Nano Tech Projects raccoglie 600k da Italian Angels for Growth

IAG investe nella startup nata nel 2012 nelle Marche, che ha sviluppato un innovativo sistema diagnostico

NTP Nano Tech Projects, startup attiva nel campo della biosensoristica ottica, ha ricevuto un investimento di 600 mila Euro dai soci di Italian Angels for Growth (IAG), il più importante gruppo italiano di Business Angels attivo dal 2007 nello sviluppo di nuove realtà imprenditoriali. Questo primo round di finanziamento verrà utilizzato per accelerare l’ingresso nel mercato di un innovativo dispositivo diagnostico. NTP Nano Tech Projects è una startup innovativa nata nell’ottobre 2012 a Sant’Angelo in Vado, in provincia di Pesaro-Urbino. In particolare, NTP è la prima startup innovativa a vocazione sociale riconosciuta in Italia dal Ministero dello Sviluppo Economico, in accordo alle nuove linee guida emanate nel 2015.  NTP ha trovato impulso dall’incontro tra la ricerca scientifica di Adolfo Carloni e la visione imprenditoriale e tecnologica degli altri due soci fondatori di NTP, Massimo Galavotti e Gianluca Maroncelli. Ai tre fondatori si è unito Mauro Malan.

Nano Tech Projects

Passo in avanti nello sviluppo

«Siamo estremamente soddisfatti ed onorati di annoverare i membri di IAG all’interno della nostra compagine societaria – ha dichiarato  Massimo Galavotti, cofondatore e CEO di NTP Nano Tech Projects – certi del fatto che, unitamente all’importante supporto finanziario, le competenze dei soci IAG che hanno investito in noi contribuiranno in maniera significativa al successo del nostro progetto. Dopo le conferme raccolte nel confronto con il mondo scientifico ed accademico, il riconoscimento nel 2015 di prima startup innovativa in Italia, con status di impresa a vocazione sociale e l’erogazione del Grant Phase 1 Horizon 2020, l’investimento dei soci di IAG rappresenta un ulteriore passo in avanti nella strategia di crescita di NTP».

Valutazioni diagnostiche sempre più efficaci

«Riteniamo – ha detto Aurelio Mezzotero, Managing Director di IAG – che la tecnologia di NTP sia posizionata in maniera ideale per supportare le tecniche di patologia digitale, approccio fortemente innovativo che presto consentirà di condividere in tempo reale con i migliori specialisti le immagini dei tessuti biologici del paziente, permettendo così valutazioni diagnostiche collaborative, sempre più rapide ed efficaci. Riponiamo inoltre molta fiducia nel team NTP, di alto livello scientifico-tecnico e manageriale».

Il rilevatore ottico che “vede” i virus premiato da Horizon

NTP ha progettato un rilevatore ottico-laser, di ridotte dimensioni e di facile impiego, in grado di catturare immagini ad alta risoluzione e anche di rilevare nanoparticelle. Il dispositivo è protetto da 2 brevetti. L’azione del rilevatore progettato da NTP è possibile grazie ad una tecnologia innovativa sviluppata e brevettata sulla base dei risultati preliminari di una attività di ricerca nell’ambito della applicazione della biosensoristica ottica per la rilevazione preventiva del virus HPV (Human Papilloma Virus) a livello genetico, che rappresenta la principale causa di insorgenza del cancro su differenti organi ed in particolare sulla cervice uterina. Il carcinoma della cervice uterina è il secondo per incidenza di mortalità tra i tumori che si sviluppano nella popolazione femminile.

La tecnologia di NTP, già sviluppata e testata, è attualmente in fase di sviluppo con la prospettiva di procedere in tempi rapidi alla fase di validazione clinica, che verrà realizzata in collaborazione con centri di ricerca ed ospedalieri sul territorio nazionale.

La strumentazione di NTP permetterà di ottimizzare e velocizzare il processo di rilevazione dei virus e dei relativi genotipi da campioni di DNA, con un impatto positivo sia sulla diminuzione dei costi del processo diagnostico che sul miglioramento del supporto terapeutico mirato. Inoltre, la versatilità di questa strumentazione apporterà interessanti innovazioni nell’ambito della patologia digitale, tecnica emergente che si basa sulla disponibilità di una nuova infrastruttura di dispositivi connessi in rete, con la possibilità di controllarne da remoto ed in tempo reale il funzionamento e la visualizzazione delle immagini diagnostiche. Le innovazioni apportate dal progetto di NTP sono state riconosciute anche dall’Unione Europea, nell’ambito del programma Horizon 2020 SMEINST, che ha supportato il progetto attraverso l’erogazione di un grant.

[iframe id=”https://www.youtube.com/embed/TMD6SowwLK8″]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Dal sushi alla Coca-cola, un progetto ci mostra quanto zucchero c’è negli alimenti

SinAzucar è il progetto spagnolo che fotografa gli alimenti che si trovano comunemente nelle nostre case per mostrarci quanto zucchero raffinato effettivamente contengono

Dai soldi al network, i 4 contributi delle corporate alle startup. Il caso Tecno a Napoli

Il contributo di una corporate alla startup, secondo L’advisor Giovanni De Caro, dovrebbe essere erogato secondo una precisa scala di priorità. L’open innovation di una società di Napoli e le modalità di investimento nelle startup