Le finaliste di .itCup 2016: Yalp, l’app per scoprire gli accordi di ogni canzone (da un mp3)

Yalp si rivolge a tutti quesi musicisti, amatori, semi-pro e pro che vogliono imparare a suonare una canzone. E’ una web app che trascrive automaticamente gli accordi musicali partendo da un mp3.

Yalp si rivolge a tutti quei musicisti, amatori, semi-pro e pro che vogliono imparare a suonare una canzone. Si tratta di una web app che trascrive automaticamente gli accordi musicali partendo da un mp3: una macchina programmata per riconoscere ciò che solo un orecchio allenato può fare. Yalp è una delle finaliste della quinta edizione di it.Cup, la startup competition di Registro.it dedicata ai progetti d’impresa nel settore ICT. Abbiamo intervistato i tre founder: Simone, Mattia e Vincenzo.

yalp-160818205236_medium

Diteci qualcosa di voi: cosa volevate fare da piccoli? Qual è il vostro percorso di studi? Quali sono state le esperienze che hanno cambiato la vostra vita?

Siamo informatici, matematici e musicisti. Senz’altro l’aver studiato musica fin da piccoli ci ha “aperto” la mente e ci ha permesso di conoscere linguaggi differenti sviluppando inoltre il lateral thinking. Per esempio lo sai che i musicisti sviluppano l’interplay, cioè quando suonano in gruppo comunicano senza parlare? Poi lo studio della matematica, dell’informatica e del business hanno contribuito a formare i nostri profili e in seguito la nostra startup.

Come vi siete conosciuti? Raccontateci aneddoti e retroscena

Io (Simone) e Mattia ci siamo conosciuti all’interno di una scuola di musica da ragazzini. Poi siamo diventati amici. Vincenzo lo abbiamo incontrato casualmente a una cena di compleanno di un amico comune. Fortunatamente siamo riusciti a fare buona impressione su di lui anche essendo un po’ “alticci”!

Come vi vedete tra 10 anni?

Proprio ora stiamo addestrando una rete neurale per aiutarci a rispondere a questa domanda!

77935

Chi ha avuto l’idea? Vi ricordate cosa stavate facendo in quel preciso momento?

L’idea originale è nata durante un mio (Simone) bagno nei mari della Grecia, poi però si è evoluta fino alla forma che ha ora. Nel mentre si è aggregato il team e le passioni comuni (informatica e web, musica, matematica e topologia algebrica) hanno fatto il resto.

Qual è il vostro punto di forza e qual è, in breve, il vostro business model?

Siamo amici prima di tutto. Abbiamo diversi interessi comuni e alle spalle una discreta dose di risate condivise. Siamo profili complementari ognuno con il suo campo di specializzazione. Creiamo software che utilizzano l’intelligenza artificiale in ambito creativo. La valorizzazione e monetizzazione è specifica caso per caso. Per il nostro primo prodotto, Yalp, vogliamo far crescere la community e monetizzarne il valore. Infine vendere API con le info presenti nel nostro db.

 

Schermata 2016-09-13 alle 14.29.46

Raccontateci i momenti salienti della storia della startup  

Senz’altro uno dei momenti più importanti è stato l’incontro casuale con i nostri investitori durante una passeggiata in centro. Da lì si è creato il gancio per intavolare una seria discussione sul piano imprenditoriale, che è poi confluito nella fondazione (2 febbraio 2016). Davanti al notaio eravamo tutti molto contenti e orgogliosi di questo passo. Il giorno dopo però eravamo già pronti a rimboccarci le maniche. Altre curiosità riguardano le email che riceviamo dai nostri utenti. C’è chi ci racconta la sua storia e chi ci ringrazia per il servizio che offriamo. Sono chiaramente un grande stimolo per noi.

Come avete conosciuto .itCup Registro?

Attraverso un post ripreso da un amico (che ha partecipato a una precedente edizione, vincendola).

Perché avete deciso di partecipare?

Vista la qualità dell’iniziativa abbiamo ritenuto importante “provarci”. Siamo contenti di essere in finale.

Perché pensate di poter vincere e, in caso, cosa farete con il premio?

Pensiamo che offrire servizi e prodotti a elevato valore di innovazione, posizionati all’incrocio tra tecnologia e creatività, sia una caratteristica rilevante della nostra startup. L’intelligenza artificiale e il machine learning sono due asset molto importanti nel 2016.

Qual è la vostra ricetta per una startup di successo?

Team solido, fiducia, allineamento di interessi con gli investitori e soprattutto fare, fare e ancora fare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ti potrebbe interessare anche

Le finaliste di .itCup: SharkNet, il wearable hi-tech per apneisti e sub

Continua il nostro viaggio alla scoperta delle startup finaliste di it.Cup. Oggi vi presentiamo Sharknet, il wearable tracker per apneisti e sub. È un device hi-tech che monitora dati e prestazioni rendendo più efficienti e sicure le immersioni

Le finaliste di .itCup: Yamgu, la tua guida di viaggio personalizzata

Inizia oggi il nostro viaggio alla scoperta delle startup finaliste di .itCup, la competition di Registro.it. Partiamo con Yamgu, la piattaforma web e mobile che massimizza l’esperienza di viaggio. Tutto grazie a un algoritmo che filtra e organizza i dati estratti dai social.

Le finaliste di .itCup: Mathesia, la piattaforma dedicata alla matematica applicata

Mathesia è la prima piattaforma di open innovation dedicata alla matematica applicata. Qui le realtà industriali incontrano i migliori specialisti nell’ambito di data science, modellistica, simulazione, ottimizzazione di prodotto o di processo

I tre progetti innovativi che hanno vinto la Puglia Startup Pitch Session

I dettagli e i vincitori dell’iniziativa organizzata da Puglia Startup e Arti – Agenzia regionale per la tecnologia e l’innovazione della Regione Puglia, con la partnership di Heroes meet in Maratea e la piattaforma di equity crowdfunding MuumLab