Tappx chiude un round da 550k con b-ventures e Kibo

Primo aumento di capitale per la startup spagnola che aiuta gli sviluppatori e che entrerà a far parte del programma di b-ventures

Primo aumento di capitale di 550.000 euro per Tappx, startup spagnola (nata per aiutare gli sviluppatori e i proprietari di app a farsi conoscere e a trovare nuovi utenti) costituita da due anni e mezzo, che conta una community di 10 mila sviluppatori che si scambiano 600 milioni di visualizzazioni ogni mese. L’operazione è stata condotta da Kibo Ventures (fra i Venture Capital più attivi in Spagna nel settore digitale. Gestisce fondi per un valore di €120 M) e b-ventures (progetto nato all’interno del Gruppo Buongiorno. Ora DOCOMO Digital). In particolare, Tappx entrerà a far parte del programma di b-ventures, che include supporto economico e mentoring con alcuni dei migliori specialisti internazionali in sviluppo tecnologico e di business in ambito mobile – volto ad accelerarne l’internazionalizzazione. Tappx ha raggiunto il break-even in poco più di un anno ed è stata accelerata da Wayra Barcelona, acceleratore di startup di Telefonica Open Future, un programma dedicato all’open innovation, investimento e apprendimento.

Il finanziamento ottenuto in questo round e il programma di accelerazione di b-ventures aiuteranno Tappx a ottimizzare la tecnologia , a lanciare una soluzione di monetizzazione per app e ad accelerare la crescita internazionale del progetto che attualmente ha gli uffici a Barcellona e ha appena aperto una nuova sede in India.

Tappx

Il team di Tappx

Promuovere l’app senza un budget di marketing

Tappx è stata fondata da Daniel Reina (CEO) e Antonio Hervás (CTO), che lavorano insieme da 15 anni a diversi progetti imprenditoriali. Tra questi, una app in grado di confrontare i prezzi dei cellulari tra oltre sette milioni di prodotti di sei paesi diversi, che ha fatto emergere  la difficoltà di promuovere la propria app senza un adeguato budget di marketing. Proprio per rispondere a questa esigenza e per aiutare altri sviluppatori di tutto il mondo nella stessa situazione che hanno deciso di creare Tappx.

La pubblicità la fa la community

Tappx aiuta gli sviluppatori e i proprietari di app a farsi conoscere e a trovare nuovi utenti senza bisogno di investimenti. In che modo? Ha dato vita a una commuinity internazionale di applicazioni mobile che possono scambiarsi pubblicità tra di loro: le applicazioni della comunità guadagnano infatti crediti mostrando la pubblicità di altre app, che poi vengono investiti in pubblicità della propria app sulle app degli altri membri, applicando un filtro per paese e tipologia. Una tecnologia intelligente che permette di ottimizzare gli scambi e massimizzare i risultati per download riusciti.

Capacità di crescita e potenziale internazionale

«Crediamo che Tappx abbia un’elevata capacità di crescita e un enorme potenziale internazionale – ha dichiarato Mauro Del Rio, fondatore di b-ventures -è un progetto che si adegua alla filosofia del programma b-ventures che unisce innovazione tecnologica e di business e che si focalizza sul mondo mobile, con il valore aggiunto di offrire soluzioni al mondo degli sviluppatori di app. Siamo convinti che lavorare insieme ai nostri esperti contribuirà ad accelerare la loro espansione a livello internazionale». Per Daniel Reina, CEO di Tappx, «Kibo e b-ventures sono due grandi partner che sicuramente ci daranno supporto con le loro competenze, la rete contatti e le possibilità di collaborazione con altre startup in cui hanno investito. Siamo molto contenti di iniziare questo nuovo percorso con maggiori risorse economiche per accelerare la nostra crescita».

Il “ricatto” cinese che ha fatto crollare bitcoin di 100 dollari in 1 minuto, spiegato

Bitcoin era tornato sopra i mille dollari e in un minuto è sceso di 100. Per colpa dei cinesi e, soprattutto, di un paradosso: i governi non possono controllare bitcoin ma possono, con le loro scelte, influenzarne l’andamento. Abbiamo cercato di capire il perché con il founder di Euklid, Antonio Simeone

Questa app sviluppata da Prospeh (H-Farm) ti dice da dove viene il cibo. OriginTrail

Prospeh è una startup di origini slovene ha sviluppato un’applicazione che mostra le informazioni sulla provenienza dei prodotti alimentari. Fa parte della seconda edizione del Food Accelerator, il programma di H-Farm

Il futuro di Internet non è nella fibra. Così Elon Musk ci farà connettere dallo spazio

Mentre Facebook ci prova con i droni, Space X vuole lanciare in orbita più di 4mila satelliti per portare internet ovunque. L’impresa è titanica se si pensa che ad oggi ci sono solo 24 satelliti nello spazio per il GPS e che le aziende che ci hanno provato prima hanno fallito

F-Secure compra la (ex) startup italiana fondata dall’hacker Andrea Barisani

Exit per la startup di sicurezza informatica di Trieste, comprata dal gruppo del colosso finlandese degli antivirus. Con l’ingresso nel gruppo, Barisani diventa nuovo capo della Sicurezza hardware di F-Secure