioni di loghi. Provate a farci caso. Vi svegliate la mattina e scendete dal letto, aprendo le palpebre solo per cercare le ciabatte. Fila? Birkenstock? Hawayanas? Tutte con il loro inconfondibile logo stampato sopra.

Marchio di successo Lacerba

Arrivate in bagno ed ecco davanti a voi il dentifricio X, il sapone Y, il deodorante Z, ecc, ecc. E così via per tutto il resto della giornata. Senza mai fermarsi, il nostro sguardo cattura e viene catturato da tantissime piccole immagini o scritte, e le rielabora automaticamente.

Del resto infatti siamo talmente abituati alla cosa che non ci rendiamo nemmeno più conto della presenza dei loghi. Anzi, a pensarci meglio ciò che percepiamo bene, o male alle volte e a seconda dei punti di vista, è l’assenza degli stessi.

Un paio di scarpe da calcio senza logo ad esempio. Le comprereste? In tanti probabilmente no. E se ci chiediamo come mai la risposta è piuttosto immediata. Perchè il logo è immagine grafica della brand identity di un’azienda, e con lei dei valori e delle sensazioni che questa evoca. Se il vostro idolo è Cristiano Ronaldo, sarete più portati a comprare Nike, se invece è Messi, Adidas. Non metterete probabilmente invece una scarpa che non rappresenti la vostra passione, così giusto per indossarla e giocare, come sarebbe comunque assolutamente naturale.

Avere quindi un logo efficace, che permetta all’azienda di farsi identificare dai propri clienti, è fondamentale. Alcune società hanno scelto come loghi simboli, altre scritte, altre ancora l’unione di questi due elementi. Alcune hanno pagato milioni i migliori designer del mondo per creare loghi unici, altri ci hanno investito pochi euro, ottenendo lo stesso successo.

Quali sono le regole base che, a prescindere dalla scelta stilistica, rendono quindi un logo davvero efficace?

In questo breve video tratto dal corso gratuito di Lacerba.io Crea un logo con Illustrator, il nostro web designer Matteo Fratesi ne individua tre principali. Un buon inizio per chiunque stia pensando a come creare, o rinnovare, l’immagine della propria attività.

[youtube id=”f0jiZ7peW7E”]

Ti potrebbe interessare anche

4 errori da evitare quando scegli la foto su LinkedIn, spiegati in 3 minuti

Il profilo LinkedIn è uno strumento potente, che spesso viene associato erroneamente alla sola ricerca di lavoro. Avere un profilo ottimizzato è invece fondamentale per chiunque, perchè ci da la giusta visibilità sul web come singoli individui.

5 video sul fare startup in Italia che chi fa startup dovrebbe vedere

Il video è il format del futuro, dicono. Qui cinque esempi di interviste a chi fa startup in Italia: le difficoltà, le speranze, le opportunità. Da Coppola (Luiss Enlabs) a Rossi (Cocontest)

55 consigli da 55 imprenditori italiani riassunti in 3 minuti

Più di 22 ore di video interviste, che oggi, per festeggiare un anno di Lacerba, abbiamo deciso di concentrare in poco più di 3 minuti

La logica economica di un business model spiegata in 3 minuti

Capire le logiche alla base dei prospetti di bilancio ci permette di legare la nostra strategia alle previsioni economiche e finanziarie del business plan

Al via a Milano la Fashion Week. Cinque startup che vogliono innovare nella moda

Dal 20 al 25 settembre nel capoluogo lombardo eventi e passerelle per mettere in mostra le ultime tendenze in fatto di abiti, scarpe e accessori. Ma non bisogna perdere di vista chi cerca di modernizzare il settore con la tecnologia. Qui qualche esempio

Food delivery, cosa ordinano gli studenti | La ricerca

Al vertice delle preferenze svettano i piatti americani seguiti dalla cucina asiatica e da quella italiana. In Italia trionfano pizza, burger e sushi. E il 75% spende oltre 20 euro per un ordine